Enemy Territory: Quake WarsEnemy Territory: Quake Wars - Recensione 

La battaglia tra gli umani e le forze aliene Strogg continua in un intenso scontro online.

Enemy Territory: Quake Wars - Recensione Enemy Territory: Quake Wars - Recensione

… ed Online

La stessa tipologia di gioco è riproposta in ambito multiplayer online, le modalità classiche di gioco come il deathmatch lasciano il posto ad un first person shooter dedicato alla collaborazione tra squadre di giocatori. Quake Wars non è infatti il solito fps, basato interamente sulla propria abilità nel mirare e sparare al momento giusto, il “cacciatore solitario” farà ben poca strada online, infatti la meccanica di gioco premia spesso l’organizzazione e la collaborazione all’interno del team. Come accennato in precedenza, in QW sono presenti differenti classi di personaggio. Le classi sono divise in Assalto, Forze Speciali, Genieri, Medici ed Scout, inoltre è presente la possibilità di personalizzazione ulteriore delle armi primarie ed oggetti in dotazione ad inizio missione.
Nell’economia della squadra ci si troverà a realizzare un team dotato di elementi chiave come i Medici che è è indispensabile avere e proteggere dagli attacchi avversari. Allo stesso tempo i genieri risultano essere altrettanto importanti, dato che sono gli unici personaggi in grado di costruire o conquistare macchinari o installazioni, che dovranno sistematicamente essere protetti da un adeguata potenza di fuoco. Inutile dire che un team affiatato e ben bilanciato tra i vari elementi avrà una marcia in più rispetto a squadre formate casualmente. Online, tra un respawn e l’altro, viene data anche la possibilità di cambiare la classe del personaggio anche durante la partita, rendendo quindi possibile rimediare ad eventuali carenze nel team.

Enemy Territory: Quake Wars - Recensione Enemy Territory: Quake Wars - Recensione

Giocattolini interessanti..

Uno degli aspetti più interessanti della meccanica di gioco è rappresentato dalla possibilità di utilizzare i veicoli, utilissimi per attraversare più o meno indenni alcune aree. I veicoli, al pari delle armi, sono differenti da fazione a fazione, e variano dai classici carri armati, fino ad arrivare a Jetpack per singoli soldati o addirittura esoscheletri “Mech” che trasformeranno il semplice soldato Strogg in un’arma letale nel combattimento pesante. Bisogna specificare che nella versione Xbox 360 il controllo dei veicoli è limitato espressamente alla visuale in terza persona, escludendo quella dall’interno dei mezzi stessi.
Per quanto riguarda il design e la realizzazione delle singole mappe, non si può non fare i complimenti agli sviluppatori. Il level design delle basi e dei punti chiave di ogni locazione è senza dubbio frutto di un lavoro certosino ed un testing molto approfondito. In quasi tutte le missioni è presente ben più di una possibile soluzione al raggiungimento dei vari obiettivi, fatto che porta ogni squadra a frequenti comunicazioni per riuscire a proteggere, o effettuare gli assalti in maniera coordinata e quindi efficace.
Dal punto di vista tecnico, Quake Wars non eccelle in nessun settore, il motore grafico muove pochi poligoni e pochi effetti degni di nota, ad eccezione di alcune buone texture, il risultato non rende certo giustizia agli hardware delle console Nextgen. Gli effetti di illuminazione sono uno dei punti più deficitari, in particolare se raffrontati alle altre produzioni tra gli shooter disponibili. Inoltre si deve anche sottolineare che il frame rate purtroppo non è sempre costante.
Anche per quello che riguarda le animazioni e l’implementazione della fisica, QW non possiede punti di forza rilevanti, anzi la loro realizzazione risulta essere sotto tono. Purtroppo la lunga gestazione del titolo in edizione Pc non ha permesso al nuovo titolo made in ID software di mettersi in luce come punto di riferimento tecnico, al pari dei suoi ben più famosi predecessori. Il sonoro rientra nella media degli shooter, con una discreta implementazione degli effetti sonori in game, purtroppo si nota la mancanza di una colonna sonora all’altezza della reputazione ID Software.

Un mondo “Live”
Id Software e Nerve, team responsabile lo sviluppo della versione console, hanno dovuto adattarsi al focus target degli utenti console, ben differente dagli hard core user su pc, rendendo più snella e di facile comprensione l’interfaccia di gioco. Tra le modifiche effettuate alla meccanica di gioco è presente anche l’auto locking per la mira assistita , che risulta essere quasi troppo efficace, mentre disabilitandolo si ottiene un effetto completamente sbilanciato dall’altro lato. Il numero massimo di giocatori gestito nelle modalità multiplayer, per le versioni console è stato limitato a sedici utenti. Passando al testing del gioco sul campo, bisogna sottolineare che le problematiche di lag sono estremamente legate alle qualità dell’host, il codice di rete non sembra ancora ottimizzato al massimo e la qualità di connessione degli utenti incide molto più che in altri titoli orientati al multiplayer. Il titolo supporta pienamente lo sviluppo e la gestione di clan cosi come risulta eccellente il sistema di statistiche e di tracking delle performance dei giocatori durante le partite. Il ranking di un soldato al termine della sessione non dipende solo da quanti nemici ha eliminato, ma tutto il suo comportamento nel contesto degli obiettivi raggiunti o meno durante il match. Il ranking definito da queste statistiche è fondamentale per sbloccare nuovi equipaggiamenti, salire di punteggio nelle classifiche online e relativi obiettivi all’interno del gioco.

Enemy Territory: Quake Wars - Recensione Enemy Territory: Quake Wars - Recensione Enemy Territory: Quake Wars - Recensione

Commento

Le due parole d’ordine per quanto riguarda una partita a Quake Wars risultano essere “Tattica e Strategia”, solo grazie ad un piano di battaglia ed un’organizzazione razionale si riuscirà ad ottenere vittorie su vittorie online. Il tempo degli adrenalinici deathmatch da concludere all’ultimo frag sono ormai terminati. Purtroppo la mancanza di una corposa sezione offline, e la realizzazione non felice del motore grafico, penalizzano molto Quake Wars rispetto al resto della concorrenza diretta su console e alla versione Pc. Il risultato è un titolo estremaente di nicchia, rivolto ad una categoria di giocatori votati alle meccaniche multi giocatore basate su clan e squadre di fragger agguerriti e organizzati.

Pro Combattimento a squadre a go go Classi ben implementate Clan e multiplayer Contro Comparto tecnico non all'altezza Offline poco rilevante Mappe non numerosissime

Xbox 360 – Obiettivi

In Quake Wars sono stati implementati 50 differenti obiettivi sbloccabili, di cui solo una piccola parte è legata alle modalità offline e relativa campagna single player. Purtroppo va specificato che terminare il gioco ad un livello di difficoltà superiore non porta in automatico all’unlock degli altri obiettivi relativi a quelli inferiori. I vari obiettivi sbloccano da un minimo di 5 ad un massimo di 50 punti. Per riuscire a sbloccarli tutti saranno necessarie parecchie ore spese nelle modalità multiplayer.