Svelata la natura del brevetto di Miyamoto. Un nuovo Zelda forse il prossimo anno  10

Attesa, terribile attesa.

Shigeru Miyamoto, geniale icona dei videogiochi e creatore di alcuni fra i brand più famosi in assoluto, fra cui Zelda e Mario, non ha partecipato come invece molti si attendevano (e speravano) alla conferenza Nintendo dell'E3 attualmente in svolgimento. E' tuttavia presente alla fiera, e non ha mancato di rilasciare interviste e presenziare ad incontri con i giornalisti. Ed in uno di questi ha rivelato di avere intenzione di annunciare un nuovo Zelda per Wii nel corso del prossimo anno e che probabilmente supporterà il Motion Plus per l'uso di arco e spada. Ha presentato anche dei concept di un Link più maturo, a metà fra l'adolescenza e l'età adulta, ed una donna in un abito blu che presumibilmente è una Zora. Lasciandoci nella dolorosa attesa che ormai dura da anni.
Ha poi spiegato cosa si celi dietro al brevetto da lui registrato lo scorso anno (ve ne ricorderete): si tratta di un sistema volto a premettere ai giocatori di tirarsi fuori da condizioni di empasse durante i giochi. In sostanza il sistema permetterebbe di tramutare l'intero gioco in una sorta di lungo filmato, nel quale i giocatori possano muoversi semplicemente andando avanti ed indietro come in un film, da scena a scena. E lasciandogli libertà di tornare a renderlo gioco vero e proprio in qualsiasi momento. Questo permetterebbe di scavalcare eventuali intoppi frustranti, rendendo il livello di sfida pressochè nullo. Probabilmente tale sistema sarà già implementato nell'appena annunciato New Super Mario Bros. Wii, anche se la cosa non è confermabile.