Valve e Blizzard trovano un accordo sull'utilizzo di DOTA  16

Tutti contenti

NOTIZIA di Giorgio Melani   —  12 Maggio 2012

Giunge infine al termine la disputa legale tra Valve e Blizzard sull'utilizzo del nome DOTA, con un accordo che consente a Valve di continuare ad utilizzare il nome in questione.

Dunque, il titolo Valve sarà DOTA 2, mentre Blizzard utilizzerà il nome Blizzard All-Stars per il gioco corrispondente. La questione era partita da un conflitto sui diritti d'autore, in quanto DOTA si riferisce a Defence of the Ancients, una mod di Warcraft III. Tale mod ha raggiunto un tale livello di popolarità di diventare una sorta di gioco a sé stante, con tanto di seguito.

DOTA 2 è, però, pubblicato da Valve, che ovviamente ha poco a che fare con Warcraft III e i suoi diritti d'autore, ma d'altra parte il nuovo gioco non ha riferimenti diretti con lo strategico Blizzard. Insomma, la battaglia legale, come spesso accade in questi casi, si è subito scatenata tra gli interessati ma a quanto pare si è poi conclusa con una pace. "Sia Blizzard che Valve capiscono che, alla fine, i giocatori vogliono solo poter accedere ai giochi che vogliono, dunque siamo felici di aver raggiunto un accordo che ci consente di focalizzarci solo sulla conclusione dello sviluppo".

Fonte: VG247