Ravensword: The Fallen KingL'action RPG portatile definitivo? 

Ispirandosi ai migliori prodotti del genere disponibili per PC e console, Ravensword cerca di portare su App Store il suo carico di azione e avventura.

Ravensword: The Fallen King per iPhone
In digital delivery su None

L'impatto con il nuovo titolo sviluppato da Crescent Moon Games lascia quasi a bocca aperta: ambientazioni dettagliate e convincenti, scrolling fluido e una regia che sembra fare al meglio il proprio mestiere... finché non si perde in una serie di piccole ma fastidiose mancanze: l'inquadratura che sterza bruscamente, l'interfaccia di dialogo dei personaggi che si materializza in modo antiquato, l'animazione del protagonista che lascia ampiamente a desiderare. Particolari che fanno suonare un campanello d'allarme mentre il nostro alter ego si alza dal suo letto, in preda a una misteriosa amnesia, e cerca in giro per il paese qualche quest che possa fruttargli del denaro. L'action RPG portatile definitivo? Allontanarsi nei boschi o spingersi ancora oltre non sarà un problema, del resto la graziosa fanciulla che lo ha ritrovato mezzo morto gli ha anche regalato un amuleto magico in grado di riportarlo a casa in qualsiasi momento. E così ci avventuriamo alla ricerca di ratti giganti da ammazzare e vendere al ristoratore locale (argh!) finché non abbiamo denaro a sufficienza per acquistare un pugnale e poter quindi accedere ad altre missioni. Nel frattempo le minacce si fanno più consistenti, appaiono i primi goblin e dimostrano di essere piuttosto scaltri. Di certo più di noi, che dobbiamo "agganciare" ogni avversario "toccandolo" sullo schermo (operazione che spesso e volentieri funziona male e va ripetuta più volte) e poi cimentarci in una sorta di danza che alterna fendenti e maldestre schivate nell'estremo tentativo di non subire troppi danni mentre eliminiamo un nemico. La risposta alle collisioni non convince più di tanto, rendendo gli scontri troppo "soffici" e privandoci di gran parte della soddisfazione che può scaturire da una vittoria.

Foreste tutt'altro che incantate

L'esplorazione è un elemento centrale in Ravensword: The Fallen King, del resto dobbiamo girare all'interno di tutte le location per incontrare avversari, sconfiggerli, livellare il personaggio ed eventualmente raccogliere nuove armi e oggetti. L'effetto "nebbia" che contraddistingue quasi tutti gli scenari, però, non è d'aiuto e finisce per togliere gran parte del fascino ai luoghi virtuali disegnati per l'occasione. L'action RPG portatile definitivo? La gestione dell'equipaggiamento e delle abilità è piuttosto semplicistica: sebbene l'inventario sia organizzato in modo tale da rendere la compravendita dei vari beni rapida e immediata, le armi e le armature non sono accompagnate da descrizioni o valori numerici che ne illustrino la qualità, imponendoci ogni volta una prova sul campo. Il level-up, inoltre, è completamente automatico e non possiamo fare in modo di sviluppare un'abilità piuttosto che un'altra. Bisogna inoltre tenere presente che i numeri che contraddistinguono il gioco sono tutt'altro che esorbitanti per quanto concerne armi ed equipaggiamento. Un confronto con il recente Dungeon Hunter di Gameloft, in tal senso, è impietoso: l'action RPG della casa francese vanta decine e decine di armi, armature, vestiti e oggetti che possono selezionati in assoluta libertà e assegnati al personaggio. Dal punto di vista dei combattimenti, entrambi i titoli soffrono delle stesse mancanze: la fase di attacco e quella di difesa sono completamente sbilanciate, rendendo gli scontri troppo semplicistici e privi di spessore. Tecnicamente, il prodotto pubblicato da Chillingo si difende bene dal punto di vista della varietà e del dettaglio, ma soffre per via di alcune soluzioni discutibili applicate al design generale e alle animazioni. Il comparto sonoro svolge il proprio lavoro senza particolari acuti, con effetti di buona qualità e un accompagnamento musicale ridotto all'osso.

La versione testata è la 1.0
Link App Store

Clicca per votare!
7.0

Redazione

6.7

Lettori (10)

Ravensword: The Fallen King è un titolo che gli appassionati di RPG dovrebbero senz'altro provare, vista la penuria di alternative su iPhone e iPod Touch, ma che alterna una struttura solida e di spessore a soluzioni semplicistiche e discutibili. Alcuni aspetti della realizzazione tecnica stupiscono per la loro qualità, altri lasciano molto a desiderare. Allo stesso modo, il sistema di controllo che supporta in modo discreto l'esplorazione finisce per metterci i bastoni fra le ruote quando arriva il momento di combattere. E ancora il gran numero di quest disponibili si scontra con lo scarso numero di oggetti e armi che possiamo utilizzare, e che insieme al livellamento automatico delle abilità completano il quadro di un prodotto per molti versi non ancora maturo. Ravensworld ha sicuramente delle potenzialità e ha l'indubbio merito di proporre sulla piattaforma Apple qualcosa di ancora inedito, in conclusione, ma per un prezzo di 5,49 euro era lecito aspettarsi di più.

Tommaso Pugliese

Pro

  • Un gran numero di quest
  • Storia non originale ma interessante
  • Scenari dettagliati e convincenti...

Contro

  • ...peccato per l'effetto "nebbia"
  • Sistema di combattimento mediocre
  • Equipaggiamento scarso e poco curato

TI POTREBBE INTERESSARE