Un Mese sulla Virtual ConsoleUn Mese sulla Virtual Console - Aprile 2011 

Tra fuochi e dinosauri, la Virtual Console chiude in attivo anche il mese di aprile

Lo sprint iniziato a fine 2010 non sembra volersi arrestare: anche questo mese la Virtual Console propone molti titoli interessanti, forse per sfruttare al massimo, chissà, gli ultimi mesi prima dell'arrivo del successore del Wii. Un'altra notizia positiva è che ad aprile sono stati pubblicati diversi giochi meritevoli, ma non sono gli stessi per ogni territorio: sulla Virtual Console USA ad esempio è stato inserito MegaMan X, tuttora assente nel catalogo europeo, che probabilmente vedremo presto anche da noi - i vari giochi, sebbene possano ritardare qualche settimana o mese, quasi sempre vengono pubblicati su ogni mercato. Come febbraio e marzo, anche aprile è contraddistinto da soli titoli per console Nintendo, nessuno dei quali tuttavia sviluppato dalla stessa casa di Kyoto: anche questo mese quindi, se volete proprio lamentarvi di qualcosa, potete puntare il dito contro l'assenza di Yoshi's Island.

Il gioco
Costo: 800 Wii Points
Uscito nel 1993
Sviluppato da Jaleco, pubblicato da Jaleco

Brawl Brothers (SNES)

Brawl Brothers fa parte di una trilogia difficilmente identificabile come tale, nel senso che i vari giochi hanno titoli diversi in tutti i territori in cui sono stati pubblicati: nonostante questo hanno un'interazione simile e condividono parte dei protagonisti, quindi non è una serializzazione meramente burocratica. Un Mese sulla Virtual Console - Aprile 2011 Uno di questi tre titoli era già stato portato su Virtual Console - Rival Turf - e, se ricordate, non ne avevamo parlato in termini entusiastici; Brawl Brothers se la cava meglio, ma soltanto un po'. Rispetto al predecessore è un gioco più vario - ci sono cinque personaggi tra cui scegliere, non due - ed è più curato dal punto di vista grafico, ma la sensazione di mediocrità complessiva rimane inalterata. Oltre a non avere autentici punti d'eccellenza, è penalizzato da fastidiosi cali di ritmo - enigmi elementari, vicoli ciechi - che poco si adattano ai picchiaduro a scorrimento.

Il gioco
Costo: 500 Wii Points
Uscito nel 1992
Sviluppato da Hudson Soft, pubblicato da Hudson Soft

Adventure Island II (NES)

Il capostipite della serie Adventure Island non era altro che un clone di Wonder Boy - e quando diciamo clone vogliamo dire un autentico clone, non una copiatura o un gioco somigliante. Un Mese sulla Virtual Console - Aprile 2011 Solo con l'arrivo del secondo episodio - e la contemporanea svolta action-rpg di Wonder Boy - la saga si distanziò nettamente dalla serie SEGA: i vari stage vennero accorpati in "mondi", i vari mondi inseriti in una rudimentale world map, ma soprattutto l'impostazione un-colpo-e-muori venne alterata dall'introduzione di tanti power up, rappresentati in primo luogo da quattro dinosauri, vero e proprio motore di questo secondo capitolo. Uno pterodattilo, una sorta di foca primitiva e due esemplari terreni permettevano di sopravvivere a più di un attacco, ma soprattutto differenziavano ritmo e interpretazione dei vari stage. Stage che erano calibrati e architettati davvero bene, cosa che rese Adventure Island 2, esclusi i mostri sacri del genere (i soliti Mario e Sonic) uno dei migliori platform 2d di inizio anni '90.

Il gioco
Costo: 900 Wii Points
Uscito nel 1994
Sviluppato da Jaleco, pubblicato da Jaleco

The Ignition Factor (SNES)

Nonostante il tema suggerisca interessanti idee, non ci sono molti videogiochi aventi per protagonisti dei pompieri. The Ignition Factor è una delle eccezioni, e per la prima volta è disponibile sul mercato europeo, visto che quando venne lanciato, a metà anni '90, raggiunse "solo" Giappone e Stati Uniti. Un Mese sulla Virtual Console - Aprile 2011 Gli stage non sono molti, ma le meccaniche ludiche sono davvero particolari: i vari livelli sono a tempo - gli edifici vanno lasciati prima che il fuoco corrompa tutto - e bisogna fare attenzione a vari indicatori, tra cui quello dell'ossigeno. Sono tanti gli oggetti su cui contare, tra corde e picconi, ed è notevolmente incentivato rigiocare le varie sezioni: oltre alle ripetizioni forzate - che moriate bruciati, asfissiati o scada il tempo l'esito è comunque quello - per completare i livelli è sufficiente salvare un quantitativo minimo di persone, quindi in molti saranno tentati a riattraversare gli stessi percorsi per portare in salvo tutti (nel minor tempo possibile, tra l'altro). Non è un capolavoro, ma un gioco pressoché unico sì: non ne troverete di simili, tantomeno su Virtual Console.

Gioco del Mese

Lasciando stare Brawl Brothers, onesto picchiaduro a scorrimento ma niente più, la sfida è tra Adventure Island II e The Ignition Factor. Il gioco Jaleco è particolare e unico, e sicuramente merita di essere riscoperto; nonostante questo l'opera Hudson Soft, sebbene inferiore ai capolavori del genere, è uno dei migliori platform della sua generazione, e si guadagna la nostra nomina mensile.
Un Mese sulla Virtual Console - Aprile 2011

TI POTREBBE INTERESSARE