IndieUnderground Vol.14 

La nostra rubrica si propone l'arduo compito di valutare l'immensa mole di titoli che si muovono nell'underground videoludico, totalmente indipendenti dai grandi publisher e immersi nelle apprezzate formule freeware e shareware.

Editoriale

E' dal Natale del 2004 che non uscivano così tanti giochi importanti tutti insieme. Ce ne sono talmente tanti che si può fare indigestione. Considerato il periodo che va da settembre a fine novembre, la lista dei titoli tripla A è sconfinata. Per ora, comunque, sono più le delusioni che i prodotti riusciti. Per un Orange Box ci sono i vari Lair, Stranglehold, Heavenly Sword, Clive Barker's Jericho che, nonostante l'altissimo livello produttivo, si sono rivelati tutt'altro che esaltanti e, in alcuni casi, dei veri e propri fallimenti completi. Sopravviveremo. Ci basta scavare per trovare qualche soddisfazione e per poterci perdere in mondi più piccoli e pixellosi, ma sicuramente più compiuti e interessanti dal punto di vista sperimentale. In alcuni casi, comunque, mentre si scrive Underground sembra quasi di stare a scavare una fossa in cerca di cadaveri da razziare. La domanda che ci poniamo è: riusciamo a comunicare qualcosa che vada oltre la possibilità di giocare gratis o quasi, ovvero un altro modo di concepire i videogiochi? Qui dove i Pixel Shader non hanno senso, cosa ha senso? Cosa vi porta a leggere queste righe? Cosa cercate nei videogiochi indie? ci piacerebbe leggere delle risposte a queste domande, per dare un senso più preciso a questa rubrica.

di Simone Tagliaferri

Covert Front 2


Sviluppatore: Arcade Town
Tipo di distribuzione: Freeware
Sito di riferimento: Sito Ufficiale
Download del file: Si tratta di un gioco realizzato in flash e pertanto non è necessario effettuare il download
Da sapere per giocare al meglio: Se proprio rimanete bloccati senza speranze, è disponibile la soluzione completa in inglese e in spagnolo sul sito ufficiale

Underground Vol.14 Wow. Torna Mateusz Skutnik con il secondo capitolo di Covert Front 2, a metà strada sulla via che condurrà alla conclusione della vicenda nel quarto episodio. Dove eravamo rimasti quindi? Vi ricordiamo che Kara, la romantica spia protagonista, vive in un ipotetico passato dove la tecnologia è molto avanzata per l'epoca storica trattata. Siamo infatti nel bel mezzo della Prima Guerra Mondiale, sebbene la data sia stata anticipata di una decina d'anni. Si sa, durante le guerre qualche scienziato è lasciato libero di immaginare potenti dispositivi di dominio/controllo/sterminio, per cui sarà nostro compito fare luce sulla ricetta che bolle nella pentola del fisico Karl von Toten. Anzi, partiamo proprio dai suoi laboratori, anche se ci attende il classico colpo di scena. Quale? Ecco, qui entra in gioco un bilanciamento quasi perfetto tra difficoltà degli enigmi e ritmo dell'avventura.

una spy-story oscura, piacevolmente retrò e indaffarata

Covert Front 2

Sembrano cose da poco, ma riuscire a calibrare bene il livello dei puzzle e la velocità con la quale si scoprono nuove aree richiede una sapienza che si matura solo con l'esperienza, come in cucina. A maggior ragione se il tutto deve tenerci sulla sedia per un po' di ore, a fronte di una longevità tutto sommato modesta. Non c'è però il rischio di annoiarsi, perchè la narrazione non è fatta di espedienti ma di sostanza, appassionata ed elegante, come gli splendidi artwork. Metteteci un doppiaggio femminile convincente (in lingua inglese) e avrete di fronte una spy-story oscura, piacevolmente retrò e indaffarata.

Underground Vol.14 Underground Vol.14

Covert Front 2

di Andrea Rubbini

Knytt Stories


Sviluppatore: Nifflas
Tipo di distribuzione: Freeware
Sito di riferimento: Sito Ufficiale
Download del file: Link
Da sapere per giocare al meglio: Niente di rilevante da segnalare

Underground Vol.14 Knytt Stories è poesia pura. Non c'è un solo pixel in più del necessario in questa nuova produzione del geniale Nifflas, capace con pochissimi mezzi di realizzare un prodotto artisticamente accattivante e molto divertente da giocare. Non c'è una sola storia da seguire, visto che già l'installer base carica sul PC una decina di missioni complete, spesso dalla trama molto semplice, che nascondono solamente la voglia di lavorare sullo stile asciutto e lirico che caratterizza l'intera produzione. Il gameplay è quello di un platform a schermate fisse con potenziamenti progressivi. Questi, una volta acquisiti, permettono di esplorare nuove zone altrimenti irraggiungibili. Il mondo di gioco è diviso in aree, tutte dallo stile visivo differente ma sempre stilizzate all'osso. Spesso sembra di trovarsi di fronte a delle piccole opere d'arte contemporanea, pitture minimaliste che si lasciano apprezzare maggiormente proprio per la loro essenzialità iconica.

racconta attraverso delle immagini semplici delle piccole favole piene di poesia

Knytt Stories

Ci sono molti riferimenti alla pittura giapponese, soprattutto nella ricerca di un'armonia formale e nella volontà di comunicare una specie di "pace" ludica che rifugge dagli stilemi classici dei videogiochi, dove solitamente viene apprezzato il prodotto che ha le esplosioni più grosse e rumorose. Knytt Stories è un videogioco d'esplorazione e avventura, che non rincorre il mercato mainstream ma che si lascia apprezzare per la ricchezza dei suoi contenuti. Qualche mostro da evitare c'è e i poteri acquisibili sono divertenti da usare perché aggiungono una dimensione adventure/puzzle al gioco, ma senza ingombrare o risultare fuori luogo. Il gameplay rimane sempre ancorato al concept di base, che è quello di raccontare attraverso delle immagini semplici delle piccole favole piene di poesia. Da giocare assolutamente.

Underground Vol.14 Underground Vol.14

Knytt Stories

di Simone Tagliaferri

Fold


Sviluppatore: Joel Esler
Tipo di distribuzione: Freeware
Sito di riferimento: Sito Ufficiale dello Sponsor
Download del file: Si tratta di un gioco realizzato in flash e pertanto non è necessario effettuare il download
Da sapere per giocare al meglio: Niente di rilevante da segnalare

Underground Vol.14 Le idee migliori in assoluto sono quelle che fanno impazzire perchè non si può accettare di non averle pensate prima. Era così ovvio, viene da dire, eppure di ovvio non c'era nulla. Semplicemente il genio folgora nella sua immediatezza. E' il caso di Fold, non un vero seguito, ma una versione completa dell'originale Manifold, così acclamato da spingere Joel Esler a sprigionarne il potenziale per intero. Un altro titolo in flash, caratterizzato dalle tinte pastello qui ridotte a bicromie e sfumature, essenziali ma perfette, allegre anche nei toni di nero.

impegnativo, ispirato, divertente e appagante

Fold

Il concept richiama alla mente molti vecchi puzzle-game, dove come demiurghi caritatevoli dobbiamo guidare il nostro prode eroe verso l'uscita dello schermo. Sfrutteremo per questo la fisica anti-gravitazionale che si sviluppa da piccole sfere da scagliare contro le pareti, pronte ad attivarsi all'impatto. Il divertimento e le soluzioni creative crescono esponenzialmente con il numero delle sfere a disposizione, riassorbibili a piacimento e con le caratteristiche uniche di queste orbite: non si tratta solo di potersi sollevare da terra infatti; le aree anti-gravità rallentano le cadute, fungono da liane e ci consentono di camminare in verticale sui muri per esempio. Non manca nulla a Fold: è impegnativo, ispirato, divertente e appagante. Perfetto, almeno fino a quando qualcuno non lo migliorerà.

Underground Vol.14 Underground Vol.14

Fold

di Andrea Rubbini

GoldenEye 2D


Sviluppatore: Perfect Run
Tipo di distribuzione: Freeware
Sito di riferimento: Sito ufficiale del gioco - Sito dello Sviluppatore
Download del file: Link
Da sapere per giocare al meglio: Niente di rilevante da segnalare

Underground Vol.14 GoldenEye 007 è, insieme a Super Mario 64, il gioco simbolo del Nintendo 64. Ed è quello che, probabilmente, ha segnato più di tutti gli altri la console a 64 bit della Nintendo. Molto prima dell'uscita di Halo per Xbox, Rare riuscì a dimostrare che il binomio console/FPS era possibile e poteva anche produrre dei risultati eccellenti. La risposta del mercato a tale capolavoro fu clamorosa e non stupisce che, ancora oggi, molti siano legati al titolo originale, e che i vari seguiti (ideali e ufficiali) non sono riusciti a superarlo nel cuore dei fan (e nella qualità). Da questo profondo amore, nasce questa piccolissima produzione: una particolarissima e nostalgica versione 2D di GoldenEye 007.

sicuramente da provare

GoldenEye 2D

L'autore ha fatto una scelta radicale: non ha solo tentato di ridurre l'originale in 2D, ma ha usato lo stile visivo del primo Game Boy (quello monocromatico) e la sua risoluzione (160X144 pixel). Il risultato è ottimo, per quanto possa apparire fin troppo retrò. GoldenEye 2D è un platform giocabilissimo e molto godibile, con un sistema di potenziamento intelligente quanto immediato (più nemici si uccidono, più l'arma diventa potente) e una giocabilità elevatissima, nonostante la difficoltà elevata. Sicuramente da provare, soprattutto se non avete mai dimenticato il GoldenEye originale.

Underground Vol.14 Underground Vol.14

GoldenEye 2D

di Simone Tagliaferri

Peggle Deluxe


Sviluppatore: Popcap Games
Tipo di distribuzione: Shareware
Sito di riferimento: Sito Ufficiale - Sito dello Sviluppatore
Download del file: Link
Da sapere per giocare al meglio: Una versione speciale di Peggle Deluxe, Peggle Extreme, è disponibile per tutti quelli che acquistano l'Orange Box di Valve.

Underground Vol.14 Il concept di gioco è semplice: alla guida di una specie di cannone in cima allo schermo, bisogna lanciare delle palle cercando di colpire il maggior numero possibile di respingenti rossi, blu, verdi o viola. Vince chi riesce a colpire tutti i 25 respingenti rossi. Ogni livello ha un tema particolare e in ognuno è possibile acquisire un potere speciale, colpendo i respingenti verdi. I poteri sono molto diversi tra loro e facilitano la pulizia delle schermate. Si va da alcuni flipper a forma di chele di granchio, al cosiddetto "tiro zen", ovvero un tiro aggiustato dalla CPU per ottenere dei risultati grandiosi in termini di respingenti colpiti e punti ottenuti. Il numero di palle da lanciare è limitato e se ne perde una ogni volta che queste escono dalla parte bassa dello schermo. È comunque possibile acquisire delle vite extra in vario modo: il più semplice consiste nel far finire la palla in una specie di cilindro che si muove continuamente nella parte bassa dello schermo; un altro modo è quello di colpire abbastanza respingenti rossi con una sola palla (complicato) o di fare abbastanza punti da riempire il misuratore sulla sinistra (e qui vengono in aiuto i respingenti viola).

un casual game per passare qualche ora disimpegnata

Peggle Deluxe

Quando tutti i respingenti rossi saranno stati colpiti, il livello sarà finito e la palla finale cadrà in uno dei varchi bonus nella parte bassa dello schermo. Lo scopo è quello di superare tutti i dieci livelli e fare più punti possibile. I primi livelli sono molto semplici, ma la difficoltà si fa via via più complicata. Peggle Deluxe è molto divertente ma dura un po' troppo poco. Un casual game per passare qualche ora disimpegnata, pensato più come un passatempo che per offrire una sfida vera e propria. Divertente finché dura.

Underground Vol.14 Underground Vol.14

Peggle Deluxe

di Simone Tagliaferri

Storm Winds


Sviluppatore: Hero Interactive
Tipo di distribuzione: Freeware
Sito di riferimento: Sito Ufficiale
Download del file: Si tratta di un gioco realizzato in flash e pertanto non è necessario effettuare il download
Da sapere per giocare al meglio: Niente di rilevante da segnalare

Underground Vol.14 Non sappiamo come ci siano riusciti, ma questo è il primo gioco in flash di strategia e azione bellica malinconico. Sarà per quel tramonto fisso sullo sfondo, o per le meccaniche del gameplay: una strenua difesa della base, mentre infiniti nemici si abbattono, come quando i veri eroi cadono per ultimi combattendo una guerra che non potranno vincere. Probabilmente la splendida colonna sonora gioca un ruolo fondamentale in tutto questo e comunque, noi andremo a vincere signori, eccome se vinceremo! Come? Semplice, avete tre slot liberi sui quali montare armi difensive di vario genere. Alcune fanno più male, come i lancia missili, ma impiegano molto a caricarsi, altre sono incredibilmente distruttive senza però colpire nel mucchio e così via. Naturalmente potremo comandare una sola postazione per volta, anche se ci è concessa la possibilità di acquistarne di nuove, riparare le vecchie o metterle da parte per sperimentare diverse combinazioni.

un gioco in flash di strategia e azione bellica malinconico

Storm Winds

La fisica è un fattore importante e non sempre facile da tenere in considerazione, in particolare con certi tipi di armamenti, ma vedere un colpo andare a segno calcolando la traiettoria e il tempo di percorrenza dei nemici regala piccole gioie. Anche se si tratta di un prodotto freeware, esiste la possibilità di donare cinque dollari e godere di qualche torretta in più, nuovi livelli e una piccola sorpresa che non vi riveliamo qui; non si sa mai che vogliate considerare questa meritata donazione. In ogni caso, anche così com'è Storm Winds si rivela godibilissimo e avvincente, in parte grazie alla possibilità di riprendere la partita da dove l'avete lasciata, un incentivo non da poco per arrivare fino in fondo.

Storm Winds

di Andrea Rubbini

Considerata la particolare natura di questa rubrica il voto assume un significato diverso rispetto a quello tradizionale: ogni mese saranno infatti proposti titoli considerati di per sé più che meritevoli. Per questo motivo il punteggio da 1 a 5 non rappresenta una scala di valore che parte dalla mediocrità più assoluta per giungere alll'eccellenza, perché ogni gioco trattato si pone già una spanna sopra la media. Si tratta invece di rendere conto di quel valore aggiunto che gli sviluppatori sono riusciti a infondere nella loro opera e fornisce al lettore uno strumento aggiuntivo per approfondire la valutazione. Per tutti i numeri precedenti della rubrica, seguite questo link.

TI POTREBBE INTERESSARE