Hitman GO: Definitive Edition47, vieni a tavola! 

Dopo aver convinto su mobile, Hitman GO arriva anche su PC, PlayStation 4 e PlayStation Vita

Due anni or sono Hitman GO debuttava sul mercato mobile, vincendo alla grande la scommessa di portare l'Agente 47 in un territorio completamente estraneo alla serie come quello degli strategici in stile board game. Forte di un ottimo successo di pubblico e critica, il prodotto Square Enix si è deciso a fare il grande passo uscendo con la qui presente Definitive Edition su PC, PlayStation 4 e PlayStation Vita: andiamo dunque a scoprire cosa offre questa versione deluxe e soprattutto vediamo se il gioco riesce a esprimere il suo potenziale anche al di fuori dell'ecosistema touch che gli ha dato i natali.

Il gioco funziona alla grande, ma Hitman GO: Definitive Edition è una conversione un po' comoda

Col diorama stai da dio

L'aspetto che solitamente soffre di più nel passaggio di un titolo mobile verso piattaforme dotate di un hardware superiore è quello grafico, ma il caso di Hitman GO rientra a pieno titolo nell'ambito delle eccezioni meritevoli. La felicissima intuizione di rappresentare lo scenario ludico come se fosse la replica di un vero e proprio gioco in scatola ha consentito infatti di esibire un look pulito e "plasticoso" talmente convincente da risultare gradevolissimo e attuale anche a distanza di due anni e su macchine molto più potenti di uno smartphone. 47, vieni a tavola! I vari capitoli che compongono l'avventura hanno le sembianze di confezioni di giochi da tavolo, livelli sono dei diorama a tutti gli effetti con tanto di base in legno e targhetta che ne identifica il numero, e i personaggi sono ridotti a delle lucidissime pedine in plastica: l'effetto finale, pur nella sua semplicità tecnica, è davvero notevole e la cura riposta nella realizzazione dei più piccoli dettagli fa sì che gli stage di Hitman GO appaiano quasi tangibili. L'estetica del prodotto Square Enix si dimostra dunque al tempo stesso essenziale e appagante, due aggettivi che si possono tranquillamente riferire anche al gameplay, tanto intuitivo da non avere nemmeno bisogno di un tutorial ma al tempo stesso capace di coinvolgere l'utente fino ai titoli di coda. L'obiettivo principale di ogni livello è quello di raggiungere il traguardo, muovendo la pedina dell'Agente 47 da una casella all'altra dei tracciati disegnati sul piano di gioco, evitando il contatto frontale con le figurine avversarie ed eventualmente abbattendole giungendo alle loro spalle. Il principale elemento di sfida deriva dal fatto che per ogni mossa effettuata, i nemici compiono a loro volta un'azione determinata dalla loro classe di appartenenza: oltre agli scagnozzi di base che non fanno altro che rimanere fermi sulla loro posizione, troviamo quindi guardie con la giacca gialla che si spostano seguendo un percorso predefinito, quelle armate di coltello che ruotano su sé stesse a ogni turno e così via, per una varietà di situazioni di tutto rispetto che contribuisce a mantenere la struttura ludica fresca per l'intera durata della campagna.

Trofei PlayStation 4

Hitman GO: Definitive Edition conta su 17 trofei, di cui quattro di bronzo, tre d'argento, nove d'oro e uno di platino. Sette si ottengono raggiungendo tutti gli obiettivi dei relativi capitoli, mentre la maggior parte dei rimanenti si sblocca eseguendo determinate azioni di gioco. Da segnalare che uno specifico trofeo richiede di non usare nemmeno un suggerimento per tutta la durata della campagna.

Guarda tutti i trofei

Si può dare di più

Potendo contare su un design sempre ispirato e su un livello di difficoltà che si innalza progressivamente senza tuttavia mai raggiungere vette tali da risultare frustrante, Hitman GO scorre via in maniera decisamente fluida, pur incappando in qualche piccolo incidente di percorso. 47, vieni a tavola! 47, vieni a tavola! L'estrema linearità degli stage (la soluzione è quasi sempre una e una soltanto) potrebbe indispettire gli amanti del pensiero libero a tutti i costi, mentre il sistema di controllo riesce a incartarsi nonostante faccia uso esclusivamente delle frecce direzionali, confondendo gli input in occasione di particolari cambi di inquadratura. Da segnalare poi come questa Definitive Edition sia contraddistinta da una gestione fin troppo libertina dei suggerimenti sui quali è possibile fare affidamento nel caso ci si trovi bloccati in un determinato frangente: laddove nell'originale versione mobile gli aiuti erano limitati e bisognava pagare per ottenerne altri, qui è sufficiente premere un tasto perché il software suggerisca il percorso giusto per completare il livello, con l'unico effetto collaterale di non poter sbloccare uno specifico trofeo. Va da sé che abusare di questa funzione finisce per distruggere letteralmente la longevità di un prodotto che già di suo non era destinato a entrare nel novero degli strategici più duraturi del mondo (una situazione solo relativamente compensata dalla necessità di dover ripetere almeno una volta tutti gli stage per raggiungere tutti gli obiettivi), nonostante questa incarnazione possa contare su tutti i DLC distribuiti in seguito da Square Enix compresi tre capitoli ispirati ad alcuni scenari iconici della serie principale di Hitman. Considerando tutti questi fattori, è lecito storcere un po' il naso di fronte al prezzo al quale viene venduto Hitman GO: Definitive Edition, che effettivamente avrebbe giovato da un po' di impegno in più nel processo di conversione: invece, ci si ritrova con un prodotto che, se da un lato consente di caricare i salvataggi effettuati su un altro dispositivo, dall'altro presenta ancora delle - pur brevissime - schermate di caricamento tra un livello e l'altro che fanno abbastanza sorridere.

Clicca per votare!
7.0

Redazione

8.0

Lettori (2)

Un ottimo titolo mobile deve faticare per ripetersi su altre piattaforme, e Hitman GO: Definitive Edition semplicemente non fa abbastanza per lasciare il segno: pur confermando le sue indubbie qualità dal punto di vista grafico e ludico, questa nuova versione del prodotto Square Enix non offre sensibili migliorie né contenuti esclusivi di valore per giustificare del tutto il suo prezzo oltretutto a due anni di distanza dall'uscita dell'originale. Resta comunque una scelta più che valida per chiunque fosse alla ricerca di un elegante strategico di matrice quasi scacchistica.

Fabio Palmisano

Pro

  • Gameplay sempre molto valido
  • Design davvero curato
  • Visivamente originale e gradevolissimo

Contro

  • Il prezzo è un po' alto
  • Niente di più rispetto al titolo mobile
  • La conversione poteva essere fatta meglio