Patapon 2 - Soluzione  3

La Soluzione è basata sulla versione americana per PSP del gioco. Alcuni termini potrebbero non corrispondere con la versione italiana.

Prologo

Svegliate Hatapon, il quale vi donerà la batteria della Forza. Dunque, iniziate a familiarizzare con il comando "Marcia", equivalente a Pata Pata Pata Pon. Eseguitelo per quattro volte per porre il vostro Hatapon in condizione di muoversi. Continuate a marciare, facendo ritirare in maniera automatica i Kamen, i quali, dunque, salveranno Meden.

Missione 1/1

Vi verrà immediatamente insegnato il comando "attacco", consistente nella sequenza Pon Pon Pata Pon. Eseguitelo per quattro volte, così da causare la distruzione del muro di pietra a voi antistante. Eliminate i Kachees (capirete il momento giusto dal cambiamento della colorazione degli occhi di Yaripon). Firmate il contratto per ottenere una buona quantità di oggetti addizionali.

Missione 1/2

Superate il segno che indica il dormire. Distruggete la cassa del tesoro, la quale contiene una certa quantità di equipaggiamento che avete deciso di portare dal primo al secondo patapon. La missione serve, in pratica, unicamente a portare il vostro equipaggiamento da un gioco all'altro.

Missione 2/1

Distruggete i muri di pietra. Ban si unirà al vostro gruppo. Attenzione agli YariKameni che cercheranno di tendervi un'imboscata immediatamente dopo la distruzione delle mura di pietra. Fortunatamente, servendovi dell'aiuto di Ban, li eliminerete in velocità. Continuate a marciare, attaccando nel contempo. Distruggete la pietra tombale, avanzate, prendete gli oggetti che vi verranno forniti da Ban. Distruggete l'ultimo edificio per completare la missione in via definitiva.

Missione 2/2

Cominciate la missione aumentando il numero di animali presenti all'interno del vostro gruppo, specialmente Yaripon e Yumipon. Servitevi di questi ultimi per distruggere la pietra tombale, attivandoli in modalità Febbre. Sarà sufficiente un comando per distruggere grandi quantità di rocce. In questo modo, il tempo limite non sarà un problema.

Missione 3/1

Distruggete subito la pietra tombale, per ottenere la batteria della salvezza. Dovrete ora imparare la canzone per la difesa, il cui ritmo è Chaka Chaka Pata Pon. Ripetetela per quattro volte per impararla a memoria. Continuate dritti, cominciate a colpire la roccia nei pressi del patapon mascherato. Dopo un po', apparirà un Dodonga sullo schermo. Attaccate continuamente, con un'unica eccezione: cercate di schivare nel momento in cui egli lancerà la sua testa verso il basso (significa che starà per eseguire una carica nella vostra direzione). La roccia si distruggerà, e voi avrete il patapon mascherato come alleato del vostro piccolo esercito. Tornate a Patapolis.

Missione 3/2

Dovrete eseguire delle canzoni di attacco e di difesa, chiaramente facendo sì che il timing sia esatto. Non appena vedrete il messaggio "Cominciare l'attacco", eseguite della canzoni d'attacco, ininterrottamente. Non appena vedrete che il cannone starà per sparare, utilizzate invece delle canzoni di difesa. In generale, il piano per riuscire a compiere questa missione a qualsiasi livello di difficoltà consiste nell'attaccare quando il cannone è fermo, e cercare di difendere quando sta attaccando. Ripetendo la procedura ad libitum, potrete superare qualsiasi difficoltà con facilità. Nel caso in cui vi venga indicata la presenza di un ritardo a causa di una "coda" nel sistema difensivo, il pattern cambierà: non più una difesa seguita da un attacco, ma 3 attacchi seguiti da 3 difese.

Missione 4/1

Gli attacchi a disposizione del nemico sono i seguenti: lo sputafuoco, intuibile dall'alzarsi della testa del nemico; non particolarmente dannoso, ma rende incontrollabili i patapon incendiati; testata, intuibile dall'abbassarsi della testa del nemico; molto dannoso: dovrete eseguire una canzone di difesa non appena vedrete l'avversario sul punto di eseguirlo; divora: l'avversario si abbasserà, e cercherà di mangiare il patapon a lui più vicino: attenzione, attacco pericoloso perchè nessun patapon ne è immune, nel caso in cui vada a mangiare un soldato, nessun problema; qualche problema potrebbe verificarsi se la vittima è un eroe.
Anche qui, come intuibile, la chiave per la vittoria risiede nell'utilizzo oculato delle canzoni di difesa: cercate di servirvene sempre quando starà per eseguire la testata, e spesso anche in corrispondenza degli altri attacchi. Il momento migliore per colpirlo è o quando starà per compiere il suo attacco, o quando lo avrà appena compiuto.

Missione 4/2

Trattasi di una missione che vi vedrà fronteggiare una versione potenziata del precedente boss. Le tattiche da utilizzare sono le medesime, ma vi consigliamo di attendere che i vostri personaggi abbiano raggiunto un livello di sviluppo superiore, prima di procedere, pena l'alta probabilità di sconfitta.

Missione 4/3

Majidonga è un clone di Dodonga, potenziato dalla presenza di un attacco aggiuntivo, chiamato Roar Attack; sarà visibile dal movimento della sezione inferiore della sua mascella, seguito da un potente rombo verso i cielo. Eseguite una canzone di difesa non appena vedrete l'attacco cominciare, dato che può danneggiare in maniera piuttosto seria i vostri personaggi.

Missione 4/4

Missione che appare unicamente durante le giornate nevose. Trattasi di combattimento piuttosto difficile, sconsigliato nel caso in cui le vostre forze non siano ad un buon livello di preparazione. I vostri patapon dovranno essere resistenti al freddo, dato che la neve è in grado di congelarli. Necessiterete anche della canzone-schivata. Infatti, in luogo della difesa utilizzata contro i precedenti boss, dovrete qui utilizzare la schivata (i colpi sono troppo potenti, e riescono, in pratica, ad "infrangere" la difesa).

Missione 5/1

Procedete dritti, distruggete i muri di pietre che si porranno tra voi ed il percorso. Attenzione all'erba: è altamente infiammabile, e le fiamme si spargono molto velocemente. Chiaramente, danneggiano i vostri patapon, anche piuttosto seriamente. Dunque, cercate di rimanere lontani dalle aree occupate dalle fiamme. Per il resto, la missione è semplice e lineare: marciate dritti, attaccando tutto il possibile.

Missione 5/2

Trattasi della medesima missione (rispetto alla 5.1), con un personaggio in meno (Don the Yumipon). Otterrete oggetti leggermente differenti in seguito al suo completamento, ma non particolarmente più potenti.

Missione 6/1

Cercate di inserire l'Eroe Tatepon all'interno del vostro gruppo di uomini, prima di procedere. Nonostante sia Gong a presentarsi davanti a voi, in realtà vi troverete ad affrontare gli Zigotons, suoi servi molto meno potenti. Dovrete continuare ad attaccarli, marciano vicini a loro (non provate neppure a distruggere gli ostacoli, sarebbe fatica sprecata: lo faranno i nemici per voi). Non preoccupatevi nel caso in cui il vostro numero di patapon tenda progressivamente a scendere: è normale.
Dopo la ritirata del vostro nemico, ci sarà da fronteggiare una certa quantità di Kamen. Qui si consiglia l'utilizzo massiccio della modalità Eroe, della quale necessitate per avere facilmente la meglio sul nemico, dato che siete indeboliti dal precedente combattimento. Distruggete l'edificio a forma di urna per completare la missione.

Missione 6/2

L'obiettivo di questa missione consiste nel riuscire a trovare il totem, essenziale per poter procedere aldilà dell'ottava missione. L'unico serio ostacolo che potreste incontrare è rappresentato da Oozy; egli è in grado, letteralmente, di "mangiare" uno dei vostri Patapon, i quali chiaramente non avranno alcuna possibilità di essere riportati in vita. In ogni caso, una volta arrivati nei pressi del totem, rimanete ad una certa distanza ed eseguite le sequenze che saranno indicate su di esso. Continuate fino a che non emetterà la radice dalla sua sezione inferiore.

Missione 6/3

Missione che va eseguita durante un giorno di sole, così da poter migliorare il vostro headcount. Equipaggiate il Rain Miracle, e cercate di colpire manualmente non appena essi escono allo scoperto.

Missione 7/1

Missione che vi pone contro una specie di boss, Motititi. E' dotato di 3 generi di attacchi: un gas sonnifero, intuibile dal fatto che il nemico si accovaccerà leggermente; quando ciò succederà, allontanatevi e cominciate ad utilizzare armi a lungo raggio; un attacco con il becco, intuibile da un movimento verso il basso della sua testa, si consiglia la danza della difesa per smorzare gli effetti; ed una specie di schiacciata con l'intero corpo: qui dovrete semplicemente muovere le vostre unità per evitare di essere colpiti. Potrete attaccarlo in qualsiasi momento, non esistono frangenti di maggiore vulnerabilità.

Missione 7/2

Missione pressochè identica alla precedente, con irrilevanti modifiche alle mosse a disposizione del boss.

Missione 8

E' richiesto il possesso del Rain Miracle per poter eseguire la missione in questione. Dunque, equipaggiatelo, dunque procedete avanti fino alla pietra tombale. Distruggetela per ottenere la batteria del miracolo. Gong vi spiegherà come eseguirli. Dopo aver provato, seguite Gong, si dirigerà nei pressi di un edificio. Distruggetelo per completare la missione in via definitiva.

Missione 9/1

Anche questa missione richiede la presenza del rain miracle, dato che rende Sentura visibile alla vostra vista. Il nemico possiede i seguenti attacchi: Devour, capace di uccidere un Patapon con un solo colpo (notate che ci vorrà un po' per succhiare la vita al Patapon, dunque potrete liberarlo nel mentre); Fang Smash, una specie di piccolo terremoto, facilmente evitabile dato che solleverà chiaramente la sua zampa prima di eseguirlo; Sleeping Liquid, mossa che vedrà il vostro nemico effettivamente "emettere" una certa quantità di liquidi dal corpo, liquido che addormenta i vostri patapon. Sapendo le caratteristiche dei suoi attacchi, riuscirete anche ad evitarli. Equipaggiando il Rain Miracle, sarà facile colpirlo, ed eliminarlo.

Missione 9/2

Missione identica alla precedente, caratterizzata unicamente dalla maggiore quantità di HP a disposizione dell'avversario.

Missione 10/1

Portate con voi i Tatepon per facilitare la riuscita della missione. Cercate anche di potenziare bene il vostro esercito, dato che potrebbe rivelarsi piuttosto lunga. Il primo personaggio che vi troverete ad affrontare sarà Gong; non potrete però ucciderlo, dovrete mirare ai suoi servi. Eliminateli (senza cercare neppure di colpire Gong stesso), ed egli batterà in ritirata. Inseguendolo, vi troverete davanti al secondo gruppo di avversari, gli Zigoton. Distruggete anche questi, dunque procedete ancora avanti, facendo a pezzi i muri che si porranno tra voi ed il vostro obiettivo. L'ultima pate della missione vi vedrà combattere una tribù Kamen. Ormai sapete bene come affrontare avversari di questo genere.

Missione 10/2

Missione caratterizzata dalla presenza di animali simil-pipistrello. L'atmosfera è altamente nebbiosa, si consiglia il massiccio utilizzo di Yaripon e di Yumipon per arrivare ad un risultato ottimo, mirando specialmente ai Beebat, così da sbloccare una mappa del successivo livello.

Missione 11/1

Risulta anche qui necessario l'utilizzo del Rain Miracle, data l'invisibilità del mostro. Fortunatamente, possiede solo un attacco, chiamato Horizontal Pierce: un'unghiata che attraversa lo schermo nella sua interezza. La limitata gamma viene però più che compensata dalla potenza: l'attacco è piuttosto letale. L'unico modo per sconfiggerlo consiste nell'utilizza la canzone-schivata (da attivare non appena vedrete la sua unghia muoversi verso il lato dello schermo); dunque, potrete completare la missione solo dopo averla fatta vostra.

Missione 11/2

Livello identico al precedente; otterrete però il Defense Miracle, in grado di aumentare il livello di difesa dei vostri Patapon.

Missione 12/1

Tipica missione di conquista/assedio di una fortezza. Il focus primario, iniziale, dovrà andare verso la distruzione degli edifici, dato che proteggono i nemici dotati di armi dalla distanza. Localizzate la pozione ristoratrice a metà del livello, vi servirà tutta. Ricordandovi di mirare immediatamente agli edifici, riuscirete a completare la missione senza troppi patemi.

Missione 12/2

Missione del tutto analoga alla precedente, con l'addizionale di un uovo come regalo, non appena riuscirete a finirla.

Missione 13

Evitate di marciare avanti: piantatevi all'inizio del livello, eliminando i nemici che arriveranno nella vostra direzione. Procedendo avanti vi mettereste in guai seri. Attendete l'arrivo della mano di Fuaramanta, una specie di grande ameba in grado di rovesciare i vostri patapon. E' comunque possibile prevedere il momento in cui cercherà di eseguire la sua mossa: lo vedrete tenere due delle sue "dita" attaccate, sarà sufficiente difendere od evitare in quel momento per non subire gravi danni. Dunque, vi troverete a fronteggiare Fuaramanta vero e proprio. Può congelare i vostri patapon; per questo motivo, consigliamo di iniziare la missione con dei pon resistenti al freddo, nonchè l'eroe Tatepon. Prendendo questo accorgimento, il combattimento risulta di una facilità estrema; non prendendolo, potreste essere sconfitti piuttosto miseramente.

Missione 14

Eliminate il primo gruppo di Kamen, come ormai ben sapete fare, nonchè la torre dei nemici cornuti. Dunque, vi troverete davanti a Gong. Vi suggerirà un modo di distruggere il castello, consistente nella distruzione dell'occhio posto esattamente nel suo mezzo. Fortunatamente, sarete aiutati da Gong nel compito: egli terrà a bada gli avversari, e voi vi potrete dedicare pienamente alla distruzione dell'occhio.

Missione 15/1

Per l'esecuzione (con successo, chiaramente) di questa missione, si necessita di Patapon resistenti al freddo. Il vostro nemico sarà Dark Hero, sotto forma Tori. La missione è strutturata per essere estremamente semplice nel caso in cui siate resistenti al freddo, e praticamente impossibile nel caso in cui non lo siate. Procedete ad eliminare l'armata demoniaca, arrivando ad un castello di neve. Distruggetelo per ottenere il Miracolo Blizzard, nonchè completare la missione.

Missione 15/2

Missione dedicata alla caccia del Pekkola, la cui cattura vi donerà un oggetto atto a sbloccare una successiva missione.

Missione 16/1

Distruggete la pietra tombale, dunque vi troverete davanti a Dogaeens. E' dotato di svariati attacchi; i più potenti sono il Body Slam, in grado di generare un'onda che si propaga lungo tutto lo schermo (e che può essere solo smorzato dalla canzone di difesa, non completamente annullato); ed il laser, annunciato dal luccicare dei suoi occhi: dopo essersi caricato, il vostro nemico sparerà un laser (proprio dai suoi occhi), in grado di espandersi su buona parte dello schermo; si consiglia di cercare di evitarlo, imparando a capire quando starà per eseguirlo.

Missione 16/2

Missione identica alla precedente, vi permette di recuperare un differente tipo di uovo.

Missione 17/1

Preparate la vostra resistenza al freddo, dato che nevicherà durante tutta la missione. Eliminate la tribù Kamen, procedendo poi nella successiva foresta. Superato questo ostacolo, apparirà il Dark Hero in forma Kiba. Mirate immediatamente al cannone, cercate di schivare quando possibile, e procedete avanti, non prima di esservi curati. Il pattern generale della missione consiste nella distruzione dei cannoni, in maniera tale da recuperare punti vita, e dunque "spenderli" per eliminare i nemici che popolano le vicinanze.

Missione 17/2

Missione identica alla precedente, differisce per la presenza di un uovo.

Missione 18/1

Anche qui, preparatevi per il freddo. Gli attacchi più potenti a disposizione di Mamboss consistono nel Freeze, in grado di congelare i vostri patapon (ma anche il boss si congelerà, e se avrete protezione dal freddo, potrete sfruttare a vostro vantaggio questa situazione, chiaramente), nonchè lo Stomp, un calcio dal corto raggio d'azione, ma in grado di infliggere seri danni ai vostri patapon. In ogni caso, la sua sconfitta sarà semplice, provvisto che abbiate a disposizione protezioni dal gelo.

Missione 18/2

Si consiglia di grigliare per bene il boss, così da ottenere tutti i boss possibili. Per il resto, livello esattamente identico al precedente.

Missione 19

Sparate al pino in cima alla torre, così da ottenere la Shiny Star Hoshipon. Ascoltate la sua storia per ottenere un oggetto. Missione completa.

Missione 20/1

Distruggete immediatamente la pietra tombale, la quale vi consentirà di ottenere la musica di carica (Pon Pon Chaka Chaka). Trattasi di comando adeguato per boss dotati di attacco con "carica", dato che richiede una certa quantità di tempo per essere eseguito con successo. Un tipico esempio è proprio Mamborooss: unite l'attacco-carica ad una protezione per il freddo, e potrete eliminarlo in un solo colpo.

Missione 20/2

Simile al precedente, il boss possiede un nuovo attacco: Carica; egli vi guarderà in maniera aggressiva, sbatterà leggermente i piedi, e caricherà nella vostra direzione.

Missione 21/1

I demoni che affiancheranno Dark Hero sono in grado di congelare i vostri PataPon, grazie alle loro lance. Servitevi, come ormai siete soliti fare, della protezione contro il gelo. Dunque, affronterete Bababan, in possesso di un attacco Laser (il quale verrà emesso dall'occhio sulla sezione superiore del cancello), congelante, dunque neutralizzabile utilizzando una protezione; nonchè di alcune lance di fuoco, fortunatamente l'ampiezza dell'attacco è scarsa, dunque servendovi di personaggi in grado di attaccare dalla distanza, sarete ben al sicuro. Dunque, combatterete per l'ultima volta con il Dark Hero, situazione semplicemente risolvibile.

Missione 21/2

Missione identica alla precedente, con l'aggiunta di qualche equipaggiamento bonus.

Missione 22

Il nemico è Beetletan. Si consiglia di portare con voi l'eroe Tatepon, nonchè di utilizzare una strategia basata principalmente sulla schivata, piuttosto che sulla difesa vera e propria. Purtroppo, i suoi attacchi sono piuttosto dannosi. Eccoli: il lancia-roccia, esemplificato dal nome, consiste nel lanciare una roccia verso un vostro patapon; oltre a danneggiarlo, lo sposta notevolmente lungo il campo di battaglia; e le sleeping spores, delle spore nella sezione inferiore del fungo, che se poste a contatto con i vostri patapon, li addormenteranno all'istante.
Quando Beetle si nasconderà, eliminate il fungo; la parte finale del combattimento sarà più semplice di quella iniziale, dato che vi sarete abituati ai suoi attacchi.

Missione 23/1

Potrete subito imparare la musica del salto nei pressi della pietra tombale, per poi preparavi al combattimento con Garl. Possiede due gruppi di attacchi, uno per la sua forma aerea, uno per la sua forma da strega. Durante la prima, potrà lanciare un laser dalla bocca, evitabile utilizzando la canzone salto; nonchè dei proiettili ed una carica, questi anche evitabili servendovi delle capacità di difesa. Nella forma da strega, è in grado di lanciare una palla di fuoco, nonchè un fulmine (molto pericoloso, causa la morte immediata del patapon colpito), ed un vento congelante - questo evitabile con una buona protezione.

Missione 24/1

Phoeniti è l'analogo di Motititi, dotato però di qualche attacco addizionale. Essi sono: Tornado, una spirale d'aria che spazza via i vostri patapon (potrete difendervi, ma non è possibile schivarla), Burning Gas, in grado di infuocare i vostri Patapon.

Missione 24/2

Livello analogo al precedente, ma che vi farà ottenere oggetti leggermente diversi.

Missione 25

Necessario, anche in questo caso, l'utilizzo del Rain Miracle, nonchè di una qualche resistenza al fuoco, dato che la maggior parte dei nemici che popoleranno questa missione sarà dotata di poteri di quel genere. Non appena arriverete nei pressi del segnale indicante la presenza di terreno scottante, eseguite il Rain Miracle per bloccare i danni causati ai vostri sottoposti. Dunque, continuate dritti verso la torre. Fate a pezzi la torre, dunque eseguite di nuovo il Miracolo della Pioggia, completando così il livello.

Missione 26/1

Il nemico principale è Zankel, una specie di verme gigante. Possiede un attacco piuttosto debole (una fiammata dalla bocca, sia poco dannosa, che facilmente evitabile), ed uno piuttosto forte (un body slam, preceduto da un veloce arieggiamento - molto potente, ma facilmente evitabile). Evitate quest'ultimo, e la vittoria sarà vostra senza troppi sforzi.

Missione 26/2

Identica alla precedente, con cambiamento di oggetti ottenuti alla sua fine.

Missione 27

Portate con voi Rain Miracle. Cominciate dunque la caccia; arriverete automaticamente nei pressi di un totem. Non appena sarete inghiottiti dalle sabbia mobili, eseguite il Rain Miracle, eseguendo al contempo le mosse che vengono mostrate sul totem. Otterrete così il Tailwind Miracle.

Missione 28/1

Equipaggiate subito il Tailwind Miracle, così da rendere inoffensive le frecce nemiche. Voi, invece, potrete comodamente continuare a sparare dalla distanza, danneggiando considerevolmente il vostro avversario. Distruggete la prima ondata di nemici, arrivando nei pressi di un mulino a vento. La stessa tattica potrà essere impiegata per rendere inoffensivo il mulino (Tailwind Miracle). Esso sarà l'ultimo ostacolo che vi separa dalla fine della missione.

Missione 28/2

Missione esattamente analoga alla precedente; più un magazzino di risorse che una vera e propria sfida.

Missione 29

Marciate dritti, fino a raggiungere la torre. Attendete che i nemici comincino ad andarsene, per cominciare l'attacco. Non appena avrete distrutto l'altare, continuate avanti, ignorando la maschera che comincerà a fluttuare attorno a voi. Eliminate le strutture, è possibile completare la missione senza eliminare la maschera.

Missione 30/1

Vi troverete, per l'ennesima volta, di fronte ad un boss. Possiede anch'egli una certa quantità di attacchi: un gas sonnifero (attacco anticipabile dallo sciogliersi di alcune "viti" immediatamente dietro al boss), uno "slam" (momento in cui alzerà le sue "viti" e le sbatterà a terra per alcune volte), nonchè un "divora", in cui allargherà le sue viti, prenderà i vostri patapon, e come dice il nome dell'attacco, se li mangerà bellamente. Gli attacchi sono tutti contrastabili sia con la schivata, sia con la difesa (anche se, nel caso in cui sia disponibile, la prima risulterà senza dubbio più efficace).

Missione 30/2

Missione analoga alla precedente, il boss fornirà in aggiunta Shooshokle Fight.

Missione 31

Si consiglia di ritirarsi non appena la missione comincia, così da poter procedere con la storia. Qualsiasi altra azione farà finire il gioco, con un finale piuttosto impietoso. Fate dunque ritorno a Patapolis.

Missione 32

Missione il cui obiettivo consiste nel recupero della catapulta. Evitate di utilizzare delle armi a lungo raggio, nonchè di giocare la missione con tempo instabile. Entrambe le condizioni sarebbero foriere di facile distruzione prematura della catapulta. Portate con voi Tailwind. Cominciate subito a distruggere tutte le strutture, mettendovi in contatto subito con la catapulta, così da poterla comandare in maniera diretta. Servitevi dunque immediatamente di Tailwind. Procedete poi completamente dritti, sempre in marcia; arrivati nei pressi dell'erba, eseguite di nuovo il Tailwind, dunque cercate di neutralizzare velocemente il cannone - pone la catapulta a grave rischio d'incendio. La chiave per la vittoria di questa complicata missione consiste nell'avere il giusto tempismo.

Missione 33

Fornite le vostre truppe di resistenza al gelo, dato il tempo standard. Fortunatamente, il nemico segue un pattern lineare: vi dirà quando attaccare (in corrispondenza di "Show me your power) e quando difendere (in corrispondenza di "Now it's my turn"), o più propriamente schivare, dato che salterà nella vostra direzione. Inseguitelo durante la ritirata, cercando però (mentre siete in movimento) di dare priorità ai cannoni e le palle di neve attorno a voi, dato che potranno, cumulativamente, causarvi dei danni piuttosto ingenti - soprattutto se trascurate. Arrivati aldilà del tunnel di ghiaccio, saranno sufficienti un paio di attacchi per renderlo completamente inoffensivo.

Missione 34

Eliminate (facilmente) Gancheek, dunque inseguite Kimen. Non appena vi sarà segnalata la presenza di sabbia scottante, eseguite il Rain Miracle, procedendo dunque in tranquillità. Arrivati alla torre, cercate di distruggere immediatamente gli arcieri sulla sua cima (il fuoco da loro emesso può danneggiare piuttosto seriamente Meden). Dunque, focalizzatevi su Kimen. La tattica migliore è l'attacco sfrenato, dato che lui rimarrà sulla difensiva (e che non dispone di colpi particolarmente forti, in tutta onestà).

Missione 35

Il combattimento è particolare. Il nemico, inizialmente, non sembra reagire; tuttavia, non appena lo sentirete dire "Chain Lightingh!", una grande quantità di fulmini cadrà dal cielo, andando a colpire immediatamente tutti i vostri patapon. Dovrete cercare di utilizzare la schivata di gruppo; purtroppo non è facile spiegare a parole il metodo per ottenere il giusto tempismo, dato che è più intuitivo che analitico. Provando e riprovando (nel caso in cui non vi riusciate immediatamente), prenderete la mano.

Missione 36/1

Trattasi di clone di Zaknel, con una sola vera e propria differenza, in termini di attacchi disponibili; un attacco sotterraneo, con annessa successiva carica nella vostra direzione; fortunatamente, essendo sotterraneo, sarà piuttosto facile anticiparlo: non appena il vostro nemico si getterà sotto terra, saprete che starà per eseguire la mossa in questione, e potrete schivare.

Missione 36/2

La missione è tecnicamente identica alla precedente, l'unica vera differenza è rappresentata dalla possibilità, una volta completata, di ottenere la Dokaknel's Fang.

Missione 37/1

Dovrete, quasi forzatamente, utilizzare il Tailwind Miracle per avere delle chances di superare la missione. Servitevene in maniera continua, così da proteggere sempre la catapulta dal fuoco nemico. Anche un solo piccolo spiragli potrebbe essere sufficiente per rendere tutti i vostri precedenti sforzi completamente inutili. Arrivati al cancello, fatevi aiutare dagli Zigoton per farlo cadere.

Missione 37/2

Missione, come ormai siete abituati, analoga alla precedente. Servitevi, senza soluzione di continuità, di Tailwind Miracle per essere certi che la vostra catapulta non venga in alcun modo colpita. Utilizzate dunque le armi a lungo raggio per eludere le barricate nei pressi del castello.

Missione 38/1

Prelevate la canzone DonChaka dalla pietra tombale all'inizio del livello (il pattern è Pata Pon Don Chaka), essa serve per annullare ogni alterazione di status (sonno, ghiaccio, etc.) presente tra le vostre truppe. Dunque, procedete alla battaglia contro Cioking; egli possiede una certa quantità di attacchi, tra i quali: un lancio, attacco mortale ma piuttosto facile da schivare; la Death Bubble, che intrappola i vostri Patapon e li uccide (ma che non li colpirà nel caso in cui non stiano dormendo, dunque la DonChaka vi metterà al sicuro da questa possibilità) ed una Sleeping Bubble, in cui gli artigli del nemico colpiranno un vostro animaletto e lo addormenteranno. Missione di semplice esecuzione se vi ricorderete di assegnare ai vostri sottoposti una protezione dall'alterazione di status sonno.

Missione 38/2

Livello che, oltre ad essere praticamente identico al precedente, non vi fornirà neppure granchè in termini di oggetti aggiuntivi. Per questo motivo, lo consideriamo perlopiù una perdita di tempo.

Missione 39

La missione necessita dell'utilizzo del Rain Miracle. Superate la prima parte senza intoppi, distruggendo il carrello. Dunque, fermatevi per eseguire il Rain Miracle, non appena arriverete nei paraggi del deserto sabbioso. Potrete dunque riprendere la vostra caccia, che vi condurrà fino alla fine del livello - ma attenzione, nel caso in cui il carrello superi il deserto prima che voi abbiate eseguito il Rain Miracle, la missione sarà considerata automaticamente fallita.

Missione 40/1

Il nemico da affrontare sarà un sottoposto di Omen Kamen, di nome Cannogears. La sua principale debolezza è la lentezza, che rende piuttosto facile sia colpirlo, sia evitare i suoi colpi. Tra i suoi attacchi, si possono annoverare i cannoni (anticipabile dal fatto che il nemico si poggerà a terra, facendo uscire quattro cannoni dai quattro lati del suo corpo), una mina a tempo (chiaramente schivabile, standoci lontani), ed un martello (corto raggio d'attacco e lentezza, mossa pressochè inutile). Siamo certi che, dato che a questo punto potrete sicuramente utilizzare la schivata, il combattimento si risolverà velocemente.

Missione 40/2

Vi troverete a combattere contro un Cannogears in versione leggermente potenziata, chiaramente ottenendo oggetti aggiuntivi al momento della sua dipartita.

Missione 41/1

Il vostro avversario è Zugagan, il carro armato che, a breve dall'inizio della missione, apparirà dalla destra. I suoi attacchi sono immediatamente intuibili dalla armi presenti sulla sua corazza, cioè palle di cannone (dal cannone in cima alla sua testa), e frecce (dalla sua sezione centrale). Fortunatamente, nessuno di questi è in grado di danneggiarvi in maniera considerevole. Per questo motivo, si consiglia di non temporeggiare, ed utilizzare direttamente grandi quantità di Patapon per sconfiggerlo in velocità e scioltezza.

Missione 41/2

Come ormai sarete abituati a vedere, missione strutturalmente quasi identica alla precedente. L'unica vera differenza è data dalla maggior potenza di Zugagan. Otterrete un uovo speciale, in seguito al suo completamento.

Missione 42/1

Il combattimento si svolgerà contro Cannogears; è parente di Cannogears, e possiede attacchi piuttosto simili, con una sola grande differenza, cioè il Super Annihilation Cannon, un cannone che, letteralmente, esce dal corpo di Cannogears; cercate di schivarlo (la sua lentezza rende la schivata tutt'altro che impossibile), dato che vi può causare seri danni.

Missione 42/2

Missione identica alla precedente, ma che vi servirà per ottenere il Miracolo Terremoto, molto utile per danneggiare in maniera seria i boss, specialmente dopo che essi saranno stati precedentemente accuratamente congelati

Missione 43

Focalizzate la vostra attenzione sul nemico, senza stare ad ascoltare i discorsi dei PataPon. Egli dispone di un gas sonnifero, di un'onda in grado di congelare (che potrete evitare semplicemente saltando), di una palla di fuoco (che potrà essere evasa con una certa agevolezza), e di uno sbattere con il martello sul pavimento (che sarà sempre preceduto dal suo dire "Gigantol!!"). La chiave per rendere il combattimento semplice consiste nell'utilizzare dei Patapon resistenti ad un dato elemento, dunque evadere nel caso in cui l'attacco sia di elemento diverso da quello, e difendere-attaccare quando l'elemento corrisponderà a ciò che si è scelto.

Missione 44

Nonostante si tratti del boss finale, non sarà particolarmente complicato riuscire a terminarlo. Vi intratterrà in due diverse forme: una "bestiale", iniziale, ed una "umana", in un secondo momento. Nella sua forma bestiale, sarà dotato di due attacchi; una semplice carica, con aggiunta di unghiata finale (essere colpiti dalla carica non crea grossi danni, ma cercate di evitare l'unghiata, per quanto possibile), nonchè un alito in grado di addormentare i vostri uomini. Attaccatelo senza soluzione di continuità, per vedere la sua forma umana. Essa dispone di un unico attacco, chiamato "Toast Devour", durante il quale il vostro nemico prenderà un Patapon e, dopo averlo ben abbrustolito tramite utilizzo di una torcia, lo divorerà. L'unico modo per evitare che il Patapon sia divorato consiste nel distruggere i denti del mostro, ma dato che vi trovate alla fine del gioco, non risulta essere una tattica conveniente.