Monster TroubleMostri alla riscossa 

Forte di un'ottima grafica, musiche orecchiabili e meccaniche di gioco non banali, il primo titolo per iPhone e iPad di Magic Dream Games punta a innamorare appassionati di strategia e di classici tower defense

Monster Trouble per iPhone
In digital delivery su None

Esploso su PC grazie a una sfilza di Flash game più o meno riusciti, il genere dei tower defense ha proliferato su App Store fin da subito, e tutt'ora applicazioni come Fieldrunners e Plants vs Zombies sono considerate dei veri e propri must per gli utenti iPhone e iPod Touch. Mostri alla riscossa Riuscire a proporre un tower defense che sia ancora appetibile, e abbastanza originale da non essere inombrato dalla nutrita concorrenza, è così diventato estremamente difficile, sebbene la cosa non sembri aver frenato gli sviluppatori di Magic Dream Games, che con il loro Monster Trouble hanno voluto dare un nuovo e interessante titolo in pasto agli appassionati del genere. Basterà una grafica poligonale elaborata e alcune piccole varianti nelle meccaniche di gioco a farci dimenticare per un po' piante spara-semi e zombie discotecari?

Tower defense o RTS?

Anzitutto va precisato che Monster Trouble, per quanto abbia ricevuto un ottimo adattamento nel suo recente sbarco su iPhone, è stato concepito e realizzato fin dall'inizio per essere fruito su iPad, ed è sullo schermo più ampio del tablet Apple che il tower defense di Magic Dream Games dà il meglio di sé. Ambientato in un mondo fantasy non eccessivamente ispirato, il titolo vede il giocatore alle prese con orde di goblin, orchi e altri pericolosi mostri intenzionati ad annientare il suo villaggio. In maniera prevedibile, ondate di nemici vanno eliminate una dopo l'altra, piazzando lungo il percorso una serie di strutture difensive in grado di indebolire le forze avversarie e incanalarle all'interno di un sentiero strategico. Nulla di particolarmente nuovo, insomma, se non fosse che il gioco prende in prestito tutta una serie di caratteristiche tipiche degli RTS, arricchendo così l'esperienza e offrendo una sfida più dinamica e complessa rispetto a quella di un classico tower defense. Mostri alla riscossa Abbandonata la struttura a griglia che accomuna un po' tutti gli esponenti del genere, Monster Trouble permette al giocatore di disporre le strutture in qualsiasi punto della mappa, creando percorsi meno scontati e più interessanti: tuttavia lo stesso vale anche per i nemici, i quali, piuttosto che seguire strade palesi in fila indiana, sono in grado di spostarsi in maniera più imprevedibile se messi in difficoltà. Se da un lato questa particolarità rende il gioco più interessante, dall'altro è anche una delle cause della sua ripida curva di difficoltà, e nonostante il recente aggiornamento dell'applicazione abbia messo una pezza ai problemi di bilanciamento più gravi, non aspettatevi di vedere la fine dell'avventura senza sudare sette camicie. Altra differenza con i tradizionali tower defense riguarda la necessità, oltre a costruire delle torri difensive, di popolarle con delle unità particolari: sia le fortificazioni che i piccoli soldati che le abitano hanno caratteristiche diverse, e starà al giocatore decidere se puntare tutto sul numero o sulla robustezza delle sue difese, mentre costruire piccoli pozzi permette di accumulare acqua necessaria a spegnere eventuali incendi appiccati dai nemici. Pollice in su per l'originalità delle unità di gioco, che tra mangiafuoco, cacciatori, zingare e agguerrite vecchiette danno un pizzico di colore e vivacità a ogni livello. Inoltre avere mura di diversi tipi e forme dà la possibilità di creare precisi percorsi nei quali deviare l'orda nemica, offrendo al gioco una profondità strategica poco comune nel suo genere. Il punto più alto del titolo, tuttavia, non è la sua sottile originalità nel gameplay, ma piuttosto l'ottima realizzazione audiovisiva. Con ombre dinamiche e ottimi effetti particellari, il motore grafico realizzato internamente dal team di sviluppo fa di Monster Trouble uno dei tower defense visivamente più intriganti sull'App Store. Allo stesso modo, i brani che compongono la colonna sonora del gioco, opera del giovane duo italiano dei 93 Steps, sono talmente orecchiabili che vi ritroverete a fischiettarli dopo appena un paio di partite. Eppure, come già accennato, su iPhone e iPod Touch il gioco viene penalizzato dalle piccole dimensioni dello schermo: dopo aver provato sia la versione iPad che quella per smartphone si nota immediatamente quanto sul tablet sia più comodo selezionare unità e disporre le torri, e ovviamente quanto meglio si possa apprezzare l'ottima grafica del gioco.

La versione testata è la 1.01
Prezzo: 1,59€ versione iPhone, 3,99€ versione iPad
Link App Store versione iPhone e iPod Touch
Link App Store versione iPad

Clicca per votare!
7.5

Redazione

4.2

Lettori (18)

Pur non arrivando a guadagnarsi lo scettro di miglior tower defense su App Store, Monster Trouble riesce sicuramente a distinguersi grazie a piccole idee ispirate al genere degli RTS e a una realizzazione tecnica davvero notevole. La possibilità di zoomare liberamente e ruotare la telecamera in tempo reale dà un senso di libertà e controllo che i tradizionali tower defense "a griglia" invidiano, mentre la varietà di torri e unità a disposizione dà spazio a elaborate strategie. Purtroppo il voto in calce fa riferimento alla versione iPhone, indubbiamente notevole e consigliata, ma nella quale le dimensioni dello schermo rappresentano un limite non da poco conto: chi ha un iPad può tranquillamente aggiungere mezzo punto in più.

Vincenzo Lettera

Pro

  • Ottima grafica
  • Originale mix tra tower defense e RTS
  • Musiche orecchiabili

Contro

  • Interfaccia non comodissima su iPhone e Touch
  • Curva di difficoltà abbastanza ripida