Tomb RaiderLara Croft non è un oggetto sessuale, dice Crystal Dynamic 

Meno male che qualcuno se lo ricorda

Crystal Dynamics, nella voce del proprio art director Brian Horton, ha parlato della nuova Lara Croft che vedremo protagonista del prossimo Tomb Raider, da pochissimo rivelato. Horton spiega che naturalmente il personaggio possieda un certo sex appeal, anche perchè un certo livello di attrattiva fa parte del dare al pubblico un personaggio che si abbia voglia di giocare, ma questo non significa che l'azienda desideri che diventi un mero oggetto sessuale. "Non vogliamo enfatizzare la sessualità per amore della sessualità. Parliamo continuamente di contesto e motivazione per questo progetto. Se per qualche ragione abbiamo voluto metterla in una situazione che potrebbe essere attraente, non è per essere attraenti. Lo sarebbe perchè la situazione lo richiede. Lara è un amante dell'archeologia ed il suo cervello è un'altra parte importante del suo sex appeal. E' una ragazza attraente che non vuole giocare con il suo aspetto, ma è incredibilmente intelligente e molto ambiziosa. In definitiva, quello che credo che sarà irresistibile - e che è la nostra versione di sexy - è la durezza attraverso condizioni avvverse. Vederla sopravvivere attraverso questi momenti. Avrà ancora le braccia nude e strappi sui vestiti, ma non perchè qualcosa sia rivelato. E' un modo di dire che attraverso queste situazioni difficili possono emergere bellezza e vulnerabilità. Credo che questo sia piuttosto sexy, a modo nostro. Ci sono diverse sfumature che vogliamo affrontare, ma Lara Croft come oggetto sessuale non è una di quelle".
Guardatela con nuovi occhi.

TI POTREBBE INTERESSARE