8.5

Redazione

8.6

Lettori (1)


  • 2
  • 0
  • 4
  • 0
  • Data di uscita: 3 luglio 2014
  • Piattaforme: wiiu
  • Tipologia di gioco: Action, Puzzle

ArmilloRotola ancora, Sam 13

Un sorprendente indie per Wii U che trae ispirazione da tanti giochi diversi

Armillo per Nintendo Wii U
In digital delivery su Nintendo eShop

Armillo è figlio di una lunga gestazione, cominciata nel lontano 2012 e conclusasi ora che il gioco è diventato un'esclusiva temporanea per l'eShop Nintendo. Più di due anni per sviluppare un platform apparentemente come tanti altri. L'animaletto buffo, il fratellino rapito, i nemici meccanici che fanno tanto natura contro tecnologia, i mondi colorati... Nulla che non abbiamo già visto, insomma, e che potrebbe farci pensare alla famigerata morte della fantasia. È così che spesso si ignorano tanti bei titoli indie che aspettano soltanto quel minuto in più di attenzione per rivelarsi qualcosa di meglio, qualcosa di speciale, qualcosa che potrebbe cambiare le regole del gioco. Armillo, nel suo piccolo, ci prova, e lo fa ispirandosi fortemente a grandi classici del passato recente e remoto: il risultato è un platform che ci ha sorpreso davvero e che ci fa ben sperare per il futuro della piattaforma virtuale di Nintendo.

È un idraulico? Troppo piccolo! È un porcospino! Troppo arancione! È Samus Aran? No, è Armillo!

Il clone sclonato

Armillo è l'omonimo protagonista del platform, un armadillo arancione che si ritrova ad affrontare un lungo e pericoloso viaggio per salvare la sua famiglia dai Darkbot. Una storia vista e stravista, che i ragazzi di Fuzzy Wuzzy Games ci raccontano senza strafare ma riuscendo comunque nell'impresa di coinvolgerci nelle disavventure del loro eroe. Un animaletto che ce ne ricorderà subito un altro: non è blu e non è super veloce, ma si appallottola allo stesso modo, e quel modo di appallottolarsi ci ricorda un altro personaggio, una certa cacciatrice di alieni interestellare che riesce a rotolare nei passaggi più stretti in un'imitazione perfetta di Marble Madness. Rotola ancora, Sam E il primissimo livello di gioco - e gran parte di quelli successivi - non ci scrollano di dosso certo una forte sensazione di deja vu che ci rimanda a un idraulico baffuto sperduto tra le stelle. Super Mario Galaxy è stata sicuramente la fonte d'ispirazione portante di Armillo, poiché si gioca praticamente allo stesso modo: i livelli sono dei planetoidi cui ruoterà intorno la telecamera mentre li esploreremo affrontando un pericolo dietro l'altro. Le meccaniche basilari sono semplicissime: lo stick sinistro o l'accelerometro per spostarsi, un tasto per saltare, un tasto per scattare. Tutto qui, tanto è bastato a Fuzzy Wuzzy Games per congegnare un level design veramente da applausi, perché se i primi minuti possono far storcere il naso ricordando Mario, Sonic e Metroid, ci si rende subito conto che lo sviluppatore canadese non si è limitato a scopiazzare i titoli Nintendo e SEGA, ma a far proprie le loro idee proponendo qualcosa di tutto suo. Il trucco non sta nell'originalità dei puzzle - perché non c'è molto di originale nel trovare chiavi per aprire porte o premere interruttori per sgombrare passaggi - ma nel ritmo serrato con cui si susseguono le sfide, passando dalle sequenze platform agli enigmi, dal combattimento al "time trial": ogni livello è diverso dall'altro sia nei contenuti che nel modo in cui vengono serviti, e non si ha mai quella brutta sensazione di ridondanza che si avverte quando un gioco finge soltanto di essere qualcos'altro. Armillo - Trailer di presentazione Armillo - Trailer di presentazione

L'armadillo con una marcia in più

Armillo è un gioco equilibrato anche dal punto di vista della longevità: non troppo lungo né troppo corto, punta molto sui "completisti" senza apparire povero agli occhi di odia il backtracking. Ogni mondo è costituito da quattro livelli, un boss e uno stage segreto, ma per sbloccare quest'ultimo e raccogliere ogni goodie nascosto sarà necessario rigiocare i vari livelli dopo aver fatto un salto nel negozio che scambierà la valuta raccolta mentre eravamo a spasso con upgrade, bonus permanenti e abilità speciali. Rotola ancora, Sam Nessuno di questi acquisti è imprescindibile, ma alcuni ci permetteranno di raggiungere zone altrimenti inaccessibili e completare al cento percento ogni mondo. In questo senso, la varietà non manca, sia dal punto di vista del gameplay sia da quello meramente tecnico: al level design in stile Super Mario Galaxy si affiancano dei livelli a scrolling orizzontale che dovremo completare correndo contro il tempo e altri maggiormente incentrati sul puzzle solving o sul combattimento piuttosto che sui salti e la precisione manuale. Forse la parte più deludente dell'esperienza sono stati proprio i boss, abbastanza banali nell'esecuzione se confrontati al tripudio di idee concentrato in ogni stage. In ogni caso, Fuzzy Wuzzy Games ha fatto il possibile per differenziare esteticamente le location pur con i pochi mezzi a disposizione: Armillo non è certo un titolo indie che spinge al massimo la potenza di Wii U, e fa leva quasi interamente sugli effetti di illuminazione e sullo stile generale di ogni mondo, così da offrire situazioni differenti nonostante la mediocrità delle texture o del polygon count. Peccato quindi che, in certi frangenti, si verifichino dei cali di frame rate abbastanza inspiegabili, che colpiscono l'azione in momenti in cui non sembrerebbe esserci nulla in grado di provocare il difetto. Tendenzialmente il problema capita quando la scena è particolarmente confusa, ma non di rado ci sono capitati dei rallentamenti piuttosto fastidiosi in momenti altrimenti di calma piatta. È un difetto da poco, comunque, e non intacca minimamente la voglia di spolpare al massimo ogni stage, grazie anche alla loro brevità e densità.

Armillo è un gioco sorprendente perché i primissimi minuti di gioco fanno pensare a un prodotto di caratura decisamente inferiore, ma in realtà premettono una trentina di livelli pieni zeppi di situazioni e sfide ingegnose che metteranno alla prova riflessi e meningi. Pur non mostrando i muscoli della console Nintendo, il titolo firmato Fuzzy Wuzzy Games si difende bene e, standosene bene alla larga dagli eccessi inutili, regala un mix perfetto di gameplay e varietà a un prezzo davvero allettante.

Christian La Via Colli

Pro

  • Level design eccellente
  • Difficoltà ottimamente bilanciata
  • Prezzo contenuto

Contro

  • I primi minuti possono dare l'impressione sbagliata
  • Tecnicamente non è niente di che