E3 2009E3 2009 - Conferenza Sony: God of War 3, Uncharted 2, PSP Go! 

La parte dedicata alle conferenze rappresenta sicuramente uno dei punti migliori di una fiera come l'E3, poichè rappresenta un concentrato di annunci, novità e di quello che poi sarà possibile vedere e giocare nei giorni successivi. A chiudere il trittico è toccato a Sony, all'interno dello Shrine Auditorum e dinnanzi ad una platea ansiosa di capire come il produttore giapponese affronterà la prossima stagione videoludica, con una concorrenza più che mai agguerrita e una leadership non più nelle proprie mani. Il punto focale è stato finalmente il software, aldilà di una breve parentesi dedicata ai dati di vendita e quote di mercato, con la vecchia ma vivissima PlayStation 2 ancora in grado di vendere bene, e che ospiterà anche quest'anno ancora diverse decine di titoli appartenenti a brand importanti, prima di portare verso la transizione dei suoi acquirenti sulla sorella maggiore.

PlayStation 3, quale futuro?

Nessun richiamo al presunto taglio di prezzo, che a questo punto dovrebbe arrivare per la stagione natalizia, poche menzioni ai servizi, a partire da quello video, che sarà integrato nativamente anche su PSP e quello dei video musicali, che arriverà invece in estate. PlayStation Home continua invece ad avere un'identità non definita, arricchita sicuramente da molta più varietà e da contenuti inediti mensili, con numerosi spazi monotematici e sei milioni e mezzo di utenti che hanno provato questa piattaforma, con l'85% che sono tornati almeno una volta. Ma, come detto, la conferenza è stata incentrata soprattutto sulla presentazione dei giochi, a partire dalla demo mostrata di Uncharted 2, sicuramente il titolo più impressionante tecnicamente nelle fila di Sony, che sarà cavallo di battaglia per la prossima tornata dei titoli in esclusiva. La parte dedicata a PlayStation 3 invero, è stata un crescendo fino alla fine, con presentazione di titoli che vedranno la luce da qui ad un anno. A sorpresa, tra gli altri, è stato annunciato in esclusiva tra la folla incredula Final Fantasy XIV, che rappresenta il seguito "ideale" dell'undicesimo capitolo, in quanto sarà un gioco di ruolo online che addirittura dovrebbe essere disponibile entro il 2010, cosa abbastanza incredibile considerando i tempi biblici di sviluppo dell'ultimo capitolo classico. E3 2009 - Conferenza Sony: God of War 3, Uncharted 2, PSP Go! Tra un Agent sviluppato in esclusiva da Rockstar North, del quale purtroppo non è stato mostrato nient'altro che un logo, e diversi medley video di tutti i titoli di terze parti e non che usciranno anche sulla console targata Sony, il finale è stato dedicato ad un nuovo filmato di Last Guardian, nome definitivo per il progetto sviluppato dal team di Fumito Ueda, già autore di Ico e Shadow of the Colossus, che sembra essere proprio una commistione di questi due titoli. Il filmato rappresenta una versione estesa e migliorata tecnicamente di quello mostrato qualche settimana fa sulla rete, e mantiene intatto uno stile estremamente piacevole proprio anche dei precedenti giochi di Ueda, lasciando denotare come ci saranno fasi platform e di azione, nonché un collegamento molto stretto tra il protagonista principale e la sorta di grifone che si vede nel trailer dedicato. Ancora, parafrasando anche LittleBigPlanet che continuerà a vedere espansioni con quella dei Pirati dei Caraibi in seguito all'accordo con Disney, è stato il momento di presentare un nuovo titolo che segue la stessa filosofia del "Gioca, Crea, Condividi", denominato ModNation. Il gioco sarà una sorta di racing a la Mario Kart, dove è possibile racimolare potenziamenti e armi per avere la meglio sugli avversari, scorciatoie da seguire e una grafica in stile cartoon. La cosa interessante, al pari del titolo Media Molecole, è la possibilità di creare i propri tracciati, condividerli online e votarli, giocare in multiplayer cooperativo fino a 8 giocatori. Pur non avvicinandosi dal punto di vista tecnologico a LittleBigPlanet, siamo rimasti favorevolmente colpiti dall'editor del gioco, che pare essere parecchio intuitivo e potente. Non sappiamo se ModNation potrà attecchire alla stessa maniera dei Sackboy, ma l'idea di estendere l'ottima infrastruttura del gioco Media Molecole ad altri progetti è decisamente interessante. Per la serie fantasmi che ritornano, si è visto anche Gran Turismo 5, purtroppo solo sottoforma di filmato, che conferma si la presenza dei danni, così come anche l'introduzione delle macchine Nascar e del campionato di rally WRC. Tutto molto bello, ma il gioco sembra diventare sempre più grande, mentre la data d'uscita latita ancora. A chiudere in bellezza la presentazione, ci ha pensato il team Santa Monica con una demo giocata direttamente sul palco di God of War 3, che ha mostrato un Kratos ancora più incazzato e violento. Fortunatamente sono stati fatti grossi passi avanti anche dal punto di vista tecnico, ma ne parleremo nella nostra prova su strada per il gioco.

PS3-Mote?

Il botta e risposta tra i vari produttori si è giocato anche dal punto di vista delle periferiche. Il Wii ha fatto scuola sin dalla sua introduzione, Microsoft ha risposto a questo E3 "eliminando" il controller e anche Sony ha voluto dire la sua nell'evoluzione dell'interfaccia, mostrando una demo tecnica di un nuovo tipo di dispositivo che farà la sua apparizione la prossima primavera. Il concetto è quello di un tipo di controller dotato di bottoni e vibrazione, con alla sua testa una sorta di sfera colorata. In combinazione con la PlayStation Eye, la telecamera ad alta risoluzione ad oggi sfruttata per poche applicazioni e giochi come la videoconferenza piuttosto che Eye of Judgement, questo dispositivo permette di codificare in maniera cosiddetta "uno a uno", ovvero senza errore, i movimenti del giocatore dello schermo, associati proprio alla sorta di sensore di cui sopra. E3 2009 - Conferenza Sony: God of War 3, Uncharted 2, PSP Go! La demo ha mostrato diverse applicazioni, a partire da alcune semplici come la possibilità di sostituire, visivamente, il controller con qualsiasi tipo di aggeggio quale pistole, racchette e così via, fino a cose più impegnative. A tal proposito sono state mostrate diverse applicazioni in tal senso, come un prototipo di sparatutto in prima persona, così come la possibilità di scrivere facilmente e sfruttare le tre dimensioni, utilizzando una torcia in qualsiasi angolazione. Le nostre impressioni, aldilà della forma discutibile (ma non definitiva) del controller, sono state piuttosto positive, anche alla luce della data d'uscita non lontanissima nel tempo. Non rappresenta un dispositivo rivoluzionario come potrebbe essere Project Natal per Xbox 360, ma ci apparso più pratico restituendo comunque la sensazione tattile, e sperando che la sua applicazione non rimanga confinata a giochi dalle meccaniche semplici, ma implementata davvero anche all'interno dei blockbuster per aumentare l'esperienza di gioco.

PSP GO!

Una buona parte della conferenza è stata dedicata alla console portatile prodotta da Sony, che oramai ha raggiunto la cifra ragguardevole di 50 milioni di console vendute. Ovviamente a tenere banco è stata la revisione in chiave estetica e contenutistica, che prende il nome di PSP GO! Definita come il segreto peggio mantenuto della fiera (viste tutte le indiscrezioni già trapelate prima dell'annuncio) la console cambia forma, proponendo una dimensione ridotta del 50% rispetto al precedente modello e un peso inferiore del 40%. Lo schermo rimane da 3.8 pollici, mentre sono stati riposizionati tutti i tasti. Innanzitutto i controlli del volume e video sono stati posti in alto, i dorsali hanno subito alcuni cambiamenti, lo slot della memory stick (adesso è quello per la versione micro) si trova sul lato sinistro. Addio al lettore UMD, standard che mai si è affermato, la console sarà disponibile con una memoria interna di ben 16 GB e con il Bluetooth, orientato ad aumentarne le capacità multimediali. Tutti i restanti controlli vengono rivelati mediante lo scorrimento della parte superiore, sulla falsariga dei diversi cellulari cosiddetti "slide". Adesso croce digitale, analogica e i quattro pulsanti sono più vicini e situati sotto lo schermo, nonchè ridisegnati a livello ergonomico. Altra importante novità è la completa integrazione del PlayStation Store sulla console stessa, alla luce anche del fatto che sarà pesantemente legata al download digitale dei giochi, unica fonte dopo la rimozione dello slot UMD. Come detto il servizio video sarà direttamente disponibile dalla console e ci sarà una nuova applicazione musicale denominata Sense Me, che ha un riconoscitore vocale in grado di analizzare (o almeno provarci) l'umore dell'ascoltatore tramite voce, e proporre una playlist dedicata selezionata a partire dalla libreria musicale presente. Tornando alla PSP GO!, abbiamo avuto modo di provarla allo stand Sony, ed effettivamente le dimensioni sono molto più contenute, sia da aperta che chiusa, dandole finalmente una dimensione più portatile. La corsa dei due dorsali posteriori è decisamente migliorata, anche l'analogico, vero punto debole di PSP, ci è sembrato essere più ergonomico, ma forse troppo "scavato" all'interno della sua posizione. Ottima invece la croce digitale, così come i bottoni frontali. PSP GO! non andrà a sostituire le versioni 3000, ma verrà affiancata e proposta ad un prezzo di 250 euro, in virtù delle sue maggiori caratteristiche multimediali e di capienza. La data d'uscita è stata fissata per il 1 Ottobre anche sul territorio Europeo e per l'occasione uscirà assieme ad un altro titolo per il quale si erano perse le speranze, ovvero Gran Turismo Mobile, presentato direttamente da Kazunori Yamauchi di Polyphony. I numeri sono di tutto rispetto, oltre 800 macchine, 35 tracciati e 60 varianti, gioco online, possibilità di scambiare macchine e tempi. Tutti i possessori della console portatile o aspiranti tali non possono che essere rincuorati dopo la conferenza Sony. La quantità di titoli che usciranno tra 2009 e 2010 è decisamente impressionante se comparata allo scorso anno, e finalmente la console sarà maggiormente supportata, anche in virtù della riduzione del costo dei kit di sviluppo. A tenere banco, tra gli annunci, c'è stato un nuovo capitolo di Metal Gear Solid, sottotitolato Peace Walker, che è stato presentato direttamente da Hideo Kojima e che non sarà uno spin off, bensì un titolo della saga a tutti gli effetti, che vedrà come protagonista Big Boss e che sarà ambientato 10 anni dopo gli eventi del terzo capitolo, alla fine degli anni 70 e in piena guerra fredda. E ancora, tra giochi già annunciati e nuovi, PSP vedrà tra le sue fila brand come quello di Assassin's Creed, Resident Evil, Rock Band, Jak and Daxter, LittleBigPlanet, Motorstorm, Final Fantasy, Army of Two, Soul Calibur, Socom e così via, senza contare le proprietà intellettuali completamente inedite che vedranno la luce nei prossimi mesi.

In conclusione...

La sensazione che Sony abbia perlomeno imbeccato la strada giusta, dopo diversi errori di comunicazione e di implementazione stessa accadute gli scorsi anni. Ampio spazio ai giochi veri e propri, molta carne al fuoco sia per PSP che PlayStation 3, tra titoli esclusivi e iniziative tese ad aumentare la qualità media dei titoli proposti. E3 2009 - Conferenza Sony: God of War 3, Uncharted 2, PSP Go! Sulla console ammiraglia, infatti, ci sarà una selezione piuttosto forte di titoli interni che usciranno nel periodo natalizio e la primavera 2010 tra esclusive e multipiattaforma, con Uncharted 2 e God of War 3 in prima fila. Per quanto riguarda il nuovo sistema di controllo, ci auguriamo che veda la luce davvero la prossima primavera e che venga sfruttato anche per i giochi di primo piano. PSP, sia grazie al restyiling che soprattutto alla quantità elevata di giochi annunciati, sembra possa godere di nuova vita. Rimane il fatto che proponga brand già visti sulle console da casa, ma adesso sembra non ci sia bisogno di lamentarsi del numero o del fatto che siano identici alle controparti casalinghe, anche perché quasi tutti i titoli sono episodi studiati appositamente per la console portatile. La risposta di Sony c'è quindi stata, ora bisogna vedere se si tramuterà in realtà anche nelle vendite; continuiamo a credere, ad ogni modo, che un taglio di prezzo in previsione della stagione natalizia sia quantomeno necessario.

Il video della conferenza in italiano!

TI POTREBBE INTERESSARE