Driver 2Driver 2 

Inseguimenti in auto, malavita organizzata ed un tuffo nell'America degli anni '70. Ebbene si, Tanner è di nuovo fra noi! Dopo aver spopolato come uno dei migliori giochi del 1999 su Playstation, Driver ritorna in Italia con il suo seguito, che non poteva chiamarsi altro che Driver 2...

Driver 2 Driver 2

Cosa c'è di nuovo?

Due sono sicuramente le eclatanti novità di questo sequel: innanzitutto la graditissima implementazione di modalità di gioco a due in spit- screen, che era assente e limitava la giocabilità del primo titolo. Si parte dal semplice "fatti una corsa", per poi passare al più adrenalinico "guardie e ladri" in cui si può sfidare un amico inseguendolo mentre lui interpreta l'auto del fuggitivo e noi quella della polizia, o viceversa. Per quanto riguarda le altre due modalità, sono comunque divertenti, ma servono più che altro a migliorare il proprio stile di guida. La seconda inedita novità è quella di poter comandare Tunner al di fuori della macchina e di poterci così appropriare di altri veicoli in qualunque momento. L'utilità di questa nuova caratteristica, oltre a quella, ovvia, di allungare le nostre speranze di completamento di una missione (macchina distrutta,scendete e cambiate auto) è quella di dare varietà ad esse; infatti ora il 10% circa del gioco dovrà essere svolto a piedi.

Driver 2 Driver 2

E di vecchio?

Per il resto tutto il gioco si articola come il prequel in varie missioni da completare, collegate fra loro da molti FMV di buona fattura che narrano una trama degna dei migliori gangster movie. Ancora una volta dovremo infatti aiutare Tunner a ristabilire l'equilibrio nella vita criminale di città quali Rio De Janeiro, Havana, Las Vegas e Chicago (con Newcastle, città sede dei Reflections, inclusa come bonus), tutte meticolosamente ricostruite al computer. A parte il miglioramento già descritto di poterci impossessare di altri mezzi presenti in strada, possiamo notare che il traffico nelle città è molto più elevato rispetto a prima e sono finalmente comparse anche le curve, assenti nell'episodio precedente.

Driver 2 Driver 2

I bachi di Driver 2

Ma proprio nelle missioni iniziano ad uscire allo scoperto i più grossi difetti di questo gioco; sembra infatti che i Reflections non abbiano avuto tempo per eliminare i vari bugs che ci assillano nello svolgerle. Il problema principale risiede nel motore grafico, poco fluido, fatica enormemente a stare dietro al dettaglio presente su schermo, e in situazioni di carico del processore tende a calare paurosamente il frame-rate fino a farci assistere a degli scatti che si trasformano anche in non rari blocchi. A questo non trascurabile difetto si aggiungono poi altri problemi, come lo spegnimento della modalità analogica del Dual-Shock fra una missione e l'altra; la scarsissima manovrabilità di Tunner al di fuori della vettura; una certa lentezza nei caricamenti. Tutto ciò fa scendere ripidamente l'ottimo livello di gameplay presente nel gioco, che comunque è maggiore che nel primo episodio, anche grazie alla presenza di una buona trama, di un'apprezzabile varietà degli obiettivi, e dell'elevato numero di missioni (40 in tutto). In esse l'intelligenza artificiale sembra migliorata, anche se la difficoltà nel portarle a termine è rimasta pressochè la stessa. Infine, per quanto riguarda il sonoro, anche qui come nel primo Driver, sono presenti musiche adrenaliniche al punto giusto. Il parlato dei protagonisti, in italiano come del resto ogni parte del gioco, si mantiene su buoni livelli di traduzione.

Driver 2 Driver 2

Psone vs PS2

Cosa dire quindi di questo ambiguo Driver 2? Sicuramente è stata la realizzazione tecnica affrettata ad incidere in maniera negativa su di un gameplay davvero notevole. Per questo il consiglio è quello di prendere in seria considerazione questo gioco soprattutto se pensate di comprare al più presto la Playstation 2 ,visto che provandolo sul nuovo hardware Sony i rallentamenti spariscono quasi del tutto e le textures migliorano di colpo, facendolo ritornare un capolavoro di giocabilità. 9

Squadra vincente non si cambia

Benchè Driver fosse stato accolto dalle ovazioni della critica e da un ottimo riscontro di vendite, non per questo era esente da alcune lacune, non tanto e non solo nel gameplay, quanto nella realizzazione tecnica; consci di ciò Edmonson ed i suoi soci (i Reflections) hanno rivisto alcuni aspetti che per motivi di tempo erano stati poco considerati durante lo sviluppo dell'opera originaria. Ma se in certi punti questo tanto atteso seguito è riuscito davvero a migliorarsi, ce ne sono purtoppo molti altri peggiorati che pesano abbondantemente in maniera negativa sul giudizio globale di questo gioco. Ma andiamo per ordine.