Secondo Nintendo, la realtà virtuale non è ancora pronta per il pubblico mainstream  55

Quando lo sarà, ci sarà anche Nintendo

Nonostante rappresenti indubbiamente una nuova realtà in via di affermazione, sia su PC che su console, la Realtà Virtuale ancora non convince in pieno Nintendo.

Secondo Reggie Fils-Aime, presidente di Nintendo of America, la tecnologia non è ancora pronta per il grande pubblico, o viceversa. Tornano in questo caso a farsi sentire i fantasmi del Virtual Boy: "Abbiamo tenuto d'occhio la realtà virtuale fin dai tempi del Virtual Boy", ha riferito Fils-Aime a Bloomberg, "per quanto ci riguarda, vogliamo essere sicuri che i nostri prossimi contenuti possano essere mainstream, goduti da un pubblico di massa, e quando la realtà virtuale arriverà a quel punto allora ci sarà anche Nintendo".

È un approccio che ha caratterizzato sempre Nintendo, ha detto Fils-Aime, prendendo come esempio la tecnologia di motion sensing che è diventata popolare anche grazie all'implementazione in Wii, o il touch screen che non era così diffuso e universalmente accettato prima del lancio di Nintendo DS. Secondo Fils-Aime la realtà virtuale ha delle ottime prospettive, ma al momento si limita a "brevi assaggi", esperienze abbozzate e limitate di intrattenimento che non possono garantire il successo su larga scala.