8.5

Redazione

9.4

Lettori (5)


  • 14
  • 3
  • 8
  • 0

Birds of SteelLa soluzione di Birds of Steel 1

Lezioni di volo!

Attenzione

La soluzione è basata sulla versione americana del gioco per PlayStation 3, potrebbero dunque esserci divergenze rispetto ad altre versioni.

War Point

Iniziamo questa guida dal concetto di War Point: questi sostanzialmente sono punti che potete ottenere giocando determinate partite - sia online che offline - e si differenziano dagli Experience Point. Questi ultimi, più comunemente definiti XP Point servono per migliorare il vostro grado e per sbloccare gli aerei acquistabili nel corso del gioco, mentre i War Point servono proprio come moneta per l'acquisto dei nuovi velivoli e per le riparazioni che si renderanno necessarie nel corso delle partite online.
I War Point possono essere ottenuti in due modalità: una meramente online, la modalità Versus e un'altra che può essere giocata sia online che offline, la Dynamic Campaign, decisamente preferibili. I vantaggi della Dynamic Campaign infatti risiedono nel fatto che può essere giocata offline, dove il livello di sfida è più basso e dunque risulta meno stressante conquistare i tanto agognati War Point. Inoltre vi sarà possibile provare con maggiore tranquillità i velivoli per scoprire con quali vi trovate più a vostro agio. La quantità di War Point che riuscirete ad ottenere giocando la Dynamic Campaign dipende poi da svariati fattori, quali il numero e il tipo di missioni che avete intenzione di affrontare. Ciascuna missione infatti vi frutta un certo numero di War Point, ma al di là di ciò, ci sono dei bonus per le vittorie che possono portare i War Point di ricompensa per una missione superata fino ai 2400 delle fasi iniziali ed addirittura a 7200 nel Sector 3. La soluzione di Birds of Steel Inizialmente in ogni caso vi spettano almeno 240 War Point per ogni missione superata vittoriosamente. Temete a mente però che nel corso del tempo la ricompensa per le missioni diminuisce e con essa anche l'ammontare del bonus. Per alzare nuovamente questi valori dovrete affrontare delle nuove campagne a bordo di nuovi aerei. Prima di avventurarci nella parte più tecnica della guida è bene precisare alcuni punti di partenza. Birds of Steel è un gioco ostico e complicato che necessita di una certa dose di impegno per essere padroneggiato con maestria. Se siete alle prime armi non scoraggiatevi ed impostate il livello di difficoltà più basso per tutto il tempo che vi servirà ad apprendere i rudimenti del volo. Il consiglio per tutti è di provare il tutorial dello scenario Historical Pre-War molto utile a prendere confidenza con i comandi.

Dynamic Campaign – Cenni iniziali

Dopo aver selezionato la Dynamic Campaign dal menù iniziale, vi verrà data la possibilità di scegliere quale missione affrontare tra le seguenti:

SIEGE OF MALTA
BATTLE OF PORT MORESBY
BATTLE OF THE KUBAN
BATTLE OF THE RUHR
BATTLE OF GUADALCANAL
ATTACK OF PEARL HARBOR
BATTLE OF MIDWAY
BATTLE OF WAKE ISLAND

Dopo aver selezionato la missione che volete affrontare dovrete effettuare altre scelte:

YEAR - l'anno in cui sarà ambientata la missione, tra il 1940 e il 1945
TEAM - potete scegliere tra l'Asse e gli Alleati
FRONTLINE ADVANTAGE - opzione che consente di scegliere se giocare sul fronte nemico, su quello alleato o su un fronte neutrale
VITORIES TO COMPLETE - potete scegliere tra 3 diverse opzioni di vittoria: la conquista di tutti i settori, la conquista di 3 settori o la conquista di 5 settori
DIFFICULTY LEVEL - semplificato, realistico o simulazione
GAME MODE - qui potete scegliere se giocare online, offline o in una partita privata. Notate che in quest'ultimo caso vi sarà data la possibilità di creare un match online solo qualora siate connessi al PSN (o a Xbox Live), altrimenti saranno disponibili solo le opzioni offline.

Se vi trovate alle prime armi, la campagna ideale con cui iniziare è Wake Island; assicuratevi inoltre di impostare il 1941 come anno, la difficoltà semplificata, il fronte alleato e la partita offline.

Dynamic Campaign – Le prime missioni

Come già detto, la campagna più facile con cui approcciare il gioco è quella ambientata a Wake Island. Dopo aver selezionato l'ambientazione, però sarete messi nuovamente di fronte a una scelta che riguarda il tipo di missione che volete affrontare tra le diverse disponibili:

Head to Head Combat
Air Combat Patrol
Artillery Bombing Mission
City Bombing Mission
Carrier Bombing Mission
Ship Bombing Mission
Intercept Bombers Mission
Bombers Cover Mission
Tank Defend from Bombers
Tank Defend from Assault
Artillery Defend from Bombers
Artillery Defend from Assault
Tanks Ground Attack Mission
Artillery Ground Attack Mission
Vehicles Ground Attack Mission
Ships Attack Mission
Cover Ground Attack
La soluzione di Birds of Steel
Se siete alle prime armi, la miglior tipologia di missione con cui iniziare è la Air Combat Patrol per il ridotto numero di aerei nemici con cui dovrete confrontarvi e per l'assenza di grossi calibri sul campo di battaglia. Successivamente dovrete anche decidere con quale aereo affrontare la missione. Gli Zero possono sembrare inizialmente la scelta più saggia, ma basta un rapido test per comprendere che non sono gli aerei più adatti per affrontare i Buffalo senza un sufficiente bagaglio d'esperienza. I Brewest Buffalo in realtà si rivelano i più maneggevoli ed intuitivi in queste prime fasi.
In breve tuttavia dovrete iniziare a provare altre soluzioni di volo. Tra gli aerei a vostra scelta spiccano il IL-2, ottimo per gli attacchi al suolo, e il P-40, altro velivolo da utilizzare per i raid a terra. Se siete invece in cerca di agilità, affidatevi al Boomerang, che dispone anche di un armamentario pesante che può rivelarsi utile in molte occasioni. Wildacat e Hurrican sono altre due valide opzioni, specialmente per le missioni ambientate nel 1942 o che si svolgono nella campagna di Malta.
Esistono poi mezzi che è bene evitare nelle prime ore di gioco. I Midway ad esempio e un pò tutta l'aviazione cubana e russa. Altri invece sono consigliabili solo per determinate missioni e solo in specifici scenari, come i già citati IL-2 e P-40 protagonisti del paragrafo che segue.

I War Point nella Dynamic Campaign offline

Il modo più veloce per collezionare War Point è comportarsi come un asso negli scontri online. Tuttavia anche giocando offline esiste un metodo abbastanza rapido.
Per prima cosa avrete bisogno di ottenere i Fighter americani, aerei che fanno della velocità il loro principale punto di forza. Il primo che riuscirete ad acquistare sarà probabilmente il F4UD, ma si tratta solo del modello meno potente, perciò quando possibile, continuate a sbloccare altri velivoli di questa categoria.
Il passo successivo è scegliere la Battle of Port Moresby nella Dynamic Campaign dalla parte degli Alleati. Impostate il livello di difficoltà a vostro piacere e gettatevi nella mischia. Prendetevi qualche istante per studiare il campo di battaglia sotto di voi ed imparare la posizione degli obiettivi che dovete colpire, quindi appena avvistate gli aerei nemici sulla vostra scia, aumentate la velocità di volo e usate il WEP di tanto in tanto per assicurarvi che la distanza tra voi e loro non si accorci troppo. Ora a piena velocità, dirigetevi decisi verso il vostro obiettivo e siate precisi nello sganciare le bombe perché i nemici che avete evitato finora sono dietro di voi e non vi sarà concessa una seconda possibilità per tornare sull'obiettivo. Fatto ciò, allontanatevi ancora dal gruppo degli inseguitori usando il WEP e puntate dritti verso l'obiettivo di fine missione, distrutto il quale potrete godervi la meritata ricompensa. Più missioni di questo tipo riuscirete a concludere mantenendovi sul tempo di 5 minuti a missione, più War Point vi verranno assegnati come bonus. Nell'arco di un quarto d'ora potrete arrivare a raccogliere più di 10.000 War Point.

Ovviamente successi come quello appena descritto sono più facili da ottenere con aerei molto veloci come i Corsair, ma non potrete sempre contare sulla loro velocità, in altre occasioni dovrete cercare di ottenere il risultato nel minor tempo possibile a bordo di aerei più lenti, come ad esempio un Hellcat, magari con i veloci velivoli giapponesi alle calcagna. Ricordatevi che un aereo più veloce vi raggiunge più facilmente se volate in piano, perciò ricorrete a frequenti sali-scendi. In questi scenari tuttavia il momento più problematico è il ritorno alla base. Per sfuggire alle grinfie del nemico il metodo migliore - anche se richiede una certa abilità - è quello di volare basso, sfiorando le fronde degli alberi, specialmente su terreni collinosi o montani. Il nemico sarà costretto a scendere al vostro livello e l'Intelligenza Artificiale della CPU sarà messa a dura prova: spesso il vostro inseguitore finirà per schiantarsi contro una roccia lasciandovi così campo libero.
Un altro facile scenario utile per accumulare War Point è Gudalcanal. Giocatelo nei panni della flotta giapponese, impostando il 1943 come anno, dopodichè selezionate 3 vittorie come condizione di successo e scegliete solo missioni head-to-head. Il vostro velivolo deve essere uno Zero, poiché farete un intenso uso delle sue mitragliatrici calibro 0.30 e dei suoi cannoni. I vostri nemici useranno dei Wildcats e degli Hellcats, in gruppi da 4 o 8 che dovrete distruggere completamente per ottenere i circa 500 War Point a missione che andranno poi a sommarsi al bonus, che si aggira intorno ai 3500 War Point, ottenuto per la vittoria completa. Potete ripetere questo schema quante volte volete per raggiungere il numero di War Point necessario ad acquistare tutti gli aeroplani che vi aggradano, oppure provare qualche variazione. La conquista di War Point si rivela infatti altrettanto semplice anche giocando nell'anno 1942, sempre sul fronte giapponese ed usando i Midway al posto degli Zero; in alternativa alle head-to-head mission potreste fare invece le CAP mission.

Strategie di gioco

Benché non esistano strategie universali per affrontare questo gioco e molte decisioni dipendano dallo stile che più vi aggrada, ci sono delle linee guida generali che si possono seguire per rendere più facile e meno frustrante l'esperienza di gioco soprattutto nelle fasi iniziali. Partiamo ovviamente dal livello di difficoltà che deve essere impostato su Semplificato: la differenza in termini di abilità dei velivoli nemici rispetto a Realistico è minima, i due livelli di difficoltà si discostano piuttosto in maniera più sostanziale nella semplificazione del modello di volo. Al livello Semplificato infatti è possibile mandare il stallo l'aeroplano come in ogni altro livello di difficoltà, ma in questo caso interverrà un sistema automatico di recupero per consentirvi di riprendere senza fatica i comandi del vostro mezzo. La soluzione di Birds of Steel
Cercate poi di volare sempre al di sopra rispetto ai vostri nemici, badando poco agli indicatori gialli dei bersagli e mantenendo quando possibile la velocità di full throttle: iniziare lo scontro in posizione sopraelevata vi conferisce un grande vantaggio strategico che è bene sfruttare ogni volta che è possibile. Non fissatevi però su una determinata altezza, la posizione dei nemici dipende da svariate fattori e cambia di missione in missione, perciò se in genere 8000 piedi può andare bene ed è sicuramente meglio di 6000, in alcune missioni dovrete superare i 12.000 per non essere sorpresi a vostra volta da velivoli nemici che vi piombano addosso dall'alto.
Ad ogni modo all'arrivo dei nemici mantenete la calma e cercate di concentrarvi su uno o due bersagli per volta, centrandoli con le vostre armi appena si avvicinano. La facilità con cui riuscirete ad abbatterli dipende dal grado di realismo che avete scelto: in Simulated bastano pochi fori nella fusoliera per condannare inesorabilmente allo schianto gli aerei nemici, mentre in Realistic dovrete sudare qualche camicia in più. L'importante è in caso iniziare per primi a sparare e provare ad abbattere un nemico prima ancora che la battaglia cominci per acquisire subito una posizione di vantaggio.

Strategie di attacco

Nel corso del gioco si renderanno disponibili le missioni di Tank Ground Attack ed Artillery Ground Attacck su cui merita di essere spesa qualche parola. Sono missioni abbastanza facili, se affrontate nel giusto modo. Dirigetevi verso il bersaglio a tutta velocità mantenendovi tra i 4.000 e i 7.000 piedi e lanciatevi verso di esso quasi in picchiata. Angoli di caduta più dolci di solito rischiano di compromettere l'attacco poiché la traiettoria dei missili rischia di terminare sugli alberi circostanti. Per sparare, attendete di essere praticamente perpendicolari sopra il bersaglio a circa 1000-2000 piedi. Queste non sono esattamente le nozioni che vengono impartite dal Bombing Tutorial, ma in molte situazioni si rivelano più efficaci.
Le Ship Ground Attack Mission invece sono decisamente più complicate, soprattutto quando la contraerea delle imbarcazioni è particolarmente pesante. Il metodo più efficace in queste situazioni è il Dive Bombing illustrato nel tutorial, ma non consideratelo infallibile. In alcune situazioni funziona la tecnica illustrata in precedenza per il Tank Ground Attack, ma fate attenzione ad usarla contro le navi perché può facilmente rivelarsi un terribile fallimento se utilizzata nella situazione sbagliata.

Tecniche di volo

In questo paragrafo illustreremo alcune tecniche avanzate di volo e trick che potrete mettere in pratica per sfuggire a situazioni particolarmente complicate.

Loop: tecnica piuttosto semplice che vi consente di posizionarvi alle spalle dell'aereo che vi sta inseguendo se questo è molto vicino. Si può usare anche per accorciare la distanza tra voi e gli inseguitori qualora li vogliate lasciar avvicinare senza perdere troppo terreno.
Barrell Roll: utile per allontanarsi di quel tanto che basta da una preda quando siete troppo vicini.
Rocking and Rolling: evoluzione del Barrel Roll è utile soprattutto quando state salendo di quota e notate i traccianti in arrivo.
Boom and Zoom: partendo da un'altitudine significativa, scendete rapidamente fino a fermarvi al di sotto del vostro avversario, quindi inaspettatamente risalite di nuovo. Non tutti gli aerei si prestano particolarmente a questa manovra quanto i velivoli americani.

Queste tecniche di volo non sono solamente spettacolari, ma tutte dispongono di una propria specifica utilità in battaglia. Possono diventare fondamentali manovre evasive qualora vi troviate con le ali dei nemici alle calcagna oppure imprevedibili azioni offensive che cui sorprendere gli avversari rendendo loro complicato comprendere da dove giungeranno i vostri missili.
In altre situazioni invece questi trick si riveleranno manovre fondamentali per supplire alle mancanze di alcuni velivoli particolarmente complicati da manovrare: padroneggiando alla perfezione Roll e Loop potrete ad esempio rimediare alla difficoltà di sterzata di alcuni modelli, come i Corsair.

Video della soluzione - Prime impressioni