Remedy su Alan Wake: la concorrenza e il potenziale dell'IP  55

Aperture verso il futuro

Nonostante le vendite sul mercato americano, secondo i dati diffusi da NPD per il mese di maggio, non siano state propriamente esaltanti - almeno rispetto alle aspettative - per Alan Wake, Oskari Hakkinen di Remedy ha rivelato a VG247 che il team di sviluppo è comunque soddisfatto e convinto delle potenzialità del gioco.

I dati parlano chiaro: 145.000 copie del thriller per Xbox 360 non sono certo un risultato negativo, ma se si paragonano agli 1,51 milioni di copie di Red Dead Redemption e alle 564.000 unità di Super Mario Galaxy 2, sempre per quanto riguarda il mercato americano a maggio, il dato si ridimensiona in maniera sostanziale.

Hakkinen sostiene che il periodo altamente concorrenziale non ha giovato alle vendite, così come il marketing aggressivo dei concorrenti nella medesima finestra di mercato. In ogni caso, l'"IP ha delle buone gambe" e a quanto pare andrà avanti in qualche modo. Si tratta di un'inversione di tendenza rispetto a poco tempo fa, quando pareva improbabile il prossimo arrivo di nuovi DLC o di un seguito per il gioco. Hakkinen è sembrato ora molto più convinto del potenziale futuro per Alan Wake e dei possibili sviluppi della serie.