7.8

Redazione

7.9

Lettori (51)


  • 87
  • 5
  • 44
  • 8
  • Data di uscita: 9 maggio 2012
  • Piattaforme: ps3
  • Tipologia di gioco: Action

StarhawkLa soluzione di Starhawk 1

Multiplayer.it è il vostro più fedele alleato!

Attenzione

La soluzione è basata sulla versione americana del gioco, potrebbero dunque esserci delle divergenze rispetto alla versione italiana.

Homecoming

Avvicinatevi al Sidewinter e premete il tasto Quadrato per salire a bordo, quindi guidate attraverso il canyon fino a raggiungere il primo sito dove dovrete vedervela con una manciata di Scab. Per aggiungere un'arma all'inventario potete salire sul tetto dell'edificio prima di proseguire. Arrivati al secondo cantiere seguite Tracy, sfruttando il suo aiuto nella lotta contro gli Scab. Avanzate ancora verso il prossimo sito. D'improvviso mentre avanzate, un'esplosione getta nel panico l'intera area. Spostatevi rapidamente a destra, rimanendo accucciati per evitare il fuoco nemico. Da quella posizione mirate ai due Scab bene visibili, quindi spostatevi un poco per occuparvi di un altro Scab intenzionato ad oltrepassare la barriera.
Procedete ancora un po' verso il luogo indicato: quando avrete raggiunto il punto di interesse, appariranno a video le istruzioni per costruire il Rig. Successivamente dovrete dedicarvi alla raccolta di Rift Energy, oltre ovviamente a prendervi cura degli Scab. Per prima cosa però aprite i barili che i vostri compagni spingono di sotto per raccogliere Rift Energy, elemento primario per la costruzione. Non distraetevi però e continuate al contempo a respingere gli attacchi degli Scab. Quando sentirete nell'aria l'urlo degli Scrapper, giratevi verso il muro bianco poiché l'attacco di numerose ondate di nemici giungerà proprio da quel lato. Non dimenticate di ricostruire le mura quando queste saranno distrutte.
Dopo l'arrivo del report, uscite dalle mura e chiamate un Sidewinder, quindi seguite le indicazioni fino al deposito di carburante, procedendo quanto più velocemente possibile. Al deposito scoprite che gli Scab vi hanno preceduto e dovrete dunque liberarvi di loro, sfruttando naturalmente la protezione data dalle mura e l'aiuto che possono fornirvi le torrette. Quando avrete liberato l'area, sarà il momento di occuparvi degli Hawk. Prima però avrete bisogno di Rift Energy per allestire un bunker. Vi conviene essere rapidi perché i tre Hawk arriveranno piuttosto in fretta. Per abbatterli avrete bisogno di un MAW Rock Launcher: seguite le indicazioni a video per costruirlo, quindi prendete la mira ed attendete che il bersaglio sia perfettamente lockato prima di fare fuoco.

The Freightway

Rispondete alla chiamata di Cutter e muovetevi verso il vostro Hawk. Arrivati nei pressi del Mech salite a bordo e premete il tasto Cerchio per passare alla modalità di volo. Seguite quindi i comandi impartiti a video per completare la calibrazione ed atterrate infine sulla piattaforma posta di fronte a voi come previsto dalle istruzioni.
Dopo una cut-scene vi trovate ancora in volo a bordo di un Hawk. Eseguite dunque un altro atterraggio, mettendo nuovamente in pratica quanto imparato poco fa ed osservate un nuovo filmato. Alla ripresa del gioco vi ritroverete di nuovo in volo, questa volta però sarete impegnati in un inseguimento. Per accorciare le distanza tra voi e il fuggitivo, potete premere il tasto R2 il quale attiva il Turbo, che tuttavia non è infinito: assicuratevi quindi di non consumare troppo velocemente la possibilità di sprint a vostra disposizione tenendo sotto controllo la barra che ne indica la disponibilità a video. In breve vi verranno impartite a video le istruzioni per sparare al vostro bersaglio: il sistema di attacco è piuttosto automatizzato, ma ad ogni modo dovrete comunque cercare di allineare il vostro Hawk nel centro del reticolato e mantenerlo in quella posizione per tutto il tempo necessario. Proseguite nell'inseguimento fino a che riuscirete ad abbattere il vostro bersaglio per passare all'obiettivo successivo.
Cutter infatti vi segnala il luogo da cui lo Scout è arrivato. Ovviamente il vostro compito è quello di dirigervi lì. Seguite gli indicatori che vi indicano il cammino preparandovi per l'arrivo di altri Hawk, questa volta armati con Swarm Laser. La soluzione di Starhawk I vostri nemici in questa occasione sono in due, perciò non avrete vita semplice come in precedenza. Imparate a eseguire Barrell Roll (X + tasto direzionale), Power Slide (L2 + R2) e Flip Turn (X + su/giù).
Dopo esservi liberati dei vostri avversari, affrettatevi a raggiungere la vostra destinazione, quindi dirigetevi verso l'icona che compare dopo il dialogo con Emmet per raccogliere alcuni missili. Avrete subito modo di testare le nuove armi. Inseguite l'Outcast Hawk e lockatelo tenendo premuto il tasto R1 fino a sentire otto "bip": a quel punto lasciate andare il tasto ed assistete alla potenza distruttrice degli Swarm Missile. La sfida ora si fa complicata: prima dovrete vedervela contro una nuova coppia di nemici, poi contro un gruppo di quattro. In queste situazioni sarà determinante l'abilità con cui saprete utilizzare le manovre evasive descritte poco fa. Nel caso doveste subire troppi danni nel corso del combattimento Cutter vi guiderà verso alcuni silos dove, raccogliendo un'icona, potrete riportare alla massima efficienza il vostro Hawk. Quando avrete distrutto tutti i nemici la missione avrà fine.

Harvest Season

Visto che nella missione scorsa ve la siete cavata egregiamente contro quattro Hawk, ora vi ritrovate subito ad affrontarne cinque. Ricordate tutte le manovre imparate in precedenza, sfruttando soprattutto il vantaggio strategico che può garantirvi un Power Slide ben eseguito. Ricordate inoltre che gli Swarm Missile possono colpire più nemici alla volta. Dopo aver distrutto tutti i nemici, eseguite l'atterraggio e preparatevi ad una nuova serie di scontri, questa volta al suolo.
Per prima cosa prendete confidenza con il tasto R3 che vi consente di dare una pedata al suolo col vostro Mech. Questa mossa si rivela particolarmente utile contro nemici di piccole dimensioni come gli Scab. Provvidenzialmente, in questi primi frangenti dovrete vedervela proprio contro un'ondata di Scab. Quando avrete messo al sicuro la Cargo Area, potrete muovervi verso la stazione utilizzando la rampa. Avvicinatevi verso la porta indicata ed attendete che Cutter la apra hackerando il sistema di sicurezza. Nel mentre potete vedervela con altri Scab, questa volta muniti di lanciarazzi. Per aiutarvi, posizionate qualche torretta e un muro se necessario. Sappiate che dovrete resistere a quattro ondate nemiche. Appena Cutter riuscirà ad aprire la porta, fiondatevi al suo interno e premete l'interruttore per attivare l'airlock. Muovetevi rapidamente ed aggirate la struttura di fronte a Emmett, quindi cercate riparo sull'altro lato ed accucciatevi in un'area sicura per assicurarvi che la strada sia sicura, poi correte verso l'area indicata e riattivate il sistema difensivo. Ora scendete dalla rampa e svoltate a sinistra, pronti ad affrontare una nuova ondata di Scab che compare da dietro una porta. Percorrete poi il corridoio per fare ritorno all'airlock ed interagite nuovamente coi comandi. Andate in seguito a sinistra, giù per la rampa, e uscite dal Rift. Lungo la strada ve la dovrete vedere con numerosi Scab e alcune torrette. Tenete duro fino a che Cutter non vi farà avere il Signal Rig che dovrete posizionare sopra dei Rift Energy.
Dovrete ora difendere tre diversi punti di atterraggio, mentre diverse ondate di Scab e Scrapper vi assediano. Proteggete il Signal Rig con delle torrette e fate ampio uso di mura per tenere lontani i nemici. Dopo una prima fase farà la sua comparsa sul campo di battaglia un Mech nemico che dovrete tenere a bada usando i MAW Missile. A questo punto dello scontro trovate un luogo dove ripararvi ed uscite saltuariamente dalla copertura senza esporvi eccessivamente. Se avete bisogno di rifornimenti correte al Supply Depot.
Quando avrete abbattuto il Mech, sostituite il Supply Depot con un Launch Pad e tornate in volo. Seguite quindi le indicazioni via radio per raccogliere i nuovi missili che Cutter vi mette a disposizione.

The Pipeline

Appena tornati al suolo, procedete verso il gruppo di lavoratori sulla sinistra, non prima di aver rimosso il Drop Pod col tasto Quadrato, ed osservate il lavoro di devastazione compiuto dagli Scab in lontananza.
Dopo la conversazione con Cutter, ottenete una Watchtower. Posizionatela immediatamente ed entrateci, quindi raccogliete il fucile da cecchino e prendete confidenza con la nuova arma mirando ai tre Scab sul ponte. Dopo aver eliminato questo primo gruppo, ne arriveranno altri.
Quando avrete finito con gli Scab, Cutter vi contatterà di nuovo riferendovi di un problema alla conduttura. Dirigetevi verso il luogo dell'incidente, occupandovi degli Scab lungo il cammino. Tornata la calma, girate verso il lato sinistro dell'edificio che vi trovate di fronte, salite la rampa sulla destra ed infine svoltate a sinistra. Lì trovate una scala: utilizzatela per raggiungere la cima della struttura. Lì sopra attivate l'interruttore, dopodichè scendete ed iniziate a posizionare delle torrette nei paraggi: non indugiate, quanto prima sarete attorniati da Scab e Scrapper.
Ora potete dirigervi al secondo punto di atterraggio ed iniziate a preparare le difese. Posizionate qualche torretta ed erigete almeno un muro in vista delle ondate in arrivo. Dopo le prime due ondate di nemici venite avvisati da Cutter che un nuovo nemico è in arrivo, un Apex Warrior. Abbandonate dunque la vostra posizione senza remore e accorrete verso il punto indicato. La soluzione di Starhawk Ci vorranno numerosi colpi di armi da fuoco per abbattere un Apex Warrior, ma l'impresa non è impossibile.
Continuate a occuparvi degli Scab finché il Launch Pad non sarà disponibile. A quel punto posizionatene uno e dirigetevi alla Mech Platform. Presto l'aria si fa incandescente per l'arrivo di alcuni Rifter. Cercate per prima cosa di raccogliere qualche altra arma, soprattutto Cluster Bomb - utili per distruggere obiettivi al suolo mentre vi trovate in aria - e missili. Fate attenzione alle mine anti-aeree: sono segnalate da una luce rossa e singolarmente non possono farvi troppo male, ma se per errore finiste in un'area in cui ce ne sono molte, potreste uscirne parecchio danneggiati.
Dopo Rifter e Bomber, dovrete vedervela con altri tre gruppi di Scab armati di lanciarazzi: le Cluster Bomb citate prima, tornano molto utili in questa occasione. In seguito vi attende un'altra sezione aerea contro alcuni Fighter: ricordatevi che il vostro obiettivo primario è difendere la conduttura, perciò cercate di portare il combattimento quanto più lontano possibile da quel punto strategico.
Al termine di questa sezione vi verrà concesso un breve momento per ricostruire le vostre difese prima di una nuova ondata di Outcast. Tenete duro per alcuni minuti, fino alla chiamata di Cutter: a quel punto potrete posizionare uno Shield Generator nel punto indicato ed eliminare gli ultimi nemici rimasti per concludere la missione.

Ballad's Crossing

Dopo essere stati scaraventati in piena zona di guerra, vi ritrovate ad affrontare un nutrito gruppo di Scraper. Cercate di eliminarne subito un buon numero prima che si sparpaglino usando le bombe. È possibile che in questo frangente iniziale finiate le munizioni e dobbiate far ricorso al coltello. Quando riuscite avanzate verso il Rift che si trova di fronte a voi. Posizionate quindi un Rift Collector, poi ascoltate i consigli di Emmett ed aggiungete anche un Garage e un Outpost: grazie al primo potrete usare la Razorback, un veicolo piuttosto veloce, mentre attraverso l'Outpost potrete chiamare alcuni Alien in aiuto.
Presto arriverà il momento di utilizzare la Razorback: notate che potete guidare voi stessi il veicolo sedendovi al posto di guida - attendete però qualche istante prima di partire in modo che i vostri alleati possano salire a bordo - oppure potete lasciare che sia un NPC a guidarvi mentre voi occupate un altro sedile con le armi in pugno.
Arrivati al secondo Rift concentratevi per prima cosa sulla Watchtower, dove si trovano un paio di cecchini. Potete usare le armi del veicolo per distruggere sia questa costruzione sia il Rift Collector. Quando avete finito, posizionate il vostro Rift Collector e passate all'obiettivo successivo.
Il Terzo Rift si trova a sud ed è meno protetto rispetto ai precedenti, ma gli Scab lì presenti e le mura vi terranno comunque occupati per qualche tempo.
La seconda parte della missione vi vede ora impegnati nella difesa dei Rift Extractor. Un grosso aiuto arriverà da Cutter il quale vi fornirà un nuovo strumento, chiamato Arm, grazie al quale potrete riparare tutti i danni subiti dalla vostra Razorback. Ne avrete parecchio bisogno per difendervi dagli assalti. Le aree più bersagliate saranno quelle nei pressi di Boulder e Juction Extractor, perciò posizionate lì alcune torrette automatiche. In breve dovrete vedervela anche con alcune Razorback nemiche.
In seguito vi verrà chiesto di recarvi quanto prima all'Orbital Lifter. Guidate a rotta di collo fino alla meta, usando il lanciarazzi per sgombrare la strada da eventuali ostacoli. Vicino al Lifter dovrete abbattere un muro dietro il quale spunteranno alcuno Scab e Scrapper. Successivamente collocate un outpost nei pressi del Lifter insieme a un Supply Depot. Proteggete poi la vostra posizione con un muro sormontato da una torretta. La prima ondata di Razorback sarà fermata dalle difese che avete installato. La successiva sarà composta invece da Scab e Scrapper: sfruttate il Depot e posizionate sulla sua sommità alcune torrette appena possibile. La terza ondata infine sarà nuovamente composta da Razorback e ora probabilmente dovrete fare affidamento sul lanciarazzi. Il MAW sarà un utile alleato anche nella fase finale della missione quando dovrete vedervela con un Outpost e un Hawk.

Train Robbery

Dopo l'atterraggio correte subito verso il lato opposto della piattaforma, evitando il fuoco degli Scab. Richiedete qualche rinforzo appena possibile per facilitarvi le cose. Arrivati a destinazione costruite la Vulture Station, dopodichè prendete il volo usando i Jet Pack, che vi garantiscono maggiore agilità rispetto a quanto siete stati abituati in passato. Il vostro obiettivo è la distruzione delle otto torrette nei dintorni. Le prime tre sono bersagli facili dal punto da cui partite, per le altre invece dovrete faticare un po' di più. Usate dunque le casse per superare il baratro e raggiungere il lato opposto della piattaforma e occupati degli Outcast e delle torrette che si trovano lì. Salite al livello superiore e sfruttate la protezione offerta dai pilastri per aggirare gli Outcast e sorprenderli così da poterli uccidere usando il coltello risparmiando qualche preziosa munizione. Raggiungete infine la parte più elevata del livello grazie al Vulture ed eliminate l'ultima torretta con un paio di missili.
Il vostro compito successivo è la distruzione della Outcast Dropship. Iniziate costruendo un Launch Pad, dopodichè cercate nei dintorni dei missili che torneranno presto molto utili. A quel punto potete recarvi nell'area in cui si trovano le Dropship per distruggerle.
Successivamente vi verrà chiesto di proteggere un carico. Per prima cosa costruite delle mura nella zona in cui appaiono gli Outcast per rallentarli, quindi aggiungete un paio di Beam Turret a protezione: tutto ciò vi garantirà un discreto spazio di manovra anche nella fase concitata che state per affrontare. La soluzione di Starhawk Dopo l'arrivo dei primi Outcast un conto alla rovescia di un minuto vi segnala l'imminente invasione di Hawk. Riscaldate i missili e non fatevi trovare impreparati. Dovete infatti liberarvi quanto prima degli Hawk in modo da non doverli affrontare insieme ai Mech che giungeranno poco dopo. Per questi ultimi preparate qualche nuova Beam Turret.
Come se ciò non bastasse, altre quattro ondate di nemici popoleranno il campo di battaglia: prima semplici Scaba, poi Scab muniti di Jetpack, quindi Apex Warrior e infine altri Hawk. In questa fase dovrete sfruttare tutto l'aiuto che le Auto Turret possono fornirvi.
Alla partenza del conto alla rovescia per l'autodistruzione, abbandonate ogni remora e correte verso l'indicatore.

The Pit

Entrate nella base ed affrontate gli Outcast che incontrate lungo il cammino. Se volete, potete anche usare una delle Razorback che trovate per strada. Mentre vi occupate dei nemici potete anche rimanere sul sedile del passeggero, ma per affrontare la sezione seguente assicuratevi di essere voi al volante se non volete perdere un sacco di tempo. Superate dunque il ponte e proseguite oltre l'architrave, raccogliendo a bordo i compagni lungo il tragitto. Arrivate alla piattaforma di fronte a voi e liberatela dai nemici prima di richiedere un Outpost e un Launch Pad. Per proseguire oltre quest'area dovrete distruggere tutte le strutture nemiche: concentratevi per prima cosa sul Launch Pad, dal quale nuovi Mech nemici si uniscono costantemente alla battaglia, dopodichè radete al suolo anche l'Outpost, non prima però di esservi assicurati che nessun Apex Warrior sia rimasto in vita.
Proseguite poi verso la botola segnalata dall'indicatore, che tuttavia è bloccata. Mentre Cutter pensa a un modo per rimediare a questo problema, organizzate qualche difesa per resistere allo sparuto gruppo di Outcast che vi tenderà un agguato. Dovrete resistere circa tre minuti prima che la Rift Bomb di Cutter apra la botola: assicuratevi solo di non trovarvi nei pressi del cerchio rosso disegnato intorno all'ordigno quando questo detonerà. Nel frattempo anche Hawk e Pod raggiungeranno l'area. Non trascurate gli infidi Scab armati di lanciarazzi che si trovano appostati sui tetti circostanti.
Dopo l'esplosione entrate nella conduttura e preparatevi a un attacco in massa da parte di alcuni Scraper appena toccherete il suolo. Non tergiversate troppo, ma iniziate la risalita, poiché il fondo del pozzo si riempirà rapidamente di acido. Risalite un paio di scale e cercate nei dintorni le Volture Platform che vi consentiranno di utilizzare dei Jetpack per risalire più agilmente.

Ashes

Dopo la cut-scene iniziale, risalite la collinetta ed eliminate tutti gli Outcast che si trovano lì sopra. Discendete quindi sull'altro lato e dirigetevi verso l'area di White Sands, ormai invasa da gruppi di Outcast. Respingete tutti gli attacchi finché un'esplosione rade al suolo l'ufficio dello sceriffo. Appena possibile correte verso il Saloon e costruite delle difese per proteggere l'edificio, privilegiando Beam e Auto Turret, senza però tralasciare qualche muro.
Quando la situazione al Saloon si sarà tranquillizzata, dirigetevi verso il Mechanic, sulla destra. Assicuratevi di raccogliere il lanciarazzi che si trova alla base delle scale perché presto dovrete vedervela con un tank nemico. Sfruttate ogni copertura che lo scenario offre, perché un paio di colpi del tank sono sufficienti a mandarvi KO. Controllate quindi lo stato delle difese posizionate davanti al Saloon poiché un'ondata di Scab farà presto capolino in quella zona. Successivamente parlate con Jonas e preparatevi ad altre tre ondate nemiche. Avete circa un minuto per organizzarvi prima che Pod, Razorback e un altro tank giungano sul campo di battaglia. Assicuratevi di avere a disposizione della Rift Energy, dopodichè disponete altre Auto Turret ed allestite nuove mura. Se vi riesce, realizzate anche un Supply Depot il cui supporto in breve vi farà sicuramente comodo. L'assalto nemico è davvero imponente e inizialmente vi conviene ricorrere al MAW per liberare il campo dall'abbondante numero di unità nemiche. Prima della fine della battaglia dovrete necessariamente ricorrere a un Supply Depot per resistere all'assalto contemporaneo di tre Scab Tank. Come in precedenza, cercate rifugio dietro ogni protezione offerta dallo scenario e fate affidamento sul fido MAW Rocket Launcher.
A scontro concluso ritornate alla cittadina dove venite accolti da una nuova ondata di Outcast. La soluzione di Starhawk Probabilmente a questo punto dello scontro le difese allestite intorno al Saloon staranno cedendo perciò dovrete occuparvi della loro ricostruzione. Questa volta affidatevi a delle Beam Turret, ottimo rimedio contro gli Hawk e gli Apex in arrivo. Mantenetevi lontani dai Pod, che si uniranno presto allo scontro, per non finire nel raggio d'azione del loro lanciafiamme. Prima della conclusione della missione dovrete resistere a un altro Tank nemico - affrontatelo col vostro Ox Tank se questo è ancora integro, altrimenti ricorrete al classico lanciarazzi - oltre che a un trio di Apex Warrior, che risulteranno tuttavia poca cosa dopo tutto ciò che avete dovuto affrontare in questa missione.

Sever

All'inizio di questa missione vi ritrovate circondati da diversi gruppi di Outcats. Il vostro obiettivo primario dunque diventa la distruzione delle Dopship da cui questi sbucano. Cercate di rimanere in volo e, se proprio dovete atterrare sulla Loading Platform, assicuratevi di spazzare via i cecchini nei paraggi con delle Cluster Bomb in precedenza. Non lasciatevi sfuggire poi l'opportunità di raccogliere delle Air Mine con cui potrete facilmente liberarvi di eventuali inseguitori. Quando avrete finito con la prima, dirigetevi alla seconda Landing Platform, su cui gli Outcast posizioneranno uno Shield Generator. Ascoltate dunque i suggerimenti di Cutter e tornate sui vostri passi per fare scorta di Torped con cui penetrare all'interno dello scudo.
A questo punto farà la sua comparsa una nuova, gigantesca nave nemica, pesantemente armata e coperta da numerose torrette. Per affrontarla dovrete ricorrere alle Cluster Bomb. Atterrate su uno degli asteroidi nei paraggi e posizionate un Launch Pad, un ARM e un Outpost. Cercate di eliminare quanto prima una torretta così da poter atterrare sulla nave e occuparvi direttamente da lì delle altre usando il Mech.
In seguito spostatevi nel punto segnalato dall'indicatore e posizionate lì una Beam Turret, proteggendola con un Outpost, un Supply Depot e un Launch Pad, oltre che tutte le mura che ritenete necessarie. Assicuratevi però di posizionare la torretta come ultima struttura, poiché la sua attivazione attirerà uno stormo di Outcast.
Quando la situazione intorno alla torretta si sarà tranquillizzata, ricorrete nuovamente al Hawk per assaltare la nave madre. In questo frangente finale dovrete anche resistere a tre ondate di Pod e Apex. Se potete munitevi anche di una Auto Turret. La fase finale della missione si riduce quindi a una continua spola tra la nave madre e la torretta per verificare che questa sia ancora integra.

The Source

Muovetevi verso destra fino ad imbattervi nel gruppo di Scab sopravvissuto alla strage precedente. Armi in pugno, eliminateli tutti uno a uno, dopodichè superate i rottami e fate il vostro ingresso nel tunnel dove altri Scab vi tendono un agguato. Dopo esservi sbarazzati di loro, continuate la salita verso il punto indicato, raccogliendo lungo il cammino la L3 Railgun che potrete presto provare contro i tre Scab poco lontani. Dopo una breve discesa, vi imbattete in altri quattro Scab; oltre questo punto, alla sinistra della rampa, si trova un discreto rifornimento di proiettili.
Nell'area successiva venite accolti da due Apex Warrior che vi lanciano bombe dal lato opposto. La L3 Railgun appena raccolta è un'ottima arma per tenerli a bada. Concluso lo scontro, procedete ancora verso il Rift Core dove affrontate Logan.
Iniziate martellando il vostro avversario, il quale si produrrà in continui spostamenti laterali a destra e a sinistra alla ricerca di luoghi dove proteggersi. Lo scontro non necessita di molta inventiva, vi è necessario non allentare mai la presa e continuare a sparare verso Logan. Dopo una certa quantità di colpi assestati, il gioco si bloccherà mostrando un'eruzione di energia Rift. Dopo la quinta interruzione, Logan cadrà al suolo sconfitto.
Al termine il filmato che mostra le conseguenze dello scontro e vi ritroverete ad affrontare un nuovo mostro, gigantesco e orribile che sostanzialmente sbuca dal Rift in cui Logan è finito risucchiato. Nel frattempo però Cutter è riuscito a tornare in contatto con voi, il che vi offre nuove opzioni strategiche per la battaglia che sta per iniziare. Sfruttate subito il suo ritorno richiedendo un Outpost così da poter contare su qualche alleato in battaglia. Dopodichè ricorrete a Beam Turret e a qualunque altro strumento offensivo o difensivo che ritenete possa giovarvi. Per affrontare il grosso mostro non c'è una strategia che funzioni più di altre. Bersagliatelo con tutto ciò che avete e cercate di sfuggire alla pioggia di meteoriti che ciclicamente scatena nell'area della battaglia. Assicuratevi ad ogni modo che la Beam Turret rimanga integra per poter contare sul suo supporto nel corso dello scontro finale.
Dopo averla domata una prima volta, la gigantesca entità ritornerà più arrabbiata di prima. Memorizzate il percorso che compie e cercate delle aree dove ripararvi dalla pioggia di detriti e meteoriti. Appena possibile, realizzate un Launch Pad e una seconda Beam Turret. Dopo qualche tempo la bestia si ritirerà nuovamente nel Rift: sfruttate al volo l'occasione e posizionateci sopra un Rift Extractor, ma siate pronti all'immediato assalto degli Scab. In breve il mostro farà ritorno sulla scena e i suoi attacchi saranno più letali che mai. Non fate troppo affidamento sulle strutture di supporto in questo frangente, perché probabilmente finiranno spazzate via nei primi istanti alla ripresa dello scontro. La vostra sola risorsa sono dunque le Beam Turret: disseminatene quante più potete e il loro fuoco incrociato indebolirà il mostro fino a stenderlo definitivamente. Quando ciò accadrà, deponete un ultimo Rift Extractor sopra di lui e godetevi il filmato conclusivo.
Congratulazioni, avete finito Starhawk!

Video della soluzione - Prima parte