Castlevania: Dawn of Sorrow[E3 2005] Castlevania: Dawn of Sorrow 

Una delle serie più longeve ed apprezzate di Konami fa il salto sul Nintendo Ds. Abbiamo provato Dawn of Sorrow all'E3, e le impressioni sono davvero positive...

[E3 2005] Castlevania: Dawn of Sorrow [E3 2005] Castlevania: Dawn of Sorrow [E3 2005] Castlevania: Dawn of Sorrow

Acqua santa e paletti di frassino

Questo non significa però che Dawn of Sorrow appaia come un gioco fatto con lo stampino, nè che la sensazione sia quella di averlo potuto vedere tranquillamente sull’altro portatile Nintendo. Le caratteristiche del Ds non sono infatti state dimenticate, a partire dal touch screen divenuto parte integrante del gameplay. Tramite il pennino è possibile infatti interagire con alcuni elementi del fondale, per esempio distruggendo dei blocchi di ghiaccio in maniera da creare una passerella percorribile. Ancora più interessante è la necessità di disegnare delle “rune” attorno ai boss per imprigionarli e avere così la meglio su di loro. Certamente non si tratta di aspetti senza i quali il gioco non sarebbe potuto esistere, ma è da lodare lo sforzo dei programmatori nell’implementare il tanto decantato touch screen in un titolo che poggia su meccaniche non particolarmente inclini a tale scopo senza farlo apparire una forzatura. Restando nel campo delle caratteristiche peculiari del Nintendo Ds, più che la sensibilità al tocco risulta apprezzabile la presenza dello schermo superiore delegato a visualizzare le caratteristiche di Soma o, soprattutto, la mappa aggiornata in tempo reale sulla base degli spostamenti del giocatore. Dal punto di vista grafico le differenze rispetto ai capitoli per GBA risultano evidenti una volta visto il gioco in movimento; malgrado infatti inizialmente lo stile grafico comune possa suggerire miglioramenti marginali, la maggiore risoluzione dello schermo del Ds ha permesso di inserire un superiore livello di dettaglio, condito da effetti speciali del tutto nuovi e animazioni ancora più curate. Dawn of Sorrow rappresenta quindi senza dubbio uno dei titoli per il nuovo portatile Nintendo più promettenti presenti sullo showfloor, nonchè un acquisto probabilmente obbligato per ogni amante della serie Castlevania.

[E3 2005] Castlevania: Dawn of Sorrow [E3 2005] Castlevania: Dawn of Sorrow [E3 2005] Castlevania: Dawn of Sorrow

L’esordio della serie Castlevania di Konami rappresenta giustamente uno dei titoli più attesi dei prossimi mesi per Ds; dimenticando le impietose versioni 3d, la saga di ammazzavampiri ha sempre portato con sè in ogni sua incarnazione una giocabilità unica e un’atmosfera davvero splendida che ne hanno decretato successo e longevità. A fronte degli ottimi episodi realizzati su GBA, questo Dawn of Sorrow per Nintendo Ds può contare sull’esperienza maturata dai programmatori sui portatili che dovrebbe garantire un risultato all’altezza. Per quanto riguarda il background, questo capitolo rappresenta il seguito diretto dell’apprezzato Aria of Sorrow, condividendone anche il protagonista Soma Cruz. La prova su strada effettuata in occasione dell’E3 di Los Angeles ha confermato le buone impressioni suscitate da screenshot e filmati, anche se ci sentiamo obbligati ad evitare un giudizio definitivo che sarebbe impossibile formulare tramite un breve test nel clima della fiera. Possiamo però certamente affermare che questo ultimo episodio manterrà numerosi punti in comune coi predecessori su GBA, rappresentando quindi un passo in avanti all’interno del solco tracciato senza cercare particolari elementi di distacco. Il che, perlomeno dal nostro punto di vista, non può che essere considerata una fortuna.

TI POTREBBE INTERESSARE