Diario del CapitanoDiario del Capitano 

Diario del Capitano

Super Mario ancora in cima alle chart di vendita nipponiche. Come dite? Niente di strano visto il titolo? Più o meno, visto che il Mario di cui stiamo parlando è nientemeno che Super Mario Bros. 3 in versione GBA. Un gioco uscito nel lontano 1987, poi ricommercializzato su SNES nella compilation Super Mario All-Star nel 1993 e ora ripresentato per la terza volta in formato tascabile. E, nonostante stiamo parlando del terzo gioco più venduto della storia dei videogiochi, eccolo all'ennesima riproposizione di nuovo in cima alle classifiche. Sicuramente un bene per il fatturato di Nintendo, un po' meno per noi: il remake dei classici è di certo una piacevole ciliegina sulla torta, ma quando è troppo è troppo. Ormai la situazione del GBA è insanabile, il rapporto giochi originali effettivamente validi/remake è paurosamente sbilanciato: Nintendo ha trovato un ottimo modo per capitalizzare sulla sua enorme softeca passata e, c'è da scommetterci, continuerà a farlo, così come inizierà a farlo la concorrenza, che inizia ormai ad avere uno storico di tutto rilievo alle spalle. E' già scritto in cielo che sul prossimo Game Boy giocheremo a Mario 64 e che su PSP ripercorreremo le piste del primo Gran Turismo o i dungeon di Final Fantasy VII, ma forse la situazione non sarà così tragica com'è ora su GBA. Infatti proprio l'arrivo della concorrenza su un mercato da sempre strettamente in mano alla grande N potrebbe segnare una gradita inversione di tendenza: la lotta per il predominio si combatterà soprattutto sui giochi esclusivi e originali, proprio come sulle home console.
O, almeno, c'è da sperare che sia così.

Mauro Fanelli, responsabile editoriale area console.

- Commenta questo Diario sul nostro Forum! -

TI POTREBBE INTERESSARE