S.V.

Redazione

8.2

Lettori (3)


  • 13
  • 0
  • 30
  • 0

Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'AnelloIl Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello 0

Esce a pochi mesi dal concorrente targato EA il videogioco basato sul primo libro della famosa trilogia del Signore degli Anelli. Avventura ben riuscita o ennesimo tie-in sviluppato con il solo scopo di calvacare l’onda del successo dell’omonimo film?

Un Anello per Narrarli...

La prima cosa che salta subito all’occhio del giocatore è il diverso approccio che Surreal Software ha scelto per lo sviluppo della trama. Se Le Due Torri riprendeva palesemente il film, inframezzando le parti giocate con spezzoni della pellicola, questo titolo è invece una riproposizione abbastanza fedele del libro, dato che Vivendi e Electronic Arts hanno acquistato i diritti, rispettivamente, dell'opera letteraria e della triologia diretta da Peter Jackson. Ne consegue che ritroviamo alcuni personaggi e situazioni che per ovvie ragioni sono state eliminate nel film, come il simpatico Tom Bombadil e la nebbiosa Tumulilande, oppure alcuni eventi accaduti in maniera un po’ diversa rispetto alla pellicola, dove il regista si è preso alcune libertà di troppo, come la mancanza del combattimento tra Saruman e Gandalf, nel libro solo accennato, oppure la fuga di Frodo dai Cavalieri Neri, dove manca totalmente il personaggio di Arwen, che apparirà solamente una volta arrivati al palazzo di Elrond.

Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello

Un Anello per giocarli…

Dopo aver selezionato una nuova partita, difatto l’unica modalità di gioco disponibile, si viene direttamente catapultati nella casa di Frodo. Subito vi verrà chiesto di compiere alcuni quest, in particolare recuperare degli oggetti e recarvi in determinati luoghi. Parte della struttura di gioco si basa essenzialmente su questo, ovvero portare a termine le varie missioni che di volta in volta vi vengono affidate dagli NPC che troverete nel corso dell’avventura. Data l’estrema linearità del gameplay capiterà di rado che vi perdiate per strada una o l’altra missione, poiché l’intero gioco si risolve essenzialmente in una successione di accetta missione/esegui missione/vai alla missione successiva. Il sistema di combattimento si rivela molto semplice, forse anche troppo: un tasto per colpire, uno per saltare e uno per usare una specifica arma presa dall’inventario. A causa del basso numero di azioni effettuabili, i combattimenti tendono a risultare poco vari, ma non è un grave problema dato che a varietà di mosse i nemici non sono da meno. A Frodo inoltre è data la possibilità di usare l’Anello magico di Sauron, un oggetto che gli permette di rendersi invisibile per un breve periodo corrispondente ad una specifica barra, esauritasi la quale morirete all’istante. Successivamente vi verrà data anche la possibilità di controllare Aragorn e Gandalf. Mentre il primo possiede mosse più varie e la possibilità di lanciare freccie, Gandalf può utlizzare magie di offesa e di difesa; in entrambi i casi comunque il sistema di controllo varia leggermente rispetto a quando userete Frodo. Rimane comunque il rammarico di non poter utilizzare Legolas e Gimli, ma tant’è… Il sistema di controllo in generale risulta abbastanza preciso, rispondendo tempestivamente nel caso dobbiate improvvisamente attaccare un avversario alle vostre spalle, magari mentre siete già impegnati a fronteggiarne uno di fronte. L’unico dubbio riguarda l’ imprecisione delle armi da lancio, problema che vi porterà a preferire lo scontro corpo a corpo rispetto quello a distanza.
Inizialmente l'avventura vi mette al comando del solo Frodo, ma il vostro peregrinare da soli durerà comunque poco, dato che fin quasi da subito verrete affiancati da Merry, Pipino e Sam Gangee, in grado di darvi una mano anche nei combattimenti. L’idea potrebbe risultare buona se non fosse per il fatto che i vostri “aiutanti” sono privi di una barra energetica, offrendo al giocatore la possibilità di starsene tranquillamente con le mani in mano aspettando che gli altri facciano il lavoro per lui; tra l’altro combattere contro gli avversari non offre nemmeno nessuna gratifica, poiché le abilità del vostro alter ego si mantengono costanti per tutta l'avventura: niente level-up, niente aumento di barra energetica, niente skill da imparare, niente di niente. Detto questo è facile capire come i combattimenti non siano per nulla incentivati. Deludenti anche gli scontri contro i boss: quest’ultimi non rappresentano mai un problema, dato che ognuno di loro è dotato di un particolare punto debole che ne permette l'uccisione con una facilità disarmante.

Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello

Un Anello per guardarli…

Uno dei pregi di questo titolo è l’atmosfera che riesce a conferire al giocatore durante le fasi esplorative. Le location dove vagherete sono ben realizzate rendendo perfettamente un mondo, quello della Terra di Mezzo, fatto di estese vallate, piccoli villaggi, foreste,rovine, grotte,castelli e quant’altro. La foresta dove incontrerete Bombadil è incantevole (tra l’altro è capace di svelare/nascondere passaggi al giocatore rendendo ancora di più il senso di smarrimento dei vostri), così come le vallate ai confini di Brea, e le grotte di Moria con le sue immense strutture. I livelli sono enormi, tuttavia non vi capiterà mai di perdervi poiché i bivi si riducono a uno o due e quasi sempre riportano sulla strada principale. Unico difetto, la loro staticità. La Contea degli Hobbit risulta ben fatta, ma duole notare come non sia possibile addentrarsi nelle case dei vicini o interagire con i piccoli oggetti sparsi per il paesello. Stesso discorso vale per tutti gli altri luoghi, come la locanda di Brea o le caverne di Moria, fin troppo “ferme” nella loro bellezza. Il motore grafico fa il suo dovere mostrando un elevata estensione del campo visivo senza rallentamenti di sorta. I personaggi sono animati egregiamente anche se persistono problemi per quanto riguarda il rilevamento di alcune collisioni e qualche frame d’ animazione che viene a mancare nelle fasi più concitate. Buone le texture anche se non troppo varie a dire il vero,così come i modelli poligonali e le routine d’ illuminazione. L’unico elemento a fare le bizze nel comparto grafico è la telecamera virtuale. Capita spesso che la telecamera si allinei tardivamente ad ogni svolta impartita dal giocatore,in generale è necessario ridirezionarla manualmente ogni volta con l’analogico destro. Inoltre soffre di uno strano problema non appena si utilizza la visuale in soggettiva: poniamo che il vostro personaggio sia rivolto a nord e improvvisamente si giri puntando verso di voi, se il giocatore a questo punto prova ad utlizzare la visuale in soggettiva,beh, la visuale punterà ancora a nord perché è quella l’ultima posizione della telecamera in “memoria”. Sarà necessario dunque farla girare di 180° per risolvere il problema.Too bad.

Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello

…e nel buio giudicarli.

Nel comparto sonoro il titolo Surreal Software se la cava più che bene. La qualità della colonna sonora è altalenante ma riesce comunque nell’intento di essere evocativa e di contribuire all’atmosfera del titolo. Il doppiaggio invece, pur risultando ottimo, tende ad essere molto “slegato” da frase a frase come se i doppiatori non si rendessero conto di quale sarebbe stata la sequenza esatta dei dialoghi uno volta terminato lo sviluppo del gioco. A stonare invece sono i lunghi caricamenti tra una sezione e l’altra; considerando che il gioco riesce a caricare on the fly intere sezioni di un livello, non si capisce come ci sia bisogno di caricare ogni volta parti di gioco che potevano essere accorpate benissimo tra di loro. Per quanto riguarda la meccanica di gioco, La Compagnia dell’Anello soffre della sua fin troppa semplicità. Abituati oggi come oggi ad avventure ultracomplesse, non possiamo accettare che vengano sviluppati titoli dove non sia permesso di comprare oggetti, aumentare i propri parametri tramite le battaglie,imparare nuove mosse e quant’altro. Il gioco si risolve in una successioni di combattimenti su combattimenti e questo alla lunga può stancare, inoltre le missioni che ci vengono affidate,oltre che essere pochine, sono di una banalità mostruosa per non parlare degli enigmi,addirittura completamente assenti. Il titolo si rivela essere tutt’altro che difficile oltre che essere abbastanza corto e cosa peggiore non presenta modalità di gioco aggiuntive oltre a quella principale. Detto in parole povere, una volta terminato lo lascerete a prendere la polvere sullo scaffale. Un ultima nota: il gioco in se non presenta bug di sorta, le uniche falle che portavano al blocco completo nella versione USA sono state fortunatamente corrette nella versione Pal del gioco.

Commento

E’ difficile esprimere un giudizio su questo titolo. Paragonato alla complessità dei titoli odierni, La Compagnia dell’Anello non può che uscire dal confronto con la coda fra le gambe, tuttavia il giudizio finale non può essere troppo negativo. La Surreal Software ha puntato basso, così facendo ha sì realizzato un titolo di bassa caratura ma per lo meno ha centrato appieno il suo obbiettivo. Magari, data la sua estrema linearità, avrebbe avuto più senso indirizzare il titolo verso un target ben preciso, quello dei giovani anziché proporlo a tutti i videoplayers. Insomma, se cercate un passatempo che vi possa divertire per qualche oretta in maniera spensierata, magari fateci un pensierino, o perché no , in fondo potrebbe essere un valido regalo per il vostro fratellino/cuginetto. Gli altri invece guardino altrove, il settore degli adventure per PS2 ha ben altro da offrire.

PRO:
+Ambientazioni ampie e d’atmosfera
+Trama molto fedele al libro di Tolkien

CONTRO:
-Meccanica di gioco fin troppo semplice
-Pessima gestione della telecamera virtuale
-Una volta finito non lo rigiocherete più

A seguito del successo del primo film della trilogia del Signore degli Anelli, diretto da Peter Jackson, era lecito aspettarsi l’arrivo di videogiochi ad esso ispirati, ed è bastato poco tempo infatti perché ci trovassimo di fronte a due tie-in basati sulle avventure di Frodo, Aragorn, Gandalf e compagni. A differenza del gioco EA, basato prevalentemente sul secondo libro della serie, il titolo Surreal Software punta i riflettori sull’episodio iniziale, La Compagnia dell’Anello appunto. Diverso è anche il genere; se nel primo caso ci siamo trovati di fronte ad uno slash’em up, nel secondo siamo chiamati ad affrontare un’avventura classica in terza persona, in cui guideremo la Compagnia nel viaggio verso il Monte Fato con scopo di distruggere l’anello malefico di Sauron.