Sherlock Holmes versus Arsène Lupin - Recensione  4

L'investigatore più famoso d'Inghilterra contro il ladro più esperto di Francia: a colpi di enigmi chi sarà a spuntarla?

Elementare, Watson

SHvsAL è una classica avventura punta e clicca, dai quali canoni differisce nella sola visuale in prima persona, più vicina ai titoli moderni e basata sul classico WASD per compiere i movimenti del proprio personaggio. Per il resto, il gioco si presenta nella solita maniera, con il cursore in grado di cambiare nel momento in cui si passa su elementi dello scenario interessanti per lo svolgersi dell’avventura, e l’utilizzo da parte dell’investigatore di un inventario e di un diario dove vengono annotati dialoghi e indizi particolarmente utili. La pecca principale del gameplay è proprio costituita dal posizionamento nell’ambiente degli elementi, un po’ troppo spesso snervante a causa del cosiddetto pixel hunting, ovvero la ricerca minuziosa tramite il mouse in tutte le parti dello schermo al fine di trovare come proseguire nell’avventura. Per il resto invece ci troviamo di fronte a un titolo pienamente apprezzabile, forse un pelino ostico per i casual gamer a causa di qualche enigma un po’ troppo difficile, anche se c’è da dire che come nella miglior novella di Sherlock Holmes, anche nella produzione Frogwares molto spesso basta usare la testa per arrivare a capo delle situazioni, senza doversi inventare chissà cosa per risolvere enigmi campati in aria. Particolarmente stimolanti risultano essere anche le parti in cui al protagonista viene chiesto direttamente da uno degli altri personaggi di risolvere un enigma, tipicamente tramite una domanda a cui il giocatore deve dare risposta digitando direttamente sulla tastiera la parola giusta.
Sherlock Holmes è ovviamente il protagonista principale della vicenda, ma non per questo ci troveremo necessariamente a vestire sempre e solo i suoi panni: in un'alternanza che non può fare che bene alla varietà delle situazioni e dei modi in cui queste vengono affrontate dalle varie persone, il giocatore ha per esempio la possibilità di calarsi negli indumenti del simpatico Watson o, come nel caso del primo tentativo di furto di Lupin, nel capo della polizia, per disporre gli ordini agli uomini in vista del preannunciato attacco da parte del ladro. Sempre in tema di personaggi, Frogwares ha fatto un ottimo lavoro, soprattutto considerato il non facile incarico di fare i conti con elementi di sicuro spessore come i due protagonisti principali, creati in maniera perfettamente corrispondente a come uno se li possa immaginare, sia graficamente che per quanto riguarda proprio il lato comportamentale: il marcato accento inglese di Holmes, con un pizzico di classica flemma english in aggiunta, non manca di strappare qualche sorriso.

L’Ageia nella Londra vittoriana

Pur se all’opera su di un’avventura grafica, i programmatori non hanno trascurato il comparto tecnico, dotando il gioco di un sistema video in grado di riprodurre alla perfezione la Londra dell’epoca vittoriana, con tanto di carrozze, cani randagi, pedoni ed elementi della vita di tutti i giorni in tale periodo, sfruttando anche per lo scopo le routine Ageia, pur senza qualche piccola imperfezione come ad esempio il blocco del personaggio di fronte a un gruppo di piccioni, i quali normalmente dovrebbero ovviamente volare via invece di “opporre resistenza”. Comunque sia, la grafica di SHvsAL si fa generalmente apprezzare anche grazie a una cura dei dettagli abbastanza accurata, nonostante diverse ombre siano gettate sul motore dalla mancanza parziale di alcune animazioni dei personaggi, che quindi impediscono di promuovere completamente un comparto grafico che resta comunque di buon livello per un’avventura grafica: ad esempio, è capitato di vedere Watson fermo, abbastanza lontano da Holmes, per poi ritrovarselo immediatamente alle spalle una volta uscito dal campo visivo del protagonista.
Discorso simile, se non migliore, merita l’audio, composto da un egregio doppiaggio in lingua inglese e da una colonna sonora che fa pienamente il proprio lavoro. Le voci scelte per impersonare personaggi come Holmes, Watson e Lupin risultano essere pienamente indovinate, mentre per chi non dovesse avere familiarità con la lingua inglese parlata è disponibile un sistema di sottotitoli, anch’esso però nella stessa lingua, così come tutti i menu di gioco: al momento non è ancora noto se il titolo verrà in futuro localizzato totalmente, in parte o per niente, anche se probabilmente questo è uno dei classici casi in cui un doppiaggio in un idioma diverso da quello originale potrebbe paradossalmente abbassare il livello dell'esperienza di gioco.

Commento

SHvsAL è un titolo più che apprezzabile, basato sull’ottima esperienza maturata da Frogwares nella realizzazione degli altri titoli della serie dedicata a Sherlock Holmes. Pur senza aggiungere nulla di particolare a un genere ormai diventato quasi di nicchia, il gioco risulta godibile in tutti i suoi aspetti, partendo dalla trama, passando per la grafica per arrivare alla giocabilità, contando anche su dei personaggi sicuramente di spessore come Holmes e il suo assistente e, ovviamente, l'antagonista Lupin. Qualche critica va agli enigmi, a volte abbastanza ostici, e ad un motore grafico che mostra qualche lacuna un po’ troppo evidente, offuscando lievemente il resto del lavoro operato da Frogwares, pur sempre di buon livello: SHvsAL è un prodotto da tenere in considerazione per le imminenti feste natalizie vista anche la crescente desolazione all'interno del panorama delle avventure grafiche, una volta glorioso ma ormai quasi dimenticato, tranne per qualche piacevole eccezione come quella che ci troviamo di fronte.

Pro

  • Ottima ambientazione
  • Buon comparto tecnico
  • Enigmi stimolanti
Contro
  • Difficoltà a tratti elevata
  • Alcune imperfezioni grafiche
  • Pixel hunting, ti odiamo!

PC - Requisiti di sistema


Requisiti Minimi

  • Sistema operativo: Windows 2000/XP/Vista
  • Processore: Pentium III 1.3 GHz o superiore
  • RAM: 512 MB
  • Scheda Video: 64 MB compatibile DirectX9
  • Spazio su hard disk: 3 GB
Configurazione di Prova
  • Processore: Athlon 64 X2 3800+
  • RAM: 2 GB
  • Scheda Video: GeForce 7900GT

Sherlock Holmes versus Arsène Lupin è disponibile per PC.

Nonostante l’evidente declino rispetto agli anni d’oro del loro genere, le avventure grafiche mantengono sempre intatto il vecchio fascino, soprattutto se imperniate su una storia convincente e dei personaggi carismatici: non c’è dubbio che Frogwares abbia colto nel segno in tale ottica, proponendo al pubblico un’apprezzata serie di videogiochi con uno dei frutti letterari più famosi del mondo, Sherlock Holmes. Giunta al quarto capitolo con Sherlock Holmes vs Arsène Lupin, tale serie propone ora quella che non a caso è stata sottotitolata come nuova sfida tra le eterne rivali Inghilterra e Francia: il gioco inizia infatti con una lettera scritta dal ladro francese a Holmes e al suo inseparabile assistente Watson, in cui promette di rubare 5 opere simbolo della nazione inglese, mettendone così a ridicolo l’intera popolazione. Proprio per schernire quanto più possibile gli inglesi, Lupin decide di dare la possibilità a Holmes di sventare i suoi furti, tramite una serie di enigmi in grado di portare l’investigatore a impedire a Lupin di portare a compimento il suo piano, rischiando però in caso d'insuccesso di compromettere definitivamente la proverbiale serietà inglese.