Kame-hame-wii  5

Il piccolo Goku approda su Wii con un'avventura tutta nuova.

Mentre su Xbox 360 e PlayStation 3 Super Sayan e compagnia bella continuano a darsele di santa ragione con Dragon Ball Raging Blast, Namco Bandai propone all'utenza Wii un prodotto diverso, che per sommi capi ricorda il recente remake di Klonoa ad opera della stessa software house nipponica. Accompagnati dal producer del gioco in un incontro a porte chiuse, abbiamo dato un'occhiata per la prima volta a Dragon Ball: Revenge of King Piccolo.

Piccola vendetta

Il titolo vede come protagonista il Goku bambino, ed è dunque ispirato alla prima serie del fumetto: nella fattispecie, i fatti narrati vanno dalla saga di Red Ribbon fino ad arrivare a quella di Piccolo, e verranno trasposti su schermo tramite cutscenes particolarmente curate che ricordano da vicino l'estetica degli anime grazie ad un buon utilizzo del cel shading. Parlando del gioco vero e proprio, si tratta di un action game all'apparenza piuttosto semplice, realizzato in 3D ma che si giocherà interamente su un piano bidimensionale; come dicevamo in apertura, il paragone più diretto è con Klonoa, anche se Dragon Ball: Revenge of King Piccolo poggerà in maniera molto più decisa sui combattimenti. Nella porzione di stage che abbiamo potuto osservare, Goku si è imbattuto diverse volte in gruppi di nemici, occasioni nelle quali il titolo diveniva un vero e proprio beat'em up a scorrimento: apparentemente gli attacchi sono gestiti da un solo tasto, ma il protagonista riusciva comunque a prodursi in combo spettacolari, peraltro enfatizzate da efficienti zoom e cambi d'inquadratura. Gli avversari sconfitti lasciavano cadere monete ed oggetti da raccogliere, elemento che apre la porta a qualche sfumatura RPG: nel prodotto finale sarà infatti possibile acquistare costumi, armi ed extra vari negli appositi negozi, oltre ad utilizzare item vari in fase di battaglia. Non è invece ancora chiaro se vi saranno degli upgrade nelle abilità di Goku, che comunque dovrebbero risultare abbastanza variegate: in una fase successiva della demo il nostro eroe sembrava cavarsela più

che discretamente anche in ambito platform, e non è escluso che l'avventura offra ulteriori contaminazioni con altri generi. In termini strettamente tecnici, Dragon Ball: Revenge of King Piccolo riesce a catturare bene lo spirito dell'originale opera di Toriyama, offrendo una cosmesi vivace e colorata: una cura particolare è stata riservata alla realizzazione dei personaggi, che godono di animazioni fluide e ben legate tra loro. Di converso, il titolo Namco Bandai non sembra sfruttare più di tanto le funzionalità motion sensor della console Nintendo (lo shake del Remote serve solo a dar vita a qualche mossa speciale e a poco altro), a maggior ragione considerando che è stato confermato il supporto per il Classic Controller. In generale, Dragon Ball: Revenge of King Piccolo ci è parso comunque un prodotto interessante, che probabilmente non rivoluzionerà il gaming su Wii ma che non dovrebbe far fatica ad accontentare i fan della saga.

CERTEZZE

  • Uno story mode solido
  • Extra vari per il replay value

DUBBI

  • Sembra indirizzato solo ad un pubblico giovane