App però!App però! - Gennaio 2013 

L'Epifania tutte le feste porta via, ma App però! torna puntuale con una calza piena di piccoli nuovi giochi per iPhone e iPad

Con le vacanze natalizie anche l'App Store, come ogni anno, si è preso una pausa dalla pubblicazione di nuovi giochi. Finalmente questa settimana le uscite hanno ripreso regolarmente, ma nel frattempo vogliamo proporvi cinque particolari titoli che potreste esservi persi e che potrebbero accompagnarvi mentre smaltite tutti i dolci accumulati con l'Epifania. Ci dispiace per l'utenza Android: per loro stavolta c'è solo carbone.

Arranger

Disponibile per: iPhone, iPad | Versione testata: iPhone
Link App Store (0,89€)

Il primo impatto con Arranger è assolutamente spiazzante, e non solo per via di una particolare grafica che sembra frullare una goffa pixel art a qualche disegno fatto con Paint. App però! - Gennaio 2013 Sviluppato da Arman Bohn, Arranger mescola assieme tanti generi differenti, proponendo al giocatore un'avventura che è allo stesso tempo una raccolta di sfide e sfiziosi mini-giochi. A fare da collante ci pensa il tema della musica, visto che lo scopo è quello di trovare strumenti musicali da usare per sconfiggere nemici e boss in battaglie a colpi di note, e proprio la colonna sonora è tra gli elementi meglio riusciti del gioco, spaziando da brani jazz a simpatici pezzi funk, passando per stacchetti techno. Seppur molto semplice, parecchio riuscita è anche la parte esplorativa, in cui spostandosi tra uno scenario e l'altro è possibile non solo addentrarsi in colorati e originali ambienti, ma anche incontrare personaggi fuori di testa. Peccato solo per un sistema di controllo che oscilla tra lo scomodo e il frustrante, unico vero neo di un piccolo gioco assai riuscito.
Voto: 7.5

Lost Treasures of Infocom

Disponibile per: iPhone, iPad | Versione testata: iPad
Link App Store (Gratis)

Dedicato ai giocatori più nostalgici, ma anche ai giovani che vogliono conoscere la preistoria delle avventure grafiche, Lost Treasures of Infocom è una collezione di alcune delle più famose avventure testuali di un tempo. App però! - Gennaio 2013 Da Zork a Planetfall, questa app mette a disposizione una trentina di classici in cui tutto avviene attraverso storie scritte e input testuali, e in cui l'immaginazione del giocatore veste un ruolo fondamentale. Gli sviluppatori hanno implementato un'interfaccia che permette una facile navigazione attraverso lo schermo tattile di iPad, ma di sicuro gli appassionati apprezzeranno i contenuti extra: per ciascun gioco è infatti possibile vederne la confezione originale, le mappe e alcuni oggetti fisici che al loro tempo venivano inclusi nelle confezioni. Scaricando l'app gratuita si ha subito accesso a Zork I: The Great Underground Empire, mentre gli altri giochi vanno acquistati attraverso dei pacchetti tematici. Sfortunatamente mancano alcuni giochi storici come The Hitchhiker's Guide to the Galaxy e Beyond Zork, e proprio per la natura completamente testuale dei giochi è necessaria una buona conoscenza della lingua inglese.
Voto: 8

The Journey Down: Chapter One

Disponibile per: iPhone, iPad | Versione testata: iPad
Link App Store (2,69€)

Disponibile già da diversi mesi su PC, il primo capitolo della serie The Journey Down si va ad affiancare alle sempre più numerose avventure episodiche su dispositivi iOS, assieme a titoli come 1112 e il recente e acclamato The Walking Dead. App però! - Gennaio 2013 In The Journey Down: Chapter One si vestono i panni di Bwana e Kito, due benzinai che partono in cerca di informazioni sul loro padre scomparso da tempo. Oltre a dei puzzle ingegnosi e che si incastrano perfettamente nella narrazione, il cavallo di battaglia del gioco è senza dubbio nella sua presentazione, grazie a uno stile artistico molto originale, un'ottima colonna sonora e un doppiaggio notevole. I volti dei design sono ispirati a tipiche maschere africane, e per sottolineare ulteriormente l'ispirazione etnica l'avventura è spesso accompagnata da pezzi reggae. Date le dimensioni contenute del team non è facile prevedere quando arriverà il secondo episodio, ma se siete in cerca di una nuova avventura grafica da giocare su iPad, The Journey Down: Chapter One è un gioco assolutamente imperdibile.
Voto: 8.5

The Lords of Midnight

Disponibile per: iPhone, iPad | Versione testata: iPad
Link App Store (4,49€)

Facciamo un altro passo indietro con The Lords of Midnight, gioco sviluppato da Mike Singleton per ZX Spectrum nella metà degli anni '80. App però! - Gennaio 2013 L'avventura racconta una classica storia fantasy, con un oscuro signore che ha invaso le terre libere per conquistarle e gettare il caos. L'ispirazione tolkieniana è evidente: incontrando maghi e creature delle foreste, il giocatore parte per un pericoloso viaggio allo scopo di sventare la minaccia che incombe sul regno. Nonostante la presenza di un semplice sistema di combattimento il gioco non è però un RPG, ma si avvicina più a una classica avventura grafica con alcuni elementi di strategia: bisogna infatti conquistare il dominio sulle varie terre del regno, ma com'è visibile dall'immagine a lato l'elemento più caratterizzante è la componente grafica, fatta di colori estremamente accesi e linee pulite, una scelta stilistica che era ed è tutt'oggi estremamente originale.
Voto: 7.5

Cook, Serve, Delicious!

Disponibile per: iPad | Versione testata: iPad
Link App Store (2,69€)

Sviluppato da Vertigo Gaming, Cook, Serve, Delicious! si presenta come una sorta di mix rozzo e poco dietetico tra Diner Dash e Cooking Mama. App però! - Gennaio 2013 Lo scopo è infatti quello di soddisfare i clienti del proprio fast food preparando le loro ordinazioni nel minor tempo e cercando di non sbagliare gli ingredienti. A differenza di Cooking Mama non ci sono dei veri e propri minigiochi che sfruttano in maniera particolare il touchscreen, ma il tutto si limita il più delle volte a un lavoro mnemonico e di strategia. Anche per un semplice panino, i vari condimenti vanno inseriti in un certo ordine, però il tutto si fa più interessante quando si deve cercare di fare economia stando attenti a non restare a corto di ingredienti. Un semplice sistema di potenziamenti, piccole sfide quotidiane e un abbozzo di trama arricchiscono ulteriormente l'esperienza complessiva di Cook, Serve, Delicious!, portando chi gioca a passare da un lercio fast food a un ristorante di lusso.
Voto: 7

TI POTREBBE INTERESSARE