Dark VoidJetpack per non precipitare nel vuoto: istruzioni per l'uso 

La soluzione è basata sulla versione americana per Xbox 360 del gioco. Potrebbero esserci divergenze con la versione italiana e/o per altre piattaforme.

Episodio 1 - Capitolo 1: Prologo

Inizialmente, verrete istruiti a riguardo dell'utilizzo del boost e dei freni, imparando così a manovrare il vostro jetpack. Dopo aver eseguito le manovre che la guida vi chiede di completare, subirete un'imboscata. Una scenetta, dunque dovrete provare per la prima volta le armi del jetpack. Eliminate i Watchers con la mitragliatrice. Altra scenetta, dunque vi troverete all'aeroporto di Nassau. Altre scene vi condurranno ad uno schianto rovinoso in una giungla.

Episodio 1 - Capitolo 2: Crash Site

Seguite Ava lungo il percorso; saltate giù, una volta giunti al burrone. Guardate la scenetta, dunque prendete la pistola del tizio mascherato. Dovrete separarvi da Ava; procedete verso destra, uscendo dalla piccola caverna. Sparate al Watcher, eliminandolo. Esaminatelo, parlate con Ava. Prelevate la pistola che veniva utilizzata dal Watcher. Destra, salite lungo il tronco dal quale il Watcher proveniva. Saltate il tronco, dunque affrontate il gruppo di Watcher seguente. Evitate la successiva torretta, correndo lungo il sentiero non appena essa giungerà all'interno del vostro campo visivo.
Salite sulla torretta dal retro, uccidendo i suoi custodi. Giunti in cima, a destra; percorrete il ponte, distruggete la porta. Rimanendo sulla torretta, eliminate facilmente i Watcher in arrivo, grazie al vantaggio d'altitudine. Scendete la rampa, superate il ponte, percorrete la caverna. Alla cascata, voltatevi a sinistra. Lasciatevi trasportare verso l'alto nei pressi della piattaforma; dunque, premete X per aggrapparvi alla sezione superiore della grotta. Usate il medesimo tasto per affrontare la seguente piattaforma. Noterete dunque dei nemici sotto di voi, uccideteli cercando di mantenere il solito vantaggio d'altitudine. Altro ponte, dunque servitevi del TNT per far esplodere la porta; entreranno in scena una dozzina di Watcher, uccideteli con l'altra carica di TNT a vostra disposizione.
Superate la porta, uscendo dunque dalla caverna. Appiccicatevi al muro a sinistra, eliminate i Watcher, dunque destra, percorrendo la rampa. Scendete verso la sezione inferiore delle rovine, ove vi attende un frenetico combattimento. Alla sua fine, l'ultima scenetta del capitolo che segna il suo completamento.

Episodio 1 - Capitolo 3: The Village

Come ormai spesso succede, seguite Ava, verso il tempio. Giunti al gruppo di autoctoni, dirigetevi verso lo Sciamano (proprio al centro del villaggio), parlando con lui.
Jetpack per non precipitare nel vuoto: istruzioni per l'uso
Voltatevi, conversate con Tavi, apparentemente vuole diventare vostro amico; vi dice che Nikola vi può aiutare. Seguitelo lungo il successivo edificio per completare il capitolo.

Episodio 1 - Capitolo 4: Spare Parts

Parlate con Tesla; dunque, dovrete cercare per lui dei pezzi d'aereo ed un sonar. Tesla vi fornirà un jetpack per facilitare la missione. Continuate dunque dritti, verso il relitto d'aereo; dunque, guardate verso destra; muovete l'obiettivo, finchè non vedrete comparire una X, la quale indicherà la possibilità di "volare" in quella direzione. Premete poi A per atterrare sulla piattaforma. Destra, altre piattaforme; dunque una piccola sequenza di tasti, atta a far sì che il Tremor non riesca a farvi perdere l'equilibrio. Sinistra, volate aldilà del burrone, aiutandovi con il jetpack. Percorrete la serie di piattaforme verticali. Attenzione ai nuovi nemici, i Red Pawns: tendono ad utilizzare una strategia kamikaze, allontanatevi da loro non appena li vedrete prendere una rincorsa nella vostra direzione.
Continuate poi verso destra, percorrete i due tunnel. Giungerete ad una caverna, ripulitela dai Watcher, dunque salite le rampe per recuperare alcune munizioni. Alla vostra destra, alcune piattaforme che vi consentono di procedere verso l'alto. In cima, potrete entrare in contatto con un'altra parte dei resti dell'aereo. Recuperate il pezzo che serve a Tesla. Destra, altri Watcher; salite dunque le piattaforme da loro occupate. Destra, scenetta, dunque un combattimento con una larva gigante. Cercate di respingerla con i vostri colpi, entrando poi nella stanza davanti a voi; lì sarete al sicuro dalla larva, ma dovrete combattere un po' di Pawn.
Usciti fuori, vi troverete davanti ad un buco gigante; saltate dentro ad esso, attivando il jetpack per non schiantarvi alla sua fine. Dopo un breve percorso orizzontale, dovrete saltare in un altro buco, pressochè identico al precedente. La tecnica d'atterraggio sarà chiaramente la medesima. Salite poi lungo il sentiero per raggiungere i resti di un altro aereo.
Voltatevi a destra, saltate verso la piattaforma. Destra ancora, altro sentiero, altre piattaforme. Alla fine del percorso, dovreste trovare l'ultima parte dell'aereo. Superate anche la caverna, per trovare l'USS Cyclops. A destra dell'albero maestro, sulla prua della nave, potrete trovare una scatola, recuperatela (è il sonar). Dopo la scenetta, guardate verso l'alto. Noterete un gruppo di scatole, raggiungibili sfruttando i condotti.
Giunti alla piattaforma, entrate nella nave attraverso il buco. Uccidete i nemici, uscite fuori sul ponte, continuate su (il posizionamento delle piattaforme rende il percorso piuttosto vincolato). Eliminate i Watcher, dunque guardate la scenetta di fine livello, ove verrete salvati da Ava.

Episodio 1 - Capitolo 5: Village Attacks

Guardate la scenetta; dovrete dunque immediatamente eliminare un gruppetto di Pawn. Procedete dunque verso il ponte. Eliminate il Cavaliere, utilizzando tattiche evasive che sfruttino il vostro jetpack (dunque, rimanendo sempre in volo). Saltate aldilà dei quattro consecutivi burroni, dunque cominciate a scalare le piattaforme seguenti. Dopo aver ucciso un gruppetto di nemici, vi troverete nel mezzo di una frazione di un villaggio.
Percorrete il cortile, anche qui superando vari nemici, giungendo ad un gruppo di rovine di pietra. Scalate la colonna per giungere al piano superiore delle rovine. Alla fine del percorso, potrete usare dei detriti per tornare in superficie. Altri nemici, dunque via dritti verso il monolite davanti a voi. Voltate a sinistra, giungendo nei pressi di alcuni pilastri. Superate la stanza con la pozza, poi ancora a sinistra. Attenzione ai nuovi nemici, i Sarpa: sono in grado di saltare verso di voi, a quel punto dovrete per forza superare un evento predeterminato (cioè premere una sequenza di tasti) che se fallito condurrà univocamente alla vostra morte. Uccideteli prima che riescano a intrappolarvi in questo perverso meccanismo.
Percorrete poi gli svariati corridoi, svoltando inizialmente a destra. Salite lungo le piattaforme verticali appollaiate sul muro di fronte a voi. Giunti in cima, aiutate Tavi a combattere con i Cavalieri in scena (ne arriveranno diversi, ma comunque dovrete combatterne sempre e solo uno alla volta, per fortuna). Dopo la scenetta, il livello si potrà dire completato.

Episodio 1 - Capitolo 6: Into the Void

Vi troverete in una caverna, uscite immediatamente. Avrete ora a vostra disposizione tutte le opzioni tipiche del jetpack che avete sperimentato all'inizio del gioco. Distruggete le tre torrette sulla destra, provando le manovre di svolta a 180 gradi, come indicato su schermo. Dovrete dunque liberare un gruppo di umani da un campo di forza che li rinchiude. Volate verso il generatore sulla sinistra. Premete il tasto A per atterrare. Entrate nel generatore, uccidete i nemici, distruggete il pannello di controllo.
Uscite dalla stanza, dunque entrate nella sezione inferiore dell'edificio, precedentemente non accessibile a causa della presenza dello scudo. Dirigetevi verso l'altro pannello di controllo, distruggendo anche questo. In questo modo, il primo generatore potrà considerarsi andato.
Continuate verso l'altro generatore, sulla destra. Il metodo di distruzione è esattamente lo stesso. Eliminato anche questo pericolo, dovrete distruggere il robot che cercherà di impedire alla nave umana di andarsene. Colpite le articolazioni dell'androide, ove le gambe e le braccia si congiungono al corpo. Quando noterete che cominceranno a bruciare, passate a colpire la testa o la coda. Vi verrà dunque indicato su schermo quando premere B per cominciare la sequenza preordinata di tasti, necessaria a finirlo una volta per tutte. Tornate alla zona ove avete distrutto il campo di forza, entrando nel buco al suo centro. Volate lungo il tunnel, giungendo all'hangar. Qui, dovrete cominciare a combattere. Distrutti gli avversari, una scenetta vi indicherà l'apertura di una porta dall'altro lato della stanza. Uscite per completare l'episodio.

Video - Le Strategie di Combattimento

Episodio 2 - Capitolo 1: The Prophesized One

Parlate con Altern, tornando poi verso il campo, procedendo dunque dritti fino ad incontrare un gruppo di rovine. Eliminate i Watcher, cercando di proteggere Atem. Eliminate i Watcher posti a custodia della torretta, prendendone così poi possesso. Voltate dunque verso destra, ove potrete vedere davanti a voi altri due Watcher incombere. Combattete i nemici che si presenteranno davanti a voi lungo il labirinto; dunque muovetevi verso sinistra; qui altre torrette, ormai sapete la procedura da eseguire, uccidete coloro che si occupano della loro gestione, acquisendo così un punto di vantaggio da cui eliminare anche il resto degli avversari in zona.
Atem vi chiamerà, dicendo che i suoi compagni sono sotto attacco. Come vi suggerirà, correte verso la sua postazione, così da poterlo assistere. Percorrete la vallata fino al monolite, per poi girare a destra, giungendo così all'accampamento ove si trova Atem. Aiutate dunque i presenti ad eliminare il cospicuo gruppo di Watcher in zona. Giungeranno due trasportatori, ognuno dei quali rilascerà un gruppo di Sergeant, di cui tuttavia vi potrete occupare con una certa facilità, data l'assenza di nemici più pericolosi in zona. Dovrete dunque muovervi verso il tempio sul retro; seguite Atem, parteciperete dunque ad una scenetta, durante la quale Atem vi farà alcune rivelazioni scottanti riguardanti la trama del gioco. Essa coinciderà con la fine della missione.

Episodio 2 - Capitolo 2: Survivors

Quando Atem vi suggerirà di procedere autonomamente all'esplorazione, dirigetevi verso la piattaforma di carico sul retro dell'Ark, dalla quale potrete avere accesso alle caserme. Superate i soldati, salite le scale. Parlate con Red, l'unica ragazza presente in questo piano. Vi mostrerà la vostra camera. Guardate la scenetta, altro non è che un'esplorazione del vostro spazio onirico, sarete poi svegliati da Atem, il quale vi comunica che ha bisogno del vostro aiuto (un allarme è stato attivato da qualcosa nei paraggi).
Atem vi dirà che dovrete andare ad eliminare alcuni Watcher, sono stati loro a far scattare l'allarme. Uscite dalla caserma usando la piattaforma di cui vi siete serviti per salire, dunque cominciate a volare verso destra, ove si trovano i Watcher. Dopo aver ucciso il primo gruppo, ne giungerà un secondo, questo equipaggiato con scudi piuttosto potenti. Dovrete sparare verso le protezioni e distruggerle prima di poter infliggere anche un solo danno al soldato vero e proprio. Atem vi dirà dunque di tornare all'accampamento (chiaramente solo dopo che avrete distrutto tutti gli avversari). La ricompensa per il compimento della missione sarà un elmetto, dotato di un radar.
Un elicottero trasporterà dunque voi ed Atem verso una nuova zona di gioco, una specie di sito archeologico, simile a quanto visto nel primo capitolo. Saltate di piattaforma in piattaforma, eliminando i facili nemici che interferiranno con il vostro progresso che vi assicuriamo sarà comunque assolutamente spedito. Liberate i prigionieri, dunque continuate lungo le rampe. Due soli sergenti vi separano dalla fine del livello; dopo averli terminati, uscite dalla porta in cima all'area di gioco, qui potrete vedere Atem che si prende cura di una grande quantità di nemici senza ricorrere al vostro aiuto (pare quasi che abbia nascosto le sue capacità per farvi lavorare di più). La missione potrà così dirsi completata.

Episodio 2 - Capitolo 3: Prison Escape

Dopo la scenetta, durante la quale verrete letteralmente catapultati verso il nuovo livello, cominciate a volare in avanti. Dopo un pò, noterete che il vostro campo visivo sarà letteralmente invaso da una torre, leggermente pendente che si sta per adagiare a terra. Voltate verso sinistra, dove potrete notare un altopiano/piattaforma. Qui dovrete cominciare ad eliminare i Watcher, i quali utilizzeranno principalmente armi di tipo anti-aereo per cercare di farvi fuori. In totale sono 5, un numero tutt'altro che elevato, dunque supponiamo che non siano necessari sforzi sovradimensionati alla vostra abilità. Rimarranno poi da combattere alcuni Cavalieri, ma una volta espugnata la difesa dei Watcher, non sarà affatto complicato prendersi cura degli altri nemici, senza essere ostacolati da impedimenti di altro genere.
Fatto tutto il possibile, vi verrà ordinato di procedere verso l'hangar a nord, immediatamente dopo la prigione. Qui, una battaglia si starà svolgendo, tra un (folto) gruppo di Watcher ed alcuni membri degli svariati team, voi alleati. Purtroppo, ne dovrete affrontare ben due ondate, poichè in seguito all'uccisione del primo gruppo che incontrerete non appena entrerete nel campo di battaglia, ne arriverà un altro, dalle porte dell'hangar (che dunque si apriranno).
Avendo cauterizzato anche quest'ultima minaccia, potrete entrare nella stanza accessibile dalle porte di cui sopra e procedere verso il pannello di controllo; distruggendolo, si aprirà un tunnel nel bel mezzo della stanza: dirigetevi al suo interno, velocemente. Aggiungiamo l'avverbio velocemente per un semplice motivo: dovrete attraversare una serie di porte, la cui chiusura seguirà delle precise tempistiche, fissate da un timer: eccessiva calma vi porterà con certezza a schiantarvi su una di queste porte (chiuse), dovendo così iniziare daccapo l'avventura.
Giunti alla fine del tunnel, vi verrà indicato di sparare ad un lucchetto di una porta, in maniera tale da causare la sua apertura; dunque, continuate a scendere, fino a giungere ad un corridoio, il quale a sua volta porta ad una stanza piena di nebbia. Cercate di proiettarvi velocemente verso l'alto, verso l'altro lato dello stanzone, dunque cercate una porta a sinistra. Sarà bloccata, ma voi potrete sparare ad essa ed aprirla, consentendovi così la prosecuzione. Vi saranno poi altri due portoni, ai quali andrà riservato esattamente lo stesso trattamento.
Alla fine del percorso vi troverete in una stanza di enormi dimensioni; un campo di forza vi impedirà però di scendere verso i piani inferiori. Entrate nell'unica stanza presente, cercando di raggiungere la sua cima, uccidendo i nemici che vi ostacoleranno. Troverete tre pannelli di controllo, distruggeteli. Un condotto, al centro della stanza, si aprirà; voi potrete continuare al suo interno, lì troverete un nucleo di energia; distruggetelo, in questa maniera libererete anche i prigionieri, rinchiusi nelle celle, sparse nei dintorni. Tornate ora giù, l'eliminazione del generatore avrà anche probabilmente disattivato interamente i campi di forza; potrete dunque continuare indisturbati la vostra corsa verso il basso. Dovrete distruggere qualche altro generatore prima di poter finalmente mettere le mani sul nucleo vero e proprio. La sua esplosione causerà l'apertura di un altro blocco di celle e renderà al contempo accessibili i piani ancora più bassi.
Distrutto l'ultimo, si aprirà una porta dalla quale usciranno alcuni nemici; dopo esservene presi cura, continuate lungo il corridoio immediatamente seguente. Parlate con il sopravvissuto, il quale, da buon sopravvissuto, non potrà far altro che chiedervi aiuto; più specificamente vi chiederà di aiutarlo a liberare l'ennesimo gruppo di prigionieri. Sparate alle tre casse di fili, nei pressi dell'alcova blu, per poi interagire con esse (tasto B), ricollegando i fili; in questo modo i prigionieri verranno liberati dalle loro celle. Entrerete poi in una stanza molto scura, ove sarete vittime di un'imboscata da parte di uno Sarpa. Eliminatelo, dunque prendete il Mangetar. Sparate al pannello, creando così un'apertura, scendendo lungo la quale arriverete al seguente corridoio (è imposto l'utilizzo dell'arma appena recuperata, il Mangetar, pena l'impossibilità di forare il materiale che compone il pannello).
Eliminate gli avversari, dando man forte ai sopravvissuti; compariranno poi alcuni altri nemici agli angoli della stanza, ma la loro numerosità sarà tale (scarsa) che potrete anche stare a guardare mentre i vostri compagni se ne occupano. Dirigetevi dunque verso il centro della stanza, ove potrete parlare con Tavi. Dopo la chiacchierata, procedete aldilà della porta che si aprirà, essa conduce alla seconda zona dell'Hangar.
Uccidete anche qui i nemici che mettono in pericolo la vita dei sopravvissuti, prestando speciale attenzione al veicolo che essi useranno per decollare e tornare verso casa. Avendoli visti decollare con successo, potrete considerare il capitolo del tutto completato.

Episodio 2 - Capitolo 4: Breaking Camp

Dopo la scenetta, vi ritroverete ad avere sotto controllo un gruppo di Biplani appartenenti ai Survivor; il problema principale sarà quindi cercare di mettere a tacere tutti i soldati che cercano di abbattere il gruppo sotto il vostro controllo. Consigliamo dunque di prendere possesso della mitragliatrice più vicina e cominciare a colpire gli avversari il più possibile. Non esistono delle tattiche particolari, cercate semplicemente di aver buona mira, così da poter accorciare considerevolmente i tempi di distruzione. L'eliminazione degli avversari consentirà l'entrata in scena di un trasportatore, il quale rilascerà una certa quantità di Watcher in zona; cercate di eliminarli immediatamente, specialmente il Sergeant, particolarmente pericoloso. La velocità è necessaria, poichè dovrete far sì che non riescano a distruggere il serbatoio dell'Ark. Stessa cosa per la successiva ondata di nemici, anch'essa portata in scena da un trasportatore.
Jetpack per non precipitare nel vuoto: istruzioni per l'uso
Nikola vi dirà poi che i generatori dell'Ark hanno qualche problema, dovrete andare a prendere per suo conto l'Hypercoil, in grado di far partire i generatori. Esso si trova immediatamente sopra la postazione ove vi trovate in questo momento, recuperarlo sarà dunque questione di un attimo. Riportatelo a Nikola, dunque occupatevi dei quattro generatori nel piano centrale dell'Ark; dovrete sparare verso di loro, facendo sì che rigenerino il loro quantitativo energetico. Il completamento della rigenerazione sarà chiaramente segnalato dalla sparizione del checkpoint associato sulla mappa di gioco.
Subito dopo, sempre Nikola vi riferirà della presenza di un altro problema, anch'esso riguardante l'Ark; in questo caso, le postazioni che reggono in piedi l'Ark hanno perso completamente la loro mobilità, dovrete volare sopra di loro e sparare all'ingranaggio proprio in mezzo alla loro struttura (il punto è chiaramente indicato sia sulla mappa, sia sullo schermo, sarà difficile mancarlo).
A questo punto, finalmente, l'Ark potrà partire. Prima di potervi godere la scenetta di fine livello, dovrete distruggere i tre Archon che giungeranno in loco, tentando di impedire la locomozione dell'Ark. Sarà un gioco da ragazzi e il livello potrà dichiararsi completato in men che non si dica.

Episodio 3 - Capitolo 1: Defending the Ark

Dopo la solita scenetta di inizio livello, finalmente prendere il controllo del vostro personaggio. Sarete a bordo di un Biplano, il quale si sta muovendo verso l'Ark. Si consiglia di saltare dal Biplano verso l'Ark, qui prendete possesso di una delle mitragliatrici anti-aeree con le quali cominciare (ed anche finire) la distruzione di tutte le navi nemiche presenti. In tutto, saranno una dozzina; dopo un pò, comparirà anche un trasportatore, molto meno agile, ma dotato di armi anti-aeree lui stesso: prima di cercare di distruggere il "cuore" del trasportatore, provate ad eliminare ognuna delle armi, sicchè la sua potenza di fuoco diminuisca progressivamente e non sia in grado di danneggiarvi in maniera eccessiva. Giungeranno dunque altri gruppetti di nemici minori, non preoccupatevi troppo per i punti vita dell'Ark poichè Nikola è in grado di ripristinarli in maniera autonoma. Dopo una breve scenetta vi ritroverete in una nuova zona, anch'essa abbastanza piena di nemici, dei soliti generi, dunque nulla di particolare - nessuna tattica peculiare da evidenziare. Dopo aver ucciso tutti, continuate avanti, seguendo il percorso tracciato naturalmente dall'Ark.
Ad un certo punto, esso entrerà in una caverna disseminata di mine; cercate di distruggerne il più possibile, così da risparmiare la corazza dell'Ark. Alla fine del percorso, troverete un altro gruppetto di nemici - è questo il motivo per cui vi abbiamo consigliato di risparmiare punti vita, nonostante non siano nemici minacciosi, potrebbero darvi il colpo di grazia se faceste l'errore di lasciarvi colpire da un gran numero di mine. Alla fine del percorso, dovrete affrontare una Nave da Guerra Watcher. Prima del combattimento, fortunatamente, l'intera barra dei punti vita della Ark verrà completamente ripristinata grazie all'azione di Nikola. Potrete dunque concentrarvi sulla Nave da Battaglia, con strategie prettamente offensive. Dovrete distruggere tutte le torrette sui fianchi come prima mossa; dopo averlo fatto, due contatori elettronici compariranno sulla parte frontale della nave nemica; riprogrammandoli, rivelerete un generatore. Fatelo esplodere per completare metà del combattimento; ripetete la procedura con le rimanenti 6 torrette per completare la battaglia.

Episodio 3 - Capitolo 2: The Collector

Dopo la scenetta, piuttosto sconvolgente (l'Ark rischia di essere letteralmente "mangiato" dal Collector, il mostro che verrà introdotto dalla scenetta stessa), prenderete il controllo di... voi stessi. Voltatevi verso sinistra, localizzando i Watcher sui muri del Collector. Notate che anche i Watcher stanno lottando contro il Collector, dunque potrete sfruttare il loro aiuto (specialmente quello "involontario" dei trasportatori) per colpire i punti deboli del Collector.
In pratica, colpire i suoi punti deboli è l'unica vera strategia che potrà da voi essere con successo attuata; infatti, dovrete cercare di mirare alle sacche di bile nei pressi della "lingua" del Collector, chiaramente mezzo primario da lui utilizzato per inglobare la vostra nave. Attenzione: dato che vi trovate nella bocca (ed in certi momenti, anche nella parte iniziale dell'esofago), in alcuni istanti un liquido simile agli acidi dello stomaco scorrerà verso di voi, chiaramente danneggiandovi nel caso in cui vi raggiunga. Per fermare il flusso, dovrete mirare ai condotti presenti ai lati della lingua, dai quali proviene l'acido.
In pratica, il capitolo finirà non appena avrete distrutto le sacche nei pressi della lingua, di cui abbiamo appena parlato.

Video - In Volo

Episodio 3 - Capitolo 3: The Revolt

Guardate la scenetta, ad un certo punto un vostro compagno creerà un buco sul muro, dal quale entrerà Atem, vi donerà un'arma ed il combattimento potrà avere inizio. Purtroppo, non avrete accesso al vostro jetpack. Cominciate a combattere il primo gruppo di Watcher che entrerà in scena. Dopo un pò, un altro buco sul muro vi consentirà di uscire. Seguite Atem. Percorrerete un corridoio; lasciate volare il nemico dorato, senza cominciare un inutile combattimento, per poi dirigervi verso il lato opposto della stanza assieme ad Atem.
Dopo una breve scenetta, l'ennesimo buco sul pavimento vi consentirà di procedere. Seguendo Atem, giungerete ad una stanza di grandi dimensioni, costellata di sergenti e di buchi piuttosto pericolosi. Muovetevi verso destra, seguendo le rampe, fino a giungere nei paraggi di una torretta. Prendetene possesso, distruggete i Sergeant in arrivo. Dunque uscite fuori usando la piattaforma.
Seguite Atem all'esterno, vi lascerà soli, dicendovi di uscire attraverso l'Hangar. Spostatevi verso destra, mirate ai nemici nella sezione inferiore del livello, eliminateli. Salite poi prontamente sull'ascensore, scendendo lungo il medesimo sentiero utilizzato dai Watcher che vi precedevano. Un altro ascensore vi consentirà di scendere ulteriormente; giunti alla fine del percorso, continuate verso il lato opposto del sentiero, poi giù lungo la passerella, uccidendo tutti coloro che incontrate durante il procedere lungo la passerella stessa. Altro ascensore, vi consentirà di scendere ulteriormente nei meandri dell'hangar. Attenzione ai due nemici con armatura dorata che potrete notare sul lato opposto della postazione, uccideteli il più velocemente possibile, correndo dunque verso sinistra e mirando verso le piattaforme subito sopra di voi. Percorrete dunque i tubi che vi condurranno dall'altro lato dell'hangar.
Giunti alla sezione più bassa di questo lungo percorso, utilizzate la passerella, giungendo ad una stanza piena di Watcher. Uccideteli tutti, scendete ancora di un piano. Giunti a destinazione, noterete quasi immediatamente un gruppo di casse, disposte a mò di scale. Saltate su di esse, raggiungendo poi la piattaforma proprio sopra di voi e dunque avanti lungo la rampa che scende dal centro dell'hangar.
Eliminate i Survivor, percorrendo poi il corridoio che vi farà arrivare nei pressi della console che dovete distruggere per completare l'obiettivo. Si sbloccheranno anche due porte, superatele entrambe per riunirvi con Atem. Dopo la scenetta, riuscirete finalmente a recuperare il jetpack in versione integrale. Ava vi suggerirà di distruggere tutte le postazioni ed unità anti-aeree prima di cercare di sferrare l'assalto finale alla torre. Questo suggerimento, apparentemente innocuo, diventerà in realtà una specie di side-quest obbligatoria, poichè apparirà immediatamente una barra - sulla parte bassa dello schermo - stante ad indicare la potenza cumulata delle unità aeree dei Watcher.
Uccidetele tutte sistematicamente, non ci sono suggerimenti particolari che vi possiamo dare, anche perchè il compito non è particolarmente complesso, tutt'al più tedioso. Fatto ciò, potrete cercare di raggiungere la torre; verrete tuttavia fermati da una scenetta che indica la fine del livello.

Episodio 3 - Capitolo 4: The Tower of Return

La strategia di combattimento del vostro avversario si divide in vari "livelli" lungo i quali progredirete in maniera più o meno lineare. Inizialmente, si collocherà in un preciso luogo e rimanendo fermo sparerà proiettili di genere simile a quelli di una mitragliatrice verso di voi. Si consiglia l'utilizzo di una lanciarazzi, le cui munizioni dovranno essere mirate alle spaccature di colore viola presenti sulla sua armatura. Dopo un pò, si sposterà, passando alla successiva fase del combattimento.
In questa parte egli tenderà a spostarsi da un lato all'altro, sparandovi con il laser, in maniera analoga a quanto fatto dall' Archon. Schivatele con l'apposita manovra-schivata, cercando di mirare sempre alle aperture di colore viola sul suo petto che rimangono il suo punto debole per eccellenza. Dopo aver subito qualche altro colpo, volerà verso l'alto, diventando di colore verde e cercando di colpirvi a mò di ariete. Le tipiche schivate con svolta a 180 gradi sono ciò che ci vuole per superare indenni questi passaggi. Sarà qui però più complesso riuscire a colpire il suo petto, per questo motivo consigliamo prudenza e pazienza, ci potrebbe volere del tempo per danneggiarlo a sufficienza, tale da passare alla successiva fase di gioco.
Ad un certo punto, vedrete la lettera "B" apparire sopra la testa del vostro nemico. Cercate di spostarvi sopra di lui, premendo il tasto B proprio nel momento in cui vi trovate in corrispondenza della lettera virtuale. Sarete così catapultati in un evento "pre-calcolato", durante il quale dovrete premere una sequenza interattiva di tasti per danneggiare il vostro nemico; alla fine della sequenza, farete a pezzi una parte della sua testa. Ripetete la procedura con l'altra sezione della testa; dopo poco, la vostra azione sarà interrotta da una scenetta. Si tratta della scena di fine gioco, dunque congratulazioni!

Soluzione Video - Playlist

Clicca qui per la playlist!

Soluzione Video - Prologo

Soluzione Video - Scontro Finale