La guerra delle armature  8

In concomitanza con le versioni per console, Iron Man 2 arriva su App Store per opera di Gameloft e ci propone anche in questo caso una trama alternativa al film.

Tony Stark, uno dei più grandi produttori di armi al mondo, viene rapito in seguito a un attentato che lo riduce in fin di vita. Per sopravvivere pesca nella propria memoria il vecchio progetto del "reattore Arc" e ne realizza un prototipo, impiantandoselo nel petto per impedire alle schegge di granata di avvicinarsi al cuore.

I suoi rapitori vogliono costringerlo a costruire dei missili, e Stark fa finta di eseguire gli ordini... Ciò che crea, però, è ben più di un missile: si tratta di un esoscheletro corazzato, alimentato dall'energia del reattore, che gli permette di sbaragliare un intero esercito di terroristi e di fuggire nel deserto finché non viene recuperato dalle truppe americane. Tornato in patria, Tony Stark è diventato un uomo nuovo: decide di interrompere la produzione di armi e contemporaneamente di continuare a lavorare al progetto Iron Man per garantire la pace a modo suo. Questo accadeva nel primo film, ce lo ricordiamo tutti. Nel sequel, uscito da poco nelle sale, Stark deve vedersela con il pericoloso "Whiplash", al secolo Ivan Danko (anche se nel fumetto originale il personaggio si chiama "Mark Scarlotti" ed è di origini italiane, non russe), nonché con il viscido industriale Justin Hammer. Antagonisti che sono sì presenti nel tie-in per iPhone e iPod Touch realizzato da Gameloft, ma che seguono strade differenti rispetto al film pur disponendo del medesimo squadrone di androidi da combattimento.

Ferro e fuoco

Fin dalle prime battute, Iron Man 2 si pone come un action game relativamente complesso, che si adatta alle peculiari capacità di input del dispositivo Apple con una serie di soluzioni talvolta azzeccate e talvolta no, piuttosto che semplificare il proprio gameplay sull'altare dell'immediatezza. E così il nostro super eroe corazzato può correre, utilizzare i famosi raggi repulsori nonché varie combo d'attacco e missili a ricerca, e infine gestire il proprio volo in due modi differenti: "levitando" a diverse altezze o procedendo come un razzo verso il proprio obiettivo, a tutta velocità. Vista la quantità di azioni eseguibili, i controlli richiedono un po' di pratica per essere ben assimilati, e anche allora non mancheranno le difficoltà dovute a una disposizione dei comandi che spesso si rivela macchinosa, anche per via di situazioni che in genere non ci facilitano la vita.

Per correre ai ripari, gli sviluppatori hanno pensato (male) di livellare verso il basso la difficoltà, ottenendo invece un effetto boomerang per quanto concerne la qualità del gameplay. Nei nove stage che compongono il gioco ci troviamo a indossare armature differenti e a controllare anche War Machine (ovvero l'amico di Tony, Jim Rhodes), affrontando una gran quantità di androidi e un certo numero di boss finali. Questi ultimi si muovono e attaccano secondo i soliti pattern da memorizzare, ma in genere la strategia del muoversi sempre e attaccare quando possibile funziona senza grossi problemi. Bisogna dire che è stato fatto più di uno sforzo nella direzione della varietà, ad esempio in uno scenario dobbiamo trovare e liberare dei civili, in un altro disinnescare delle bombe, in un altro ancora fare piazza pulita dei nemici, ecc. I punti guadagnati al termine di ogni stage ci permettono inoltre di potenziare l'armatura dal punto di vista offensivo (rendendo le armi più efficaci o acquisendo nuove combinazioni di colpi) e difensivo (rendendo le schermature più solide), con un buon riscontro pratico durante l'azione. Passando a un discorso prettamente tecnico, abbiamo un Iron Man davvero ben realizzato nella sua armatura "classica", che nelle inquadrature ravvicinate dà il meglio di sé ed è dotato di un'animazione di discreta qualità. Tutto quello che gli ruota attorno paga dazio, però: dalle persone che salviamo (orribili) agli androidi che combattiamo, si nota l'uso di modelli poligonali davvero semplici e spigolosi. Gli scenari si muovono fra alti e bassi, ma in linea di massima offrono un buon compromesso fra quantità degli oggetti e livello di dettaglio, con un frame rate costante. Il sonoro è un po' troppo "soffice" e privo di mordente, ma si segnalano le voci degli attori originali durante le cutscene a rallegrare un po' l'atmosfera.

La versione testata è la 1.0.0
Link App Store

Multiplayer.it

6.4

Lettori (8)

4.2

Il tuo voto

Iron Man 2 per iPhone e iPod Touch si presenta come un tie-in terribilmente simile alle versioni per console, il che da un lato costituisce un'ottima notizia (con gli sviluppatori di Gameloft che tentano di realizzare un prodotto "adulto" dal punto di vista delle meccaniche, molto distante da tanti "giochini" disponibili su App Store), dall'altro ci mette di fronte una serie di problematiche legate proprio all'ottimizzazione del gameplay quando si ha a che fare con un sistema di controllo basato sul touch screen. Il prodotto appare spesso inutilmente complesso ma al contempo non propone una sfida degna di questo nome, e così l'esperienza scivola via senza particolari acuti. Il prezzo di vendita (5,49 euro) risulta in linea con questo genere di produzioni, ma anche ai fan sfegatati del supereroe in armatura suggeriremmo di attendere un ritocco verso il basso.

PRO

  • Gameplay vario
  • Molto simile alla controparte per console
  • L'armatura è davvero ben realizzata

CONTRO

  • Controlli inevitabilmente macchinosi
  • Facilotto e privo di particolare spessore
  • Sistema di combattimento confusionario

VAI ALLA SCHEDA DEL GIOCO

In digital delivery su None