8.0

Redazione

8.1

Lettori (45)


  • 41
  • 10
  • 53
  • 0
  • Data di uscita: 10 novembre 2010
  • Piattaforme: x360
  • Tipologia di gioco: Casual, Rhythm

Dance CentralTutti in pista! 18

Gli sviluppatori di Rock Band questa volta ci fanno ballare grazie al Kinect: è il momento di scatenarsi in balli sfrenati!

Il gioco richiede Kinect per Xbox 360

La nuova periferica Microsoft che rileva il nostro corpo per usarlo come sistema di controllo è ormai nelle case di molti di noi, così come una nutrita lineup di titoli inizialmente disponibili. Tra uno sport ed un fitness non poteva ovviamente mancare un gioco dedicato al ballo, visto che Kinect è in grado di "mapparci" dalla testa ai piedi e una delle sue caratteristiche è proprio quella di rilevare i movimenti. Quale migliore occasione per creare un rhythm game? Dopo che anche la concorrenza ha virato verso questo genere, con classici come Singstar e successi recenti come Just Dance, gli utenti Xbox non potevano rimanere fermi sui loro divani senza scalpitare passi e balletti.

Le canzoni di Dance Central

Ogni amante del ballo non potrà non scalpitare semplicemente leggendo la lista delle canzoni presenti in Dance Central, un mix di pop, hip hop e funky che inserisce tanti grandi successi. Gli americani impazziranno nell'imparare finalmente i passi di Soulja Boy, vero e proprio fenomeno oltre oceano con la sua Crank That resa celebre da Fast and Furious. I garndi successi sono anche Satisfaction (Benassi), Meneater (Furtado), Just Dance e Poker Face (Lady Gaga), You Know you want me (Pitbull), Drop it like it's hot (Snoop Dogg), Down (Jay Sean), ma anche altre canzoni altrettanto "movimentate" come quelle di Cascada, Beasty Boys, M.I.A., Nina Sky, Young MC e Kylie Minogue. Insomma, ce ne sono tante (una trentina) e per tutti i gusti. Le prime in digital delivery, inoltre, sono già arrivate e pronte per essere scaricate, dimostrazione che il gioco godrà di un ottimo supporto per future espansioni.

Il vostro personal trainer per la disco

Pur essendo il mercato ormai pieno di validi giochi di ballo, Dance Central ha un vantaggio strategico dovuto proprio all'utilizzo di Kinect. In altri titoli, infatti, il movimento del ballo è rilevato dalle periferiche impugnate tra le mani dei giocatori: un sistema preciso, ma riguarda strettamente la spazialità di un hardware, e non di noi stessi. Kinect "vede" tutto il nostro corpo nella sua interezza e si interfaccia con esso per rilevarne le mosse, i movimenti nello spazio 3D di camera nostra ed anche i più minimi dettagli come un piede piegato a destra piuttosto che a sinistra. Questa precisione non induca a titubanze, però. Dance Central non è un cattivo maestro inflessibile come la Celentano di Amici, piuttosto lascia un discreto margine di valutazione dei movimenti. In sostanza, l'importante è effettuare la mossa con la giusta postura e movimento, e la CPU considererà esatto il passaggio. Dopo aver testato pressochè l'intera lineup iniziale di Kinect si può affermare un concetto: Dance Central è il gioco che rileva in modo più efficace i movimenti del corpo (anche Your Shape, se però si può considerare un gioco quest'ultimo piuttosto che un personal trainer di fitness), anche in spazi relativamente ristretti. La bontà del sistema di rilevamento è subito evidente fin dall'inizio. Il sistema di navigazione tra i menù di Dance Central è praticamente immediato, veloce, perfettamente preciso, un esempio da seguire d'ora in avanti per tutti gli altri. La sequenza iniziale ci mette subito nel mood giusto per scatenarci in pista, la presentazione del gioco, disegnata a cartone animato, è super dinamica e coinvolgente, mostrando ballerini e ballerine in un ambiente urbano decisamente underground prodigarsi in evoluzioni hip hop e mosse degne di un video di MTV (che produce il gioco, tra l'altro). Appena dopo il filmato introduttivo ecco che ci viene data la possibilità di buttarci direttamente in pista oppure di imparare le varie mosse da eseguire nei balli. Vista l'impostazione di Dance Central suggeriamo la seconda opzione: proprio come un tutorial il gioco spiega un passo dopo l'altro e ci dà la possibilità di associare i nomi delle mosse ai movimenti, cosicchè una volta iniziato il gioco vero e proprio siamo in grado di eseguirle con perfetta sincronia. Tutti in pista! Uno dei problemi di questo genere di giochi, infatti, è quello del sistema "di imitazione" di ciò che appare su schermo. Per farla breve, normalmente nei nuovi giochi di ballo basati su periferiche di movimento, il giocatore deve imitare le movenze di una guida su schermo, producendosi magari in movimenti perfetti ma per forza di cose in leggero ritardo rispetto all'originale su schermo. Mentre giochiamo a Dance Central, invece, vengono visualizzate le mosse in anteprima e ad ognuna è assegnato un "nome" che dopo il training sicuramente ricorderemo. Pur avendo un sistema di pre visualizzazione, in ogni caso la CPU si rivela abbastanza comprensiva e tollera minimi ritardi. Buttarsi subito in pista, quindi, è sconsigliato per chi volesse prendere il gioco "in modo serio". Cliccando sulla voce del menù "scomponi", il nostro maestro di ballo personale ci mostra infatti tutti i passi più importanti facendoceli ripetere un numero di volte sufficiente finchè non li abbiamo metabolizzati a dovere. Partendo dalle canzoni con coreografie più semplici, che prevedono movimenti basilari e mosse relativamente facili da imparare, si può arrivare pian piano a veri e propri balletti in stile televisivo nei quali siamo chiamati ad eseguire passi di breakdance, robot, traslazioni del bacino e rotazioni complesse degli arti. La curva di apprendimento è morbida e costantemente tarata verso l'alto, in modo lineare ma progressivo così da darci tutto il tempo per imparare e migliorarci. Dance Central - Videorecensione Dance Central - Videorecensione

Obiettivi Xbox 360

Dance Central, come ogni gioco Xbox 360, mette sul piatto i classici 1000 punti da sbloccare, in ben 50 obiettivi. Come siano riusciti gli sviluppatori a crearne così tanti vista la mancanza cronica di opzioni e modalità? Presto detto: tutto è legato ai punteggi ottenuti e alle mosse eseguite. Per avere tutto il bottino è quindi necessario imparare bene tutte le canzoni e i passi, dopodichè non sarà difficile farcela.

Tutti in pista... ma uno alla volta!

Il grande merito di Dance Central, oltre a quello inestimabile di avere un controllo sulla rilevazione pressochè perfetto, sono le coreografie dei balletti perfettamente studiate e incredibilmente coinvolgenti. Pensate ovviamente da professionisti del settore, riescono a trovare un giusto equilibrio tra chi non ha mai ballato in vita propria e chi invece si dedica a questa passione già con successo. Non era semplice creare dei passi adatti a tutti, ma che allo stesso tempo soddisfacessero anche chi già sapesse ballare, e lo sviluppatore in questo ha pienamente avuto successo. Dopo avervi mostrato i punti di forza del gioco Harmonix, possiamo ora passare ai tasti dolenti. Il menù di gioco rende subito palese una certa mancanza di opzioni e modalità, prima tra tutti la classica "carriera" che ha fatto la fortuna di molti altri Rhythm Game più o meno simili. Non c'è una vera e propria modalità single player che ci permetta di acquisire fama, girare il mondo per ballare, diventare qualcuno progredendo nel ballo, ma il tutto si riduce "semplicemente" a un gioco mordi e fuggi in stile arcade (dance dance di Konami docet). La progressione del gioco c'è, ma è legata esclusivamente allo sbloccare nuovi personaggi, costumi, set dove ballare e nuove sfide (ballare due/tre canzoni in sequenza). Tutti in pista! Qualcuno potrebbe pensare che in fondo questo non possa costituire un problema, visto che questo genere di giochi sono studiati per farci divertire in modo veloce e spensierato, magari in multiplayer con degli amici. E anche qui casca l'asino, perchè Dance Central ha si una modalità multigiocatore, ma legata strettamente a due persone ed in modo cooperativo/competitivo nel quale non si può ballare insieme. Scelta infatti la sfida a due, i giocatori si devono alternare davanti allo schermo uno alla volta, con sequenze di freestyle intermedie che servono a dare il tempo dello scambio. Nella modalità cooperativa il punteggio è condiviso, mentre in quella competitiva è ovviamente separato e concorre a decretare il vincitore della sfida. Carina l'idea di riprendere i movimenti del freestyle e le mosse finali per riproporcele successivamente e darci la possibilità di condividerle con gli amici. In poche parole, per quanto riguarda il multiplayer Dance Central lascia decisamente il passo ad altre produzioni analoghe che permettono addirittura di ballare in otto persone. Il sensore Kinect è per Dance Central il punto più forte a favore, ma per adesso anche la sua limitazione proprio perchè (per adesso) non riesce a gestire abbastanza giocatori tutti insieme. Probabilmente anche perchè servirebbe un intero palco per esibirsi. Le coreografie del gioco sono visualizzate da un'ottima grafica con modelli poligonali di personaggi e ambientazioni decisamente dettagliati, ma soprattutto con animazioni favolose ovviamente derivate da un motion capture perfetto.
Sulla colonna sonora niente da dire, visto che ci abbiamo dedicato un paragrafo appositamente, ma possiamo solo ribadire che Dance Central punta tantissimo sulle hit più famose della sua tracklist riproponendole anche in tutti i momenti morti del gioco. Il gioco Harmonix rappresenta per certi versi un esempio da imitare per i titoli futuri, riguardo a precisione nel rilevamento non ha eguali tra l'intera lineup Kinect, ma speriamo che nelle sue future incarnazioni venga supportato un vero multiplayer e magari un occhio di riguardo in più per il single player.

Uno dei migliori giochi per Kinect è senza ombra di dubbio questo Dance Central, che riesce a dettare delle linee guida per le future produzioni per quanto riguarda precisione nel rilevamento in-game e nei menù, e ovviamente a fornire divertimento per tutti gli appassionati di ballo. Sembra un colmo, ma il titolo Harmonix è un gioco che favorirà il divertimento dei singoli piuttosto che il multiplayer a causa dei suoi problemi intrinsechi. Non c'è però nemmeno una modalità carriera, e quindi ci sentiamo di consigliare questo titolo solo a chi volesse cimentarsi nei balli proposti ed eventualmente sfidare gli amici con i punteggi ottenuti. La strada che si intravede avanti è buona, ora bisogna solo imboccarla fino in fondo.

Claudio Camboni
 

Pro

  • Precisione della rilevazione dei movimenti
  • C'è un maestro di ballo privato dentro
  • Ottima tracklist
  • Divertimento assicurato

Contro

  • Non si può ballare insieme
  • Non più di due alla volta
  • Niente carriera in single player