Strage di Newtown, due giornali inglesi danno la colpa a Call of Duty  201

Che strano, eh?

Mentre gli USA si interrogano giustamente sull'eccessiva facilità con cui chiunque nel paese abbia accesso a un'arma da fuoco, una parte della stampa inglese prende la via più facile per analizzare i motivi dietro la strage di Newtown, mettendo in mezzo la passione dell'assassino, Adam Lanza, per Call of Duty.

La prima pagina del Sun, che vedete qui a sinistra, è tutto un programma e il Daily Express non fa da meno. I due giornali accusano l'FPS Activision e, in generale, i "videogame di guerra" di aver ossessionato Lanza, che è stato scoperto essere un appassionato di equipaggiamento militare, con tanto di enormi poster a ritrarre veicoli e armi in dotazione all'esercito americano. Questa teoria viene enfatizzata dall'opinione degli psicologi di turno, sempre pronti in occasioni come questa a fornire interpretazioni in linea con l'articolo. Nel caso del Sun la questione assume anche connotati di dubbia coerenza, visto che lo stesso giornale nelle settimane precedenti non aveva fatto che tessere le lodi di Call of Duty: Black Ops II nelle pagine dedicate all'intrattenimento.

Fortunatamente non tutta la stampa inglese ha affrontato la questione con la medesima superficialità. Il Guardian, ad esempio, ha posto la questione del controllo delle armi da fuoco negli USA, così come il Times e il Daily Telegraph, seppure quest'ultimo abbia accennato alla passione di Lanza per i videogame.

Fonte: Eurogamer.net