Monnezza per gioco  20

Per una volta nella vita mi capita di parlare di due argomenti che mi stanno a cuore: videogiochi e monnezza.

Il mio amico Fabio Belsanti penserà che io gli stia facendo un favore in questo momento. Invece il favore l'ha fatto lui a me perché mi ha dato modo di coniugare due grandi interessi della mia vita professionale e privata: il videogioco e l'ambiente. Non è una cosa che capita spesso.
Belsanti è un capitano molto più coraggioso di me perchè ha avuto la tenacia di portare avanti la sua società, la PM Studios, una software house di videogiochi, in Italia e più precisamente in Puglia, per anni e senza mollare. E questo merita rispetto. In più ha tirato fuori anni fa un prodotto niente male, il cosiddetto sogno nel cassetto, Etrom. Probabilmente Etrom avrebbe meritato più successo e più notorietà, e non è detto che in futuro non accada, però questa è un'altra storia.
Oggi voglio parlare di un suo nuovo progetto che si chiama EcoWarriors. Da un punto di vista strettamente videoludico, EcoWarriors è un gioco per PC senza grandi pretese. Da un punto di vista sociale invece EcoWarriors è un doppio successo:

1) ha ottenuto un finanziamento pubblico (dalla regione Puglia), cosa rarissima per uno sviluppatore di videogiochi in Italia;
2) tenta, attraverso il videogioco, di sensibilizzare le persone al riciclaggio dei rifiuti ma senza annoiare.

Chi si riempe la bocca di edutainment, ovvero software che vuole insegnare divertendo, ma che finisce solo per annoiare insegnando, si vada a scaricare EcoWarriors. Devi distruggere i robot che inquinano, ma poi devi raccoglierne i pezzi e differenziarli in base alla loro natura (plastica, carta, umido, ecc.). In più la PM Studios ha voluto inserire un po' di Puglia, ricostruendo i migliori scorci della regione all'interno del videogioco e permette ai ragazzi che ci giocano di salvare i loro punteggi online.
Non sarà il blockbuster di Natale però merita la stima di tutti noi, anche perchè affronta un tema "caldo", quello della raccolta dei rifiuti, passando per la soluzione buona (la differenziata) e non la cattiva (l'incenerimento). E oltretutto è scaricabile gratuitamente. Fatevi un favore: masterizzatelo in un DVD e regalatelo a Natale ai vostri figli, nipoti e fratelli. Non avrà il prestigio di una collector's edition, ma può fare del bene a tutti.