Aliens Vs Predator... ehm... 2  0

Torna Aliens Vs Predator con un secondo capitolo molto simile all'originale. Sarà forse tornato troppo presto? The Nurse ha stazionato di fronte ai monitor del gioco, ha ascoltato le spiegazioni e preso appunti. Sentite cosa ne pensa nell'esclusivo articolo preparato per voi di Aliens vs Predator 2 .

Riunione di famiglia

La storia di fondo di Aliens vs Predator 2 potrebbe sembrare familiare agli appassionati della serie, rendendo in qualche modo lo spunto iniziale poco originale. Il titolo infatti parte dall'idea che in un piccolo pianeta, chiamato LV1201, le comunicazioni della popolazione siano improvvisamente cessate, e l'unica soluzione restante è quella di inviare un gruppo di Marines per indagare ciò che è successo. Sbarcati sul pianeta, i membri della squadra di soccorso si trovano di fronte un laboratorio civile privo di vita, dove non c'è traccia di nessuna attività: ma poco più avanti, un altro piccolo laboratorio, anch'esso totalmente disabitato, sembra celare delle operazioni biologiche e genetiche effettuate su dei piccoli Alien.
A completare il quadro, poco distante, un piccolo accampamento di Predator, giunti sul pianeta per cacciare qualche Alieno fresco...
Il compito del giocatore sarà quello di assumere, in tre storie diverse tra loro, il ruolo dei tre protagonisti. Durante la prima parte del gioco impersoneremo il Marine, che dovrà liberare i laboratori ed il pianeta dalla presenza aliena; nella seconda un piccolo Alieno, con il compito di preparare il nido della regina, eliminando la scomoda presenza terrestre; quindi il Predator, il quale dovrà liberare due suoi simili dalla prigionia terrestre.6

E le novità?

Già, le novità dove sono? A fronte di una grafica leggermente migliorata (questa è l'impressione che tutti noi abbiamo avuto potendo provare il gioco in prima persona), e di qualche effetto di luce del tutto originale, sembra che i maggiori cambiamenti riguardino la trama del gioco, che finalmente sarà arricchita da una vera e propria storia, con interazione con qualche personaggio non giocante e qualche cutscenes per rendere l'effetto cinematografico del film maggiormente importante.
E' vero che il concept del titolo, già praticamente perfetto nel primo episodio, non aveva bisogno di grandi cambiamenti, ma forse si sta davvero esagerando: persino la parte multiplayer del gioco è fino a questo momento piuttosto sottovalutata. Vi basti pensare infatti che verranno riproposti i livelli multi già visti in AvsP1, con poche nuove introduzioni.
Naturalmente è troppo presto per pensare che i programmatori abbiano solamente voluto riproporre uno schema di gioco vincente senza osare nulla di nuovo, ma sicuramente la visione che ci si prospetta è più somigliante ad un AvsP Gold (tra l'altro già pubblicato...), che ad un vero e proprio seguito.
Da appassionato del film, e del gioco originale, non vedo l'ora di essere smentito: può essere questo il problema, le grandi aspettative degli appassionati?

C'era una volta un alieno

Avete presente il primo film di Alien? Quando all'interno dell'astronave Nostromo una spora aliena trasformatasi in un vermicello un po' troppo agitato faceva scempio di tutto l'equipaggio lasciando viva la sola Ripley? E ricordate nel primo Predator quando il nostro amico Schwarzy faceva a schiaffi con un cacciatore interstellare chiamato Predator? Bene, allora avete già le basi per il gioco di cui parlerò ora (sempre che non abbiate già giocato al primo capitolo).
Quando alieni del film Alien incontrano i predatori del film Predator, cosa può succedere? Da una saga a fumetti molto apprezzata specialmente in USA è nato il gioco Aliens Vs Predator, uscito un paio d'anni fa per la prima volta, ma che si distinse subito per le atmosfere claustrofobiche, la grafica mozzafiato (per allora) e gli originali spunti multiplayer. Il rifiuto iniziale da parte della Fox di rendere disponibili al pubblico tools per realizzare mappe e modelli nuovi, condannò Aliens vs Predator ad una fine prematura, tranne che tra piccoli gruppi di appassionati gravitanti intorno a fansite storici (come AvPNews.com).
Con la speranza (apparentemente vana) che la Fox abbia imparato dai propri errori e che non ci proponga solamente l'ennesimo sfruttamente di marchi stranoti, mi appresto a raccontarvi le mie impressioni su quanto visto sugli schermi all'interno dello stand Vivendi/Universal.