Warhammer 40.000: Eternal CrusadeQuando caos è solo confusione 

Tante promesse, ma alla fine Warhammer 40,000: Eternal Crusade è solo un treno deragliato

Immaginiamo un povero giocatore appassionato di Warhammer 40,000 che pieno di grazia decide di acquistare la versione finale di Warhammer 40,000: Eternal Crusade. Ne ha letto in giro e le promesse dietro a questa produzione erano altisonanti: un MMO ambientato nel mondo di Warhammer con i Tyranid all'attacco dei territori in possesso dei giocatori. Quando caos è solo confusione Quando caos è solo confusione Questi ultimi si sarebbero dovuti organizzare, avrebbero dovuto acquistare dell'equipaggiamento condividendo le risorse e si sarebbero dovuti strutturare in gilde per sopravvivere. Il condizionale è d'obbligo, perché di tante magnifiche idee non è rimasto praticamente nulla nel gioco finito. Attualmente Eternal Crusade è definibile come un normale arena shooter in cui quattro fazioni, Space Marine, Ork, Space Marine del Caos ed Eldar se le danno di santa ragione su mappe più o meno grandi a seconda della modalità scelta (Battaglia totale per 50-60 giocatori, Schermaglia per 30.40), in cui bisogna difendere o conquistare dei punti di controllo. In realtà i Tyranid ci sono: basta selezionare la modalità Covo, ossia una cooperazione tra cinque giocatori che devono svolgere varie missioni insieme. Peccato che sia poco giocata ed esaurisca il suo interesse dopo un paio di partite (è evidente come sia un pezzo di qualcosa di più grosso che non è stato completato). E l'MMO? Svanito. Ma torniamo al nostro giocatore che ha appena speso i suoi cinquanta euro per entrare in gioco e, da bravo boy scout, inizia a crearsi il suo personaggio completamente personaliz... ah, no? Per personalizzarlo bisogna spendere o moneta di gioco o moneta premium acquistabile con altri soldi veri? Pensate, ha speso cinquanta euro e si ritrova subito a combattere con un negozio stile free-to-play. Ma lui è ancora ottimista (sul negozio torneremo poi) e decide di iniziare a giocare con le classi standard. In fondo, pensa, non ho bisogno di personalizzare il mio personaggio visto che non ho ancora provato a giocare. Superato il tutorial (una mappa speciale con dei messaggi che spiegano le varie meccaniche di gioco), entra finalmente in una partita... e viene letteralmente massacrato. Di fronte a uno Space Marine corazzato il mitragliatore del suo Ork sembra sparare palle di carta. Intere raffiche andate a segno, ma sembrano aver sortito pochissimi effetti. Una, due, tre morti. Che succede? Ci sono dei cheater sul server? No, è gente che gioca da mesi la versione in Accesso Anticipato e ha un equipaggiamento che tu ti sogni, o caro giocatore appena entrato. Oltretutto hanno un sacco di abilità sbloccate, e ti sogni anche quelle. Finché non riuscirai ad acquistare anche tu qualche prezzo pregiato, sarai carne da macello.

Abbiamo recensito Warhammer 40,000: Eternal Crusade e non c'è piaciuto moltissimo

Pagare ancora?

Il nostro amico è incredulo. Continua a giocare, ma partita dopo partita è sempre più scoraggiato. Ormai ha anche imparato tutte le meccaniche: sa come usare il suo orco alla perfezione, ne conosce i limiti e le armi. Qualche uccisione arriva, ma il distacco rispetto agli altri è sempre altissimo. L'abilità conta poco, è chiaro: i personaggi di Warhammer 40,000: Eternal Crusade non sono velocissimi (a parte durante alcune manovre speciali), ma il problema non è colpirli. Negli scontri diretti un personaggio ben equipaggiato vincerà sempre contro uno mal equipaggiato. Purtroppo non esistono nemmeno server divisi per livelli e quindi ci si trova sempre in svantaggio. Il nostro giocatore è parecchio giù di morale. Quando caos è solo confusione Gli unici a essere al suo livello sono gli altri novellini, anch'essi dotati dell'equipaggiamento standard. Le opzioni sono due: continuare così, arrivando infine a comprare qualcosa di decente per il personaggio, oppure spendere soldi veri per la personalizzazione. E qui torna il nostro negozio in gioco: per personalizzare un personaggio bisogna spendere tra i trenta e i quaranta euro di media. Inizialmente gli sviluppatori avevano detto che gli unici oggetti acquistabili con soldi veri sarebbero stati quelli estetici, ma non è andata così. Attualmente ci sono oggetti unici, anche molto potenti, che non possono essere acquistati con la moneta di gioco. Quindi ci troviamo di fronte a un pay-to-win? No, sarebbe meglio dire a un re-pay-to-win, visto che come già detto costa cinquanta euro. Certo, ci sono le abilità che aiutano un po' a mitigare la sensazione di squilibrio, ma siamo sempre lì: se i server si riempiono di giocatori vecchi e nuovi, i secondi saranno inevitabilmente le vittime sacrificali dei primi (ogni fazione ha il suo albero di abilità dove spendere i punti acquisiti salendo di livello). È brutto parlare di un gioco in questi termini, ma bisogna fare i conti con questi problemi se si vuole capire come mai Warhammer 40,000: Eternal Crusade è attualmente un grosso fallimento. Il nostro giocatore di cui sopra dovrà infatti dedicare un sacco di tempo, o spendere altri soldi, per riuscire a diventare competitivo. In tutto questo l'esperienza diretta fatta sul campo di battaglia avrà un ruolo molto marginale, perché lo aiuterà poco o nulla finché non avrà gli strumenti giusti.

C'è confusione, sarà perché ti amo

E qui arriviamo a un altro nodo cruciale da trattare: il gameplay di Warhammer 40,000: Eternal Crusade è ancora acerbo. Troppo acerbo. Le quattro classi sono squilibrate, con dei grossi problemi derivati dalla loro asimmetria, evidentemente non risolti con le patch di questi ultimi mesi. Quando caos è solo confusione Tra colpi accecanti, cannoni automatici, armi da lunga distanza potentissime, cure scriteriate e chi più ne ha più ne metta, sembra sempre di giocare la stessa partita. Ogni fazione ha le sue tattiche vincenti, che rendono quasi inutile tentare altre vie. Chi fosse desideroso di sperimentare non riuscirà a farlo con grande facilità, un po' perché il caos regna sovrano, e un po' perché il sistema di combattimento è evidentemente pensato per un altro tipo di gioco. Il risultato finale è che quello che poteva essere il gioco definitivo dedicato al mondo di Warhammer, ha fatto davvero una brutta fine e allo stato attuale è considerabile più una versione alfa che un titolo completo. Ad aiutare non ci pensa nemmeno il lato tecnico. Certo, i modelli sono realizzati molto bene e hanno delle ottime animazioni. Anche le mappe, seppur non molte, rendono bene le atmosfere dell'universo di Games Workshop. Peccato però per i vistosi cali di fluidità, con i fotogrammi al secondo che crollano vertiginosamente senza un reale motivo. Insomma, anche guardando Warhammer 40,000: Eternal Crusade dal punto di vista tecnico ci si rende conto che è un titolo non finito e che ha ancora bisogno di rifiniture e ottimizzazione.

Requisiti di Sistema PC

  • Configurazione di Prova
  • Processore Intel Core i7-4770
  • 16 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce GTX 960
  • Sistema operativo Windows 10
  • Requisiti Minimi
  • Sistema operativo 64-bit (Windows 7, Windows 8 e Windows 8.1)
  • Processore Intel Core i3 4170 o AMD FX-8120
  • 6 GB RAM
  • Scheda video NVIDIA GTX 570 2GB o AMD HD7850 2GB
  • Requisiti Consigliati
  • Processore Intel Core i5 o AMD FX-8300 o superiore
  • 8 GB RAM
  • Scheda video NVIDIA 780GTX o AMD HD 7970
Clicca per votare!
4.0

Redazione

4.4

Lettori (4)

Crediamo di essere stati abbastanza chiari nella recensione, ma ribadiamo i motivi fondamentali per i quali bocciamo di Warhammer 40,000: Eternal Crusade: difficoltà di accesso per i neofiti, gameplay caotico, limiti evidenti causati dalla riduzione in corsa del progetto, negozio in gioco con oggetti acquistabili soltanto con soldi veri, mancanza di rifiniture tecniche... cosa abbiamo dimenticato? Se vi interessava per le caratteristiche da MMO, sappiate che non è un MMO. Se vi piacciono gli arena shooter, sappiate che in giro se ne trovano di molto meglio. Se siete fan di Warhammer 40,000... be', ci sono moltissimi altri giochi basati su questo universo, alcuni dei quali sono molto validi. L'unica speranza è che lo sviluppo continui e piano piano siano risolti tutti i problemi, ma a essere ottimisti ci vorranno mesi, se non anni per farcela.

Simone Tagliaferri

Pro

  • Belle musiche

Contro

  • Nessun cuscinetto per far accedere al gioco i novizi
  • Meccaniche da MMO adattate a un arena shooter
  • C'era bisogno di un negozio in gioco così avido?
  • Manca molto, troppo di ciò che il gioco doveva essere

TI POTREBBE INTERESSARE