Medal of Honor: Frontline  0

Pensavate che la guerra fosse finita 60 anni fa? Il secondo conflitto mondiale continua tuttora su PlayStation 2 con Medal of Honor: Frontline. Cos'aspettate a guadagnarvi questa medaglia?

Notizie dal fronte

L’introduzione era doverosa, ma passiamo alle cose serie. In Frontline, terzo episodio della serie, avremo sotto il nostro comando una vecchia conoscenza, ovvero Jimmy Patterson compagno di ventura apparso nei primi due episodi. Il nostro eroe dovrà sopravvivere a ben 20 livelli suddivisi in 6 missioni principali, nel periodo storico che va dall’entrata in guerra degli Stati Uniti d'America nel risolutivo sbarco in Normandia, fino alla drammatica conclusione. All’interno di questo conflitto saremo chiamati ad aiutare Patterson in una (ipotetica) difficile missione: rubare un arma sperimentale, un velivolo con nome in codice HO-IX Flying Wings in grado di ribaltare le sorti del conflitto. Stando alle notizie trapelate in Internet dagli sviluppatori, MoH Frontline sarà in grado di sfoggiare ambienti 3d favolosamente realizzati, con riproduzioni fedelissime alle controparti reali, si prevedono numerose locazioni come Omaha beach, città completamente rase al suolo interamente visitabili, campagne francesi con tanto di fattorie e mulini a vento e numerose locazioni al chiuso come chiese, bunker sotterranei, e tunnel segreti. A giudicare dalle immagini rilasciate e alla versione giocabile mostrata all'E3, si può già notare un ottima realizzazione dei soldati e una pressoché perfetta riproduzione delle armi come la colt .45, lo Springfield sniper rifle, il panzerscherck rocket launcher, l’ MG42 mounted machine gun, il Browning automatic rifle e molte altre.

Cercasi volontari

Avendo citato l’arsenale disponibile non si può tralasciare uno dei punti di forza della serie Medal of Honor, vale a dire l’audio. Nei primi due episodi, l'accompagnamento musicale era assolutamente da brivido e permetteva un totale coinvolgimento nella situazione di angoscia che si respirava nella seconda guerra mondiale, sia dal punto di vista della colonna sonora, sia per quanto riguarda gli effetti sonori delle armi. A maggior ragione, da questo nuovo capitolo bisognerà aspettarsi una nuova dose di perfezione e dalla Dreamworks, ne sono sicuro, avremo il meglio. Una caratteristica negativa dei due episodi precedenti, sicuramente risiedeva nella mancanza di scelta tattica per completare una missione, in sostanza il percorso era troppo lineare e schematico. In Frontline invece disporremo di molteplici possibilità che soddisferanno tutti i palati ed i fanatici guerrafondai, in più è stata inserita la possibilità di dare ordini ai propri commilitoni, come avanzare in avanscoperta, fare da copertura per la ritirata o per l’avanzata, aggirare un nemico ecc. Insomma ci sarà da sbizzarrirsi! Per concludere, personalmente sto contando i giorni all’uscita di questo capolavoro già disponibile per PC e, a giudicare dalll’ottimo risultato scaturito, non si può di certo non sperare in una versione per PS2 allo stesso livello se non addirittura più convincente. Il 6 giugno Medal of Honor: Frontline arriverà nei negozi e solo allora sapremo la verità. Per l'occasione contiamo di offrirmi un'approfondita recensione del gioco. Ci risentiamo nei prossimi giorni, cari commilitoni! :)

Una medaglia non si rifiuta mai

Correva l’anno 2000, quando dalle geniali menti della Dreamworks interactive nacque Medal of Honor per PSX, rivoluzionario sparatutto in prima persona ambientato nella seconda guerra mondiale e dotato di una giocabilità accattivante, un reparto sonoro da urlo, unita ad una forma grafica smagliante. In poche parole una pietra miliare per la scatola grigia di Sony. Vista la grande risposta del pubblico, a fine anno venne presentato il suo seguito ovvero, Medal of Honor: Underground, in parte add-on ed in parte seguito ufficiale, questa volta alle prese con una protagonista al femminile, impegnata in una non facile guerra contro i Nazisti. 6 Giugno 2002, data ufficiale di uscita di Medal of Honor: Frontline, il terzo episodio dello sparatutto più famoso per console, questa volta però per PlayStation 2.