Baldur's Gate: Enhanced EditionBaldur’s Gate: Enhanced Edition e il problema degli assets originali 

Non si trovavano da nessuna parte

Un'interessante intervista al team Overhaul Games e in particolare al capo Trent Oster è stata pubblicata da Eurogamer.net, in cui emerge un evento particolare tra i retroscena dello sviluppo di Baldur's Gate: Enhanced Edition, come evidenziato da VG247.

Si tratta della ricerca degli assets originali del gioco, che avrebbero semplificato in maniera decisa il lavoro del team ma che a quanto pare non sono stati trovati da nessuna parte. Dopo aver preso l'accordo per lo sviluppo del gioco, il team aveva intenzione di prendere semplicemente i materiali originali, adattarli e renderizzarli nuovamente in alta definizione, un'operazione che non avrebbe richiesto una quantità enorme di tempo, invece le cose si sono allungate parecchio, come dimostrato anche dai posticipi imposti all'uscita del gioco.

A quanto pare, infatti, gli sviluppatori di Overhaul hanno cercato in lungo e in largo presso BioWare e EA i materiali necessari per ricostruire la grafica in alta definizione, ma trovandone solo una parte, insufficiente per tutto il lavoro. Allo stesso modo, Atari non è stata in grado di fornire aiuti al team, che ad un certo punto è stato sul punto di chiudere il progetto per mancanza di assets, in particolare dal punto di vista artistico. Si è resa necessaria una totale ricostruzione dei materiali grafici a partire da assets e texture, per poi effettuare una nuova renderizzazione in alta definizione, dunque un lavoro più lungo che ha spostato decisamente i termini di lancio del gioco.

Fonte: Eurogamer.net

TI POTREBBE INTERESSARE