8.5

Redazione

9.0

Lettori (471)


  • 494
  • 11
  • 566
  • 206

Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2La nuova tecnica suprema di Naruto 81

Il sequel firmato CyberConnect 2 torna a farci vestire i panni di Naruto, questa volta cresciuto. Scopriamo insieme cosa ci aspetta in questo promettente picchiaduro travestito da adventure.

Versione testata: Xbox 360

E' essenziale aprire la recensione di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 con un'affermazione tanto forte quanto difficile da smentire. Se siete dei veri fan del manga di Naruto o dell'anime, insomma più in generale della meravigliosa e trascinante storia sceneggiata e disegnata da Masashi Kishimoto, questo è un gioco che non dovete farvi scappare. Potete tranquillamente chiudere la pagina dell'articolo, andare in negozio, acquistare il gioco e lasciarvi trasportare da quella che è probabilmente la migliore trasposizione videoludica del degno erede di Dragon Ball. Chi scrive garantisce che non ve ne pentirete. La nuova tecnica suprema di Naruto Se invece di Naruto avete solo sentito parlare, ma quanto visto fino ad oggi del gioco tra immagini e filmati vari vi ha stuzzicato, allora quanto segue potrà dissipare i vostri dubbi visto che Ultimate Ninja Storm 2 rimane comunque un buon picchiaduro con un interessante impianto single player a metà strada tra un adventure esplorativo e un action denso di storie narrate, il tutto condito da un minimale approccio ruolistico. Certo i difetti non mancano e anzi talvolta riescono a essere piuttosto fastidiosi, ma il divertimento è sempre presente e il fascino del manga su cui è basato il videogioco trasuda da ogni singola schermata risultando ben sintetizzato e abbastanza comprensibile anche da chi non l'ha mai letto. Ma è tempo di vedere nel dettaglio cos'è Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2.

Un dolore inevitabile

La trama del gioco si sviluppa attraverso sei capitoli, un prologo e un epilogo e si innesta esattamente all'inizio della serie Shippuden, la cosiddetta seconda stagione di Naruto che vede i giovani Chunin e Jonin ormai cresciuti e l'omonimo protagonista della serie tornare al villaggio della foglia dopo l'allenamento col maestro Jiraya. La storia si sviluppa quindi attraverso la scoperta dell'organizzazione Alba, del loro obiettivo di cattura delle forze portanti fino ad arrivare al devastante attacco di Pain al villaggio nativo del ninja biondo. In parallelo assisteremo anche all'evoluzione combattiva di Sasuke, alla formazione del team Hebi e al suo tragico e intenso scontro con il fratello Itachi. E' proprio qui una delle peculiarità di Ultimate Ninja Storm 2: nelle 18 ore circa che abbiamo impiegato a completarlo (senza spingere eccessivamente sul fronte degli obiettivi secondari) ci siamo ritrovati a comandare un numero piuttosto elevato di ninja. Non vestiremo infatti soltanto i panni di Naruto, ma anzi oltre ai capitoli dedicati a Sasuke e a Jiraya, ci ritroveremo a girovagare nel mondo di gioco controllando Sakura, Gai, Yamato, Gaara, Shikamaru e diversi altri ancora. Se non si fosse ancora capito infatti, il lavoro prodotto da Namco Bandai è sì un picchiaduro a incontri ma innestato all'interno di una campagna single player che a tutti gli effetti si sviluppa come un adventure. Nel corso dei capitoli il mondo visitabile si andrà a ingrandire facendoci attraversare non solo il villaggio della foglia, ma anche quello della sabbia e della pioggia, il covo di Orochimaru e quello del clan degli Uchiha. Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 - Trailer di presentazione Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 - Trailer di presentazione Il tutto attraverso delle schermate fisse e con telecamera automatica nella maggior parte dei casi (anche se non mancano alcune aree più estese dove la camera può essere spostata o si posiziona alle spalle del protagonista) al cui interno possiamo muovere liberamente il ninja e il suo team. Queste schermate sono ben caratterizzate e, specie all'interno dei villaggi, popolate da numerosi personaggi con cui si può interagire per chiacchierare, ricevere missioni principali e secondarie. Ma non solo visto che sarà soprattutto possibile raccogliere numerosi materiali esaminando i vari elementi dello scenario. Questi serviranno a sbloccare delle ricette nei negozi dei villaggi, così da renderne acquistabili i prodotti creati. Una parte predominante di Ultimate Ninja Storm 2 è infatti rappresentata dai numerosi oggetti acquistabili spendendo i Ryo, la moneta del mondo di Naruto che può essere guadagnata vincendo gli incontri e svolgendo le missioni e che si dividono fondamentalmente in due tipologie. Da un lato abbiamo gli attrezzi ninja che possono essere utilizzati all'interno degli scontri tramite la pressione delle quattro direzioni della croce digitale (interamente personalizzabile prima della battaglia); dall'altro abbiamo i bento che devono essere utilizzati prima del combattimento per avere accesso a un nutrito numero di bonus per il proprio team. Purtroppo però la componente adventure del gioco non funziona alla perfezione. Da un lato il dover navigare attraverso schermate fisse può diventare alla lunga un poco noioso, specie quando ci ritroveremo per l'ennesima volta ad attraversare i medesimi scenari. E' presente una mappa del mondo di gioco e, a nostro parere, sarebbe stata una buona aggiunta offrire al giocatore la possibilità di spostarsi rapidamente attraverso le locazioni più importanti. A questo problema secondario si aggiungono i numerosissimi e a volte anche piuttosto lunghi caricamenti che affliggono il titolo e che spezzano in modo eccessivo lo scorrere dell'esplorazione. Infine le missioni secondarie (denominate richieste) mostrano sì un minimo di varietà ma tendono comunque a risolversi in operazioni di mera raccolta di una qualche risorsa o in scontri di difficoltà crescente. La nuova tecnica suprema di Naruto

Kage Bunshin no Jutsu!

Ma arriviamo al fulcro di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2, ovvero la componente picchiaduro. Sulla falsariga del prequel e più in generale di tutti i beat-em'up d'estrazione manga, i combattimenti sono estremamente focalizzati sulla spettacolarizzazione dell'azione piuttosto che sul bilanciamento dei combattenti o sull'aspetto tecnico di mosse e combo. I comandi sono infatti ridotti all'osso: i grilletti servono a parare o a effettuare la tecnica della sostituzione se premuti con perfetto tempismo rispetto all'attacco dell'avversario; con i due dorsali si possono chiamare, quando disponibili, i due differenti compagni di squadra; con il d-pad come già spiegato poco sopra, si possono richiamare gli attrezzi di ninja. La nuova tecnica suprema di Naruto Infine le combinazioni dei tasti frontali determinano gli attacchi veri e propri: con A si salta, con X si utilizzano le armi da lancio, con Y si può ricaricare il chakra o attivarlo e infine con B si effettuano gli attacchi e le varie combo in associazione con l'analogico. In particolare dove si sviluppa la profondità del combattimento è nella combinazione tra l'attivazione del chakra e gli altri colpi: premendo ad esempio Y seguito da X sarà possibile caricare di energia spirituale l'arma di lancio, mentre premendo A dopo aver attivato il chakra il protagonista si avvicinerà a grande velocità al nemico, evitando i suoi attacchi. Ma è ovviamente dalla combinazione tra chakra e attacco che vengono fuori i veri colpi di Ultimate Ninja Storm 2, ovvero le tecniche. Queste saranno di tre tipi: semplici, supreme e di squadra e ogni volta daranno il via a splendide sequenze animate che restituiscono tutto il feeling dell'universo di Naruto. Inoltre durante alcuni combattimenti cruciali per la trama, si attiveranno le tipiche scene da anime gestibili tramite quick time event. Qui tutta l'epicità della produzione Namco Bandai non potrà che esaltare i fan del manga anche grazie ad alcuni piccoli premi (denominati fattori segreti) che si attivano completando nel migliore dei modi queste sequenze e che portano alla visualizzazione di piccoli stralci dell'anime originale. E' giusto però spendere qualche parola aggiuntiva sulla gestione del team. In pratica per buona parte dell'avventura sarete accompagnati da altri ninja che entreranno a far parte della vostra squadra. La nuova tecnica suprema di Naruto Fino alla fine del gioco non avrete mai possibilità di scelta su di loro, vi saranno imposti dalla trama e le conseguenze si materializzano durante la fase di combattimento. In pratica ogni ninja di supporto ha un'affinità (attacco, difesa, equilibrio) che determina il tipo di tecnica utilizzata quando viene richiamato sul campo con la pressione dei dorsali e vi obbligherà quindi ad avere un minimo di gestione tattica, visto che deve passare del tempo prima di poterlo chiamare di nuovo. Inoltre con questa operazione verrà caricata una speciale barra squadra che, una volta massimizzata, permetterà l'attivazione di una tecnica suprema inedita, di potere devastante e di grande coreografia. Infine, ad aggiungere un ulteriore strato di varietà alla fase beat-em'up, ogni ninja in determinate situazioni di bassa salute può attivare un risveglio o una trasformazione: per un periodo di tempo limitato avrà quindi accesso ad attacchi più rapidi e potenti e sarà più resistente ai colpi del nemico con anche modifiche sulle tecniche utilizzabili.

Il multiplayer

Al di fuori della modalità avventura che rappresenta l'ossatura del single player, Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 offre due opzioni multiplayer. C'è il classico scontro 1 vs 1 da fare in locale contro il computer o un altro giocatore oppure l'accesso al multigiocatore tramite Xbox Live e PlayStation Network. In questo caso sarà possibile creare o partecipare a partite classificate o meno così da guadagnare punti e tentare la lunghissima scalata alla vetta. Purtroppo, o per fortuna a seconda dei vostri gusti in fatto di picchiaduro, il roster dei personaggi sarà direttamente legato alla campagna in singolo: all'inizio potrete scegliere tra un numero veramente ridotto di combattenti e per sbloccare tutti e 46 i ninja presenti, dovrete aver prima completato il gioco. Inoltre alcuni sfidanti tenderanno ad evolversi nel corso dell'avventura permettendo così di accedere a versioni potenziate dello stesso personaggio. L'esempio classico è Naruto che passerà dal ninja che utilizza il rasengan semplice fino ad avere accesso alle più profonde tecniche eremitiche. E' inoltre presente un minimo di personalizzazione del proprio profilo: sarà infatti possibile attribuirsi un titolo (ce ne sono moltissimi sbloccabili accumulando i cosiddetti Storm Point nel corso dell'avventura o effettuando combo particolari durante gli incontri) e scegliere una carta-ninja che funge da immagine. Queste ultime potranno essere acquistate in un particolare negozio nel villaggio della foglia.

Obiettivi Xbox 360

Ultimate Ninja Storm 2 offre 50 obiettivi per i consueti 1000 punti totali. Non ce ne sono di segreti e completando l'intera avventura single player con un minimo di approfondimento si riesce a sbloccarne poco meno della metà per circa 400 punti. Il resto riguarda in minima parte la componente multigiocatore e in maggioranza l'alto numero di collezionabili tra missioni secondarie, oggetti acquistabili e titoli sbloccabili.

Meglio il manga, l’anime o il videogioco?

Tecnicamente Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 può lasciare spiazzati al primo colpo d'occhio. Il gioco unisce infatti modelli ed elementi di scenario interamente in 3D ben animati e discretamente curati in termini di dettaglio, a fondali per buona parte bidimensionali disegnati a mano anche loro con una scelta stilistica particolarmente piacevole. E' l'unione dei due elementi, complice anche un cel shading ben evidente, a stonare di primo acchito: vedere queste piccole pianticelle esaminabili o il mucchietto di terra con cui si può interagire, così fortemente staccati dal resto dello scenario può non piacere a tutti. Inoltre non è possibile non notare un aliasing piuttosto marcato sui personaggi e una certa staticità e pochezza delle scene che compongono la parte avventura. La nuova tecnica suprema di Naruto Tutto un altro discorso invece per le arene di combattimento sempre ben disegnate e di interessante varietà: qui i combattenti spiccano per qualità e la coreografia della battaglia, il costante passaggio tra sequenze più o meno interattive e più in generale tutta l'atmosfera del fumetto, contribuiscono a restituire un feeling veramente piacevole ed estremamente dinamico. Degna di nota anche la colonna sonora che riprende in parte lo stile dell'anime ed è ricca di ottime musiche orchestrate in grado di sottolineare con forza i momenti di maggiore pathos, specie quelli tragici. Il doppiaggio è in inglese o in giapponese (assolutamente consigliato se siete dei veri amanti del fumetto e anche per aggirare la mancanza di sincronia del labiale che affligge il parlato anglosassone), mentre i sottotitoli sono realizzati in un buonissimo italiano che rispetta le traduzioni del manga. Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 - Videorecensione Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 - Videorecensione

Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2 è sicuramente il migliore gioco dedicato al ninja biondo apparso sulle piattaforme della generazione in corso e rappresenta anche soltanto per questo un acquisto assolutamente obbligato per tutti i fan della serie. Ha tuttavia diverse magagne e difetti di forma che, se possono tranquillamente essere superati dagli appassionati, tendono a minarne in parte l'appetibilità per chi non vive di pane e Naruto. Ma soltanto in parte perchè quello che rimane è comunque un buon picchiaduro, estremamente piacevole da guardare per la sua intensità coreografica e accompagnato da un'avventura single player forte di una trama in grado di coinvolgere da subito il giocatore facendolo diventare parte integrante di una storia molto affascinante.

Pierpaolo Greco

Pro

  • L'avventura single player è lunga, densa e appassionante
  • Grande varietà di situazioni tanto nei combattimenti quanto nella missione principale
  • Gli scontri sono tecnicamente molto curati e hanno una resa artistica indiscutibile...

Contro

  • ...tuttavia la sezione adventure non spicca per qualità grafica
  • Troppe volte si ritorna sui propri passi e la mancanza di spostamenti veloci si fa sentire
  • I caricamenti sono troppi ed eccessivamente lunghi