Pokémon GODura la vita dei cheater di Pokémon GO, anche se a volte sono motivati a barare 

Pokémon GO favorisce chi gioca in città e penalizza chi vive in campagna

Bella la vita di campagna? Non proprio se siete appassionati di Pokémon GO, il fenomeno mobile del momento. Abitare in zone isolate limita la ricerca dei pokémon, per colpa della carenza di Palestre e PokéStop.

Così molti hanno provato a rimediare barando con il GPS, per far credere al sistema di trovarsi in un luogo diverso. Magari una città, dove l'attività dei pokémon abbonda. A parte il paradosso evidente della situazione, visto che nei giochi dei Pokémon le bestiole più rare si trovano proprio nelle aree meno battute dagli esseri umani, un comportamento simile viene considerato passibile di ban dagli amministratori del gioco.

Un utente su Reddit ha provato a farsi bannare, scoprendo che dopo il provvedimento diventa impossibile compiere diverse azioni, come raccogliere oggetti dai PokéStop, catturare pokémon e interagire con le Palestre. In pratica non si può fare nulla. Fortunatamente i ban non durano molto. Le testimonianze parlano di circa una/due ore (anche meno). Si tratta di punizioni più leggere di quelle assegnate da Niantic durante la fase beta. Ora però trovate il modo di non sfavorire chi non vive al centro di New York!

TI POTREBBE INTERESSARE