Multiplayer.itLa cineteca di Bologna indaga il videogioco 

A un anno dall'inaugurazione del primo Archivio Videoludico italiano, il 28 e il 29 maggio 2010 l'istituzione bolognese propone due giornate dedicate al videogioco e alle sue relazioni con gli altri media

L'Archivio Videoludico della Cineteca di Bologna, il Dipartimento di Discipline della Comunicazione e il Dipartimento di Musica e Spettacolo dell'Università di Bologna, in collaborazione con AESVI (Associazione Editori Software Videoludico Italiana) e con il patrocinio del Consorzio Università - Città di Bologna, promuovono la prima edizione di Far Game. Le frontiere del videogioco tra industria, utenti e ricerca, in programma il 28 e 29 maggio nella Biblioteca Renzo Renzi e al Cinema Lumière della Cineteca di Bologna.

L'iniziativa nasce con l'intenzione di indagare il medium videoludico e si pone come momento di scambio tra esperti della comunicazione, mondo accademico, utenti e industria. Far Game può vantare, infatti, una partnership con alcune delle più importanti aziende produttrici di videogiochi e piattaforme di gioco come Microsoft, Nintendo, Sony Computer Entertainment Italia e Ubisoft, che valorizzeranno con la loro presenza le due giornate di gioco e riflessione.

Far Game ha una doppia anima, ludica e teorica, e prevede: una sezione convegnistica che offrirà una panoramica, all'interno di appositi percorsi teorici, sulle nuove frontiere del medium videoludico; una sezione intrattenitiva, che coinvolgerà il pubblico e gli appassionati attraverso aree di gioco ed eventi. Gli incontri del convegno e gli eventi di intrattenimento sono accessibili liberamente e gratuitamente a un pubblico di appassionati, studiosi e professionisti.

L'Archivio Videoludico della Cineteca di Bologna nasce nel marzo 2009 con il duplice obiettivo di conservare il patrimonio videoludico e di promuovere un percorso culturale e di analisi che testimoni l'importanza culturale e sociale del medium. Per la prima volta in Italia, il videogioco entra all'interno di un'istituzione pubblica e viene affiancato a media tradizionali, primi tra tutti il cinema e la letteratura. Ad aprile 2010 il fondo dell'archivio conta 1800 titoli e 27 piattaforme di gioco.
Ulteriori informazioni sul programma di Far Game saranno disponibili a breve sul sito della Cineteca di Bologna.

TI POTREBBE INTERESSARE