PuddleCi vuole un liquido bestiale 

La fisica dei liquidi diventa un videogame grazie a Puddle, disponibile anche su Wii U in formato digitale

Ispirato in modo palese all'eccellente Hydroventure (ecco, rinfrescatevi la memoria), Puddle sbarca anche su Wii U e lo fa assumendosi l'onere di lanciare, insieme a una manciata di altri titoli, l'offerta digitale della nuova console Nintendo su eShop. A chi non conoscesse la produzione targata Neko Entertainment, peraltro già disponibile su Xbox 360, PlayStation 3 e PlayStation Vita, diciamo che si tratta di un puzzle game basato sulla fisica dei liquidi che ci offre una campagna discretamente impegnativa, formata da circa sessanta livelli che prendono corpo all'interno di nove differenti contesti. In ognuno di questi scenari controlliamo un liquido diverso, partendo con la tradizionale acqua per passare poi all'acido, all'olio, persino alla nitroglicerina e al metallo fuso. Ogni liquido vanta caratteristiche uniche in termini di peso specifico, densità e capacità di reagire con gli elementi che si trovano all'interno delle location come il fuoco, le piante o finanche il tratto digerente umano. Ci vuole un liquido bestiale Ciò che abbiamo il compito di fare è "inclinare" lo scenario per consentire al liquido di turno di scivolare, assecondando la forza di gravità, fra superfici e condutture fino a raggiungere l'uscita. Il tutto con il minor grado di dispersione possibile e facendo attenzione a non perdere troppo volume, pena il game over. Per muovere il piano possiamo inclinare il GamePad, ricorrendo dunque all'accelerometro integrato nel controller, oppure utilizzare soluzioni di tipo tradizionale, come lo stick analogico sinistro o i dorsali ZL e ZR. Quest'ultima configurazione si rivela fin da subito la migliore, in quanto molto immediata e sufficientemente precisa (nonostante i tasti dorsali del GamePad siano digitali anziché analogici...), mentre delude il controllo di movimento, decisamente lento nel tradurre in azione le nostre sollecitazioni. La versione Wii U di Puddle vanta però anche un piacevole vantaggio: può essere giocata a TV spenta, in modalità handheld, rendendo ugualmente bene.

L'inno del corpo sciolto

Una volta avviata la partita, veniamo catapultati nell'azione senza fronzoli e con ben pochi incipit. Ci viene sommariamente descritto il tipo di liquido con cui abbiamo a che fare, ma per il resto dovremo capire da noi come procedere e a cosa stare attenti. Il contesto inerziale funziona bene e in più di un'occasione verremo chiamati a far oscillare lo scenario una volta da un lato, una volta dall'altro per ottenere la velocità necessaria per saltare un baratro oppure evitare un oggetto capace di eliminare parte della nostra massa. Ci vuole un liquido bestiale Bisognerà insomma unire decisione e delicatezza, in un gameplay che assume fin da subito i connotati del "trial & error" più spinto, perché è semplicemente impossibile prevedere come si comporterà il liquido in determinate situazioni e dovremo dunque "prendere le misure" alle sezioni più ostiche di ogni livello fino ad azzeccare le mosse giuste e raggiungere l'uscita indenni. Il concept è dunque semplice ma pone dei paletti evidenti chiari ed evidenti all'esperienza, che va vissuta tutta d'un fiato, senza checkpoint a sottolineare il fatto che i percorsi vanno affrontati tutto d'un fiato. Nel caso in cui uno stage ci sembri troppo difficile e frustrante, possiamo scegliere di "piagnucolare" e dunque saltarlo per procedere immediatamente verso quello successivo, ma si tratta di una strategia a cui si può ricorrere in modo molto limitato. Di certo la sfida si fa sentire, anche e soprattutto all'interno di situazioni che si pongono alla stregua di "boss fight" e scandiscono il termine di uno scenario con una sfida da completare entro un tot di secondi.

Acqua lenta

Riprendiamo per un attimo il confronto con il già citato Hydroventure, perché chiunque abbia giocato con il titolo WiiWare di Curve Studios ha ben presente il tipo di gameplay che proponeva, basato sì sulla fisica dei liquidi ma in una maniera decisamente veloce e dinamica. Ebbene, Puddle fa esattamente il contrario e questo, a nostro avviso, è il suo più grande limite. Ci vuole un liquido bestiale I liquidi si muovono troppo lentamente, tanto che in alcuni frangenti sembra quasi di vivere un eterno bullet time e ciò davvero non stimola il coinvolgimento nell'animo di chi magari già di per sé non apprezza più di tanto questo tipo di puzzle game. Il level design in molti frangenti si sposa con questa lentezza, adattandosi a manovre relativamente ragionate, ma rimane il fatto che una maggiore velocità dell'azione e una maggiore reattività dei controlli rispetto all'inclinazione del piano avrebbero senz'altro reso il gioco più accattivante e meno noioso pur nella sua indubbia capacità di porre problemi stuzzicanti. Sul fronte tecnico non ci sono differenze fra la versione Wii U e quanto visto sulle altre console, dunque abbiamo location discretamente dettagliate, qualche idea molto simpatica (vedi il corpo umano passato ai raggi X) e, come detto, l'apprezzabile possibilità di giocare utilizzando il solo schermo del GamePad. Peccato per il sonoro fin troppo essenziale e per i controlli via accelerometro, come detto non abbastanza reattivi per rappresentare una soluzione valida.

Clicca per votare!
6.0

Redazione

6.1

Lettori (8)

Puddle è un puzzle game interessante, capace di offrire una sfida stuzzicante e tutt'altro che banale, pur basando in modo eccessivo il proprio gameplay sul trial & error. Le somiglianze con Hydroventure si limitano fondamentalmente all'idea di partenza, visto che i due titoli prendono strade piuttosto diverse in termini di sviluppo della campagna e, soprattutto, gestiscono la fisica dei liquidi in maniera opposta: nella produzione Curve Studios c'è grande dinamismo e velocità, qui invece una lentezza a volte esasperante e certo lontana dalla realtà di determinate sostanze, a cominciare proprio dall'acqua. Se siete alla ricerca di "qualcosa di diverso" rispetto all'attuale offerta ludica di Wii U, Puddle potrebbe senz'altro rivelarsi un acquisto valido, ma tenendo ben presenti le scelte operate dai suoi autori.

Tommaso Pugliese

Pro

  • Discreto numero di livelli
  • Piuttosto impegnativo
  • Giocabile bene anche a TV spenta

Contro

  • L'azione è troppo, troppo lenta
  • Molto "trial & error"
  • Reattività dei controlli non al top

TI POTREBBE INTERESSARE