L'esercito americano usa il CryEngine 3 per simulare la guerra  111

Un videogioco da 57 milioni di dollari

C'è un sostanzioso progetto di realtà virtuale in corso presso l'esercito USA di questi tempi, basato sull'utilizzo del CryEngine 3: si chiama "Dismounted Soldier Training System (DSTS)" e dovrebbe consentire una ricostruzione accurata e "sicura" di vari scenari di guerra per l'addestramento dei soldati.

"Quello che cerchiamo di fare è fornire alle squadre di fanteria un ottimo livello di sospensione dell'incredulità, e il CryEngine 3 è la miglior tecnologia videoludica sul mercato oggi", ha spiegato Floyd West, direttore dei programmi strategici di Intelligent Decisions, la compagnia incaricata di costruire il simulatore. In pratica, il sistema utilizza il motore Crytek per costruire le ambientazioni, insieme a particolari tecnologie di rilevazione del movimento e visualizzazione.

I soldati avranno degli speciali elmetti con schermo incorporato che consentirà una visione realistica e in stile realtà virtuale dell'ambientazione, mentre si muovono su un sistema a rilevazione di movimento che riproduce i loro movimenti. Ogni soldato è dotato di una sorta di zaino chiamato "man wearable system" che consiste sostanzialmente di una sorta di PC portatile custom sviluppato per l'occasione. In questo modo la fanteria può sperimentare azioni di squadra all'interno di un'ambientazione realistica che ricrea un campo di battaglia, con immersione totale nello scenario e attenzione alla visione periferica. Tutto questo per ben 57 milioni di dollari pubblici.

Fonte: GamePro