Dino Crisis 3Dino Crisis 3 

La saga di Dino Crisis arriva su Xbox in esclusiva con una decisa sterzata verso il futuro e la tecnologia. Dopo gli screenshot e i filmati, la nostra prova su strada per sapere se l'attesa per questo titolo è fondata oppure no.

Dino Crisis 3 Dino Crisis 3

L’ultima fatica di Capcom sembra avere le carte in regola per poter dare tutto questo agli utenti di casa Microsoft e Dino Crisis 3 sembra inserirsi perfettamente nel filone dei suoi predecessori con un mix intrigante tra azione ed esplorazione. Il team di sviluppo ha finalmente inserito una piacevole novità nei controlli di Patrick, il nostro protagonista. Non è più necessario far ruotare sul posto il personaggio ai nostri comandi prima di fargli intraprendere il cammino in una direzione, ma basta muovere lo stick analogico sinistro per farlo spostare ovunque e velocemente. Questa spinta verso una nuova impostazione molto più rapida e dinamica è la sorpresa più piacevole in quello che resta un impianto di gioco classico e ben collaudato. Il nostro eroe si sposta rapidamente ovunque, compie salti notevoli e si arrampica ogni dove in fondali tutti tridimensionali e altamente interattivi. A sua disposizione, un tasto per il salto ed una novità che consiste in un jetpack che si attiva con il grilletto analogico destro. Questo ci consente di compiere dei balzi in avanti, con un piacevolissimo effetto di heat blur, e di planare quando ci si lanci in salti da altezze considerevoli. L’unica eredità scomoda dal suo passato di appartenente alla serie dei survival horror più famosi di sempre è la telecamera fissa che, se da un lato conferisce al gioco un taglio più cinematografico, dall’altro continua a dare notevoli problemi in fase di combattimento. Problemi che si fanno sentire quando ci trova ad affrontare dinosauri nascosti in sezioni di schermo che semplicemente non possiamo vedere, oppure quando si devono eseguire salti ed evoluzioni per raggiungere piattaforme elevate, tanto più se le zone dove si ricade, sbagliando, sono percorse da campi energetici che possono farci morire. Dato il taglio più action di Dino Crisis 3, i programmatori hanno in parte risolto il problema dei combattimenti, dotando Patrick di una visuale in soggettiva, che si attiva premendo la leva analogica destra e che ci consente di ruotare a 360° la visuale di combattere nel migliore dei modi. Il problema dei salti, invece, resta e ci si trova spesso a lanciarsi nel vuoto e ad incrociare le dita.

Dino Crisis 3 Dino Crisis 3

La grafica di Dino Crisis 3 è fluida e molto pulita e i grafici di Capcom hanno usato le capacità tecniche di Xbox per dare vita a fondali in 3d molto solidi e convincenti, dove il freddo metallo riluce dando vita ad ambienti asettici e affascinanti, luogo ideale per far muovere quegli ammassi di carne corrotta di cui sono composte queste nuove incarnazioni di T-Rex e parenti vari. Le stanze sembrano ben caratterizzate e nella demo da me visionata nessuna di queste era costruita da pattern di grafica ripetuti. Ovviamente, il giudizio è assolutamente relativo, ma sono rimasto convinto da ciò che si muoveva su schermo. Buone animazioni, decisamente una spanna sopra la media dei giochi Capcom di questo tipo, buoni effetti e molti dettagli. Effetti particellari per ricostruire fasci di energia, anche nei fondali, e per i mille colpi che si sferrano ovunque, buona attenzione ai particolari, come nell’animazione del jetpack che spiega le ali ogni qual volta lo si attivi con una rapida pressione del grilletto destro. I combattimenti sono spettacolari e semplici da affrontare e, se non fosse per i problemi legati alla telecamera, si potrebbe tranquillamente sperare in nuovo corso per questo genere di produzioni da Capcom.

Dino Crisis 3 Dino Crisis 3

Sperando che Dino Crisis 3 confermi queste buone impressioni e che i programmatori sappiano portare a buon fine una sintesi tra azione e soluzione di enigmi, non resta che attendere questo titolo con una certa curiosità. Non credo si possa parlare di killer application, ma sarebbe un errore farsi scappare questo titolo senza dedicargli una prova approfondita e priva di pregiudizi, dato che potrebbe essere una gradita sorpresa.

Dino Crisis 3 Dino Crisis 3

Dino Crisis 3, in uscita in esclusiva su Xbox da Capcom, non è certamente uno dei titoli più attesi della prossima stagione, ma dopo averci giocato all’E3 le mie aspettative sono salite in modo considerevole riguardo a questo titolo.

Dagli screenshot pubblicati sulla rete devo ammettere di aver temuto per più di un istante che DC3 potesse essere un clone di Gunvalkyrie di Sega, uno shoot’em up, più o meno difficile, ma dalla longevità non certo entusiasmante e con la possibilità di un’esperienza viziata da un livello difficoltà mal calibrato e da un sistema di controllo ai limiti dell'assurdo. Su Xbox c’è bisogno, in mezzo a tanti fps e giochi d’azione, di titoli di spessore in grado di trattenere i giocatori col pad in mano davanti ai monitor per sessioni di gioco sicuramente adrenaliniche, ma anche di una certa profondità.