Diario del CapitanoDiario del capitano 

Diario del capitano

Questa mattina dirò la mia sull'annuncio del nuovo Doom avvenuto ieri, ma solo dopo aver letto l'articolo di Stomped suggerito ieri sera dal buon vecchio Quakeman in cui hanno commentato la cosa diverse personalità del settore (programmatori e game designer vari). Mi sia consentito di riportarne alcuni commenti.

Mark Rein (Vice presidente - Epic Megagames): "If they're going to do DOOM then they should bring back John Romero and Tom Hall. Those were the main guys behind the design of DOOM. They were the soul of DOOM. id needs to get back to making games with more soul."
John Romero (Game Designer, Ion Storm): "It's strange that they aren't waiting to see how Wolfenstein does."
Rick Johnson (Programmatore, Raven): "The next iteration of Doom should be very cool, especially with some of the new technology that John Carmack is working on."

Ho riportato tre commenti, ognuno dei quali rappresenta una diversa interpretazione della situzione. Il pessimismo, Rein, il pragmatismo, Romero, e l'ottimismo, Johnson. In tutte e tre ho ritrovato in parte il mio pensiero.
Licenziamento di Paul Steed e litigi interni alla Id a parte, l'annuncio del nuovo DooM è una notizia esplosiva soprattutto per la comunità dei vecchi giocatori. Chi come me ha iniziato ai tempi di Wolf3D, e ha provato la gioia di DooM I e DooM II, non potrà non gioire a questa sorpresa di Carmack. Un pò lo stesso effetto che hanno provato gli appassionati della saga di Star Wars all'annuncio che ci sarebbe stato un Episode One.
Il film di Lucas è poi uscito e i fan storici si sono divisi in due tra chi considerava il sequel "all'altezza" e chi invece lo considerava "un insulto".
Questo è il rischio insito nel realizzare seguiti a capolavori ormai diventati dei classici.

Non ha forse ragione Romero nel considerare "saggio attendere i risultati del prossimo Wolfenstein"? Potrà un gioco come DooM III eccellere sia nel gameplay sia nella grafica, stante l'affermazione "si focalizzerà sul singleplay"? Non ho dubbi sulla grafica, ma sul gameplay, riusciranno a trovare un giusto equilibrio tra le innovazioni e il vecchio stile DooM?

Così come feci per Quake 3 Arena, uno dei miei giochi preferiti, anche ora muovo delle critiche/osservazioni all'annuncio di un altro aspirante capolavoro, affinchè possa essere realmente tale. La discussione continua nel Forum.