Il capo di Ubisoft sui posticipi di Splinter Cell e Red Steel 2  31

Più tempo = più qualità, dice

Il CEO di Ubisoft Yves Guillemot torna a spiegare le motivazioni del ritardo imposto a Splinter Cell: Conviction e Red Steel 2, due prodotti molto attesi dal pubblico in particolare dopo le recenti presentazioni.

Attesi entrambi per questo autunno, i due giochi sono stati spostati ai primi mesi del 2010, con ulteriori spostamento anche di I Am Alive e altri giochi previsti a loro volta per il primo trimestre dell'anno prossimo. "Red Steel e Splinter Cell otterranno grandi benefici dal tempo per la ripulitura addizionale che stiamo fornendo ai team, e saranno chiaramente posizionati tra i brand principali su Wii e Xbox 360 per il trimestre di marzo".

Ulteriori dettagli sono arrivati in seguito, sempre da Guillmot, a Joystiq: "è solo una questione di rifinitura. I team hanno richiesto una certa quantità di tempo in più per assicurare la medesima qualità in ogni settore dei giochi, in modo da arrivare ad un prodotto migliore, per quanto riguarda entrambi i titoli", ha affermato, "la qualità è quella che avete potuto vedere all'E3, ma non siamo stati in grado di garantire lo stesso livello in ogni parte dei giochi in entrambi i casi".

In effetti la scelta di Ubisoft, inizialmente parsa dettata solo da motivi strategici, aveva dato da pensare: la perdita di mesi nevralgici per il mercato come quelli precedenti il Natale si risolverebbe in un grosso danno economico. Questo è ben noto a Guillemot, che tuttavia sostiene la linea intrapresa: "pensiamo davvero che con il livello di qualità che riusciremo ad ottenere con il tempo in più a disposizione potremo donare maggiore vita ad entrambi i giochi in termini di visibilità sul mercato", e dunque sacrificare il boost di vendite natalizio in favore di una maggiore continuità di mercato fondata sulla qualità intrinseca dei prodotti. D'altra parte, la questione va bene anche a Microsoft, partner principale per il forse-esclusivo Conviction: "abbiamo ancora il pieno supporto da parte di Microsoft perché sanno che se possiamo portare sul mercato un prodotto veramente di alta qualità questo non può che aiutare la loro console".
D'altra, per Natale Ubisoft ha già pronto Assassin's Creed 2, che dovrebbe da solo tenere alta la bandiera di Ubisoft nelle vendite dell'holiday season, sebbene Guillemot su questo non si sia espresso.