La fantasia finale ritorna su PSP...  43

Un altro Final Fantasy per PSP, ma stavolta è un JRPG!

La PSP continua a regalare ai suoi utenti sempre più titoli di buon livello, spesso in esclusiva, e a oggi sembra avere raccolto l'eredità della ex sorella maggiore PlayStation 2 come piattaforma Regina per gli amanti dei giochi di ruolo giapponesi (anche se Xbox 360 in questo senso comincia a farsi sotto). Tanti i prodotti del genere fra remake, riproposizioni di vecchi capolavori e nuovi titoli che in questi ultimi mesi sono arrivati sul mercato impreziosendo ulteriormente l'offerta ludica di questa piattaforma.

Final Fantasy Agito XIII sarà il terzo nuovo episodio della saga di Square a vedere la luce su PlayStation Portable. Anche esso, insieme a titoli quali Final Fantasy XIII e Final Fantasy Versus XIII, farà parte dell'ormai arcinoto progetto Fabula Nova Crystallis. Quindi il prodotto in questione non sarà una sorta di "grossa side-quest" del Final Fantasy principale per PlayStation 3 e Xbox 360 ma un gioco a se, parte però dello stesso universo di miti e temi attorno ai quali ruoteranno gli altri prodotti del progetto. Sul videogioco e sulla trama alla sua base le informazioni attualmente in nostro possesso sono poche: sappiamo solo che l'avventura avrà inizio in una sorta di "accademia della magia" dove studiano diversi giovani talenti (non solo umani, c'è anche un moguri), fra i quali i protagonisti. La scuola, il cui nome è Akademeia, si troverebbe sulla cima di una strana formazione rocciosa in prossimità della città di Rubrum, a sud del continente Orience (Oriensu), suddiviso in quattro regni che vivono fra di loro in pace da oltre 824 anni a seguito di un apposito trattato, e avrà un ruolo importante nel contesto narrativo della vicenda.

Gioco di Ruolo quasi classico

Dovrebbero essere infatti i suoi studenti coloro che verranno chiamati dalla storia a difendere la loro civiltà dalla solita minaccia costituita da una nazione militarista (chiamata Milites) decisa a conquistare e invadere tutti i territori liberi. E che si tratterà sostanzialmente di un JRpg più o meno classico con circa dodici personaggi reclutabili e utilizzabili dal giocatore in party da quattro. Il battle system dovrebbe essenzialmente essere simile a quello visto in Crisis Core: Final Fantasy VII, ma con l'inserimento dell'ATB e la presenza di più personaggi da controllare tramite appositi menù per il giocatore all'interno di un party formato da quattro elementi, da selezionare da un totale di dodici o tredici eroi.

Questi saranno caratterizzati come consuetudine da specifiche abilità magiche e non che ne distingueranno i comportamenti durante i combattimenti. Ognuno degli studenti avrà inoltre a disposizione almeno una summon personale (non è chiaro se ne potranno utilizzarne altre, magari interscambiandole). Queste, una volta evocate attraverso delle specifiche card, potranno essere controllate direttamente dal videogiocatore. Le creature, in base a tutta una serie di fattori dopo un combattimento potranno anche ottenere vari punti Exp che consentiranno loro di fare level-up e aumentare il livello dei vari parametri quali attacchi fisici e magici, combo, etc. Al momento di questi "mostri" è confermata la presenza di Odin, ma è quasi certa anche quella di altre summon storiche della serie, come Ifrit o Shiva. Da segnalare come la provenienza dei personaggi da una scuola di magia e dunque la loro capacità e abilità di "armeggiare" con "l'antica arte" faccia si che le azioni compiute dagli stessi attraverso i loro poteri abbiano un costo basso in termini di MP in rapporto invece agli attacchi fisici, dove i nostri eroi non sono certo abili come in quelli elementali.

Curiosità

Concepito inizialmente per telefonini cellulari di nuova generazione con l'idea di ripercorrere la strada del successo intrapresa anni prima con Before Crisis: Final Fantasy VII, il 2 Agosto del 2008 Square-Enix annunciò invece che Final Fantasy Agito XIII sarebbe stato sviluppato per Sony PlayStation Portable.

Multiplayer

Così come la perdita di HP sarà superiore rispetto a quelli che subirebbe un guerriero più preparato per il corpo a corpo e lo scontro fisico. Gli attacchi magici e le abilità speciali dovrebbero infine essere assegnabili ai pulsanti del Pad per un rapido utilizzo. Altra peculiarità del titolo dovrebbe essere il multiplayer in wi-fi o online in cui fino a quattro giocatori potranno cooperare per portare a termine le varie missioni che di volta in volta il gioco gli proporrà. In questa modalità il gameplay subirebbe qualche cambiamento e potrebbe essere definito simile a un MMPORPG. In questo senso però è meglio aspettare direttamente delle informazioni da Square-Enix per chiarire in ogni dettaglio questa opzione.

E' presto in conclusione per dare un primo giudizio su Final Fantasy Agito, soprattutto in rapporto all'assenza di materiale giocato su cui basare una analisi più completa. Tuttavia appare chiaro che Square-Enix punta molto su questo titolo che nelle loro intenzioni dovrebbe essere un'altra killer application per la PlayStation Portable. Fino a ora i video e le pochissime informazioni rilasciate dalla software house nipponica lasciano presagire una trama interessante e un gameplay potenzialmente valido. Vedremo nel prossimo futuro se sarà così.

CERTEZZE

  • Il ritorno a un gameplay sotto certi aspetti classico
  • Vasto e ricco di side-quest come ogni buon JRPG richiede
  • La gestione delle Summon via card sembra interessante

DUBBI

  • La modalità multiplayer deve essere ben calibrata e longeva senza però cadere nel monotono
  • La storia dovrà regalare ai giocatori diverse prospettive di sviluppo della trama