Mashed Fully Loaded  0

Tornano le battaglie automobilistiche di Mashed, anche questa volta sarà il divertimento la chiave del suo successo?

Che lo scontro abbia inizio!

Come già accennato, Mashed Fully Loaded non ha la struttura del canonico gioco automobilistico, si basa invece su qualcosa di diverso, l’obiettivo infatti non è solo quello di vincere le gare arrivando primi in un circuito, ma anche quello di guadagnare dei punti. I punti si acquisiscono ogni qualvolta si riesce a seminare gli avversari, questo è possibile farlo in diversi modi: ad esempio mandandoli fuori strada, utilizzando armi per rallentarli, o semplicemente guidando il più velocemente possibile. Se riuscirete a creare una certa distanza dalle vetture nemiche, allora guadagnerete un punto, se invece sarete stati voi ad essere seminati dagli avversari, ve ne verrà sottratto uno; la vittoria andrà a chi per primo totalizzerà otto punti. La telecamera di gioco ha un ruolo molto importante in questa struttura a punti, e per questo motivo non è fissa dietro la nostra vettura come nei soliti racing game, ma è variabile a seconda delle situazioni di gioco. Si parte con un normale visuale posteriore da vicino, e man mano che le vetture si allontanano una dall’altra, la telecamera si sposta sempre più verso l’alto in modo da tenerle sempre tutte sullo schermo. Quando una auto viene portata fuori dal raggio d’azione della telecamera, questa viene considerata “seminata”, il gioco si blocca e vengono assegnati i punti, dopodichè si riparte fino a che qualche altro non viene seminato. Quando la telecamera è in modalità volo di uccello, non segue perfettamente la pista, ma è semi-fissa: ad esempio quando si effettua una curva, la telecamera non si porta subito alle spalle dell’autovettura, ma rimane ferma per un po’ e solo dopo qualche istante essa si riporta dietro l’autovettura. Il feeling di guida risulta quindi diverso dal solito, sembra appunto di guidare una macchina telecomandata dall’esterno (come accadeva in Micromachines, anche se qui la visuale era proprio fissa), invece che una reale dal suo interno. Anche la fisica delle auto contribuisce a rafforzare questo feeling, le sterzate sono infatti molto semplici da effettuare grazie al sovrasterzo molto accentuato, e nel caso di curve ad U molto strette si potrà fare uso anche del freno a mano. Sul ghiaccio le cose però si complicano notevolmente, la automobili slittano eccessivamente e curvare è un’ardua impresa, e solo con l’uso sapiente del freno è possibile rimanere in carreggiata. Mashed FL non si basa solamente sulle gare a punteggio, bensì ci sono altre modalità di gioco, tra cui la classica corsa a chi completa per primo un tot di giri, un inseguimento (che consiste nel raggiungere un fuggitivo prima che completi 3 giri di pista), e una gara a tempo. La cosa che rende questo gioco più divertente è la possibilità di utilizzare delle armi per rallentare, e in alcuni casi eliminare totalmente, le macchine avversarie. Anche se non ce ne sono molte (saranno in tutto meno di dieci), le armi aggiungono un tocco in più alla solita e noiosa gara tradizionale; con l’utilizzo di missili, mine, bombe, mitragliatori, le cose si fanno decisamente più interessanti.

In single o in multi?

La meccanica di Mashed FL è stata resa molto semplice per permettere anche ai giocatori meno esperti di prendere il pad ed entrare subito nello spirito del gioco. I controlli sono facili da apprendere e i tracciati non sono eccessivamente complessi e lunghi da doverli imparare a memoria per avere qualche chance di vincere, ma nemmeno esageratamente banali da sembrare tutti uguali. La giocabilità è ottima, la frenesia rende l’azione di gioco entusiasmante soprattutto in multi, ma ci sono alcuni difetti legati alla telecamera (che in certi momenti non permette di vedere bene la pista), e altri legati alla difficoltà di controllare la vettura sui tracciati di ghiaccio, risultando tavolta frustrante. Mashed FL in singolo propone uno svariato numero di sfide contro il computer, alcune delle quali sono sbloccabili man mano che si procede nel gioco, che vi terranno impegnati per diverso tempo, o almeno fino a quando la noia non prenderà il sopravvento. Mashed infatti giocato da soli non è certo il massimo della vita, e potrebbe stufare anche dopo qualche partita; se però avete un paio di amici con cui poterci passare il tempo, scoprirete la vera forza di questo titolo, ossia divertimento allo stato puro. Peccato per l’assenza del multiplayer online, sarebbe stato molto gradito.

Tecnicamente parlando

Il nuovo titolo della Supersonic punta quasi esclusivamente sulla giocabilità e il divertimento, trascurando volutamente la parte tecnica. Graficamente infatti non è nulla di eccezionale se paragonato agli standard attuali, la qualità globale delle texture è nella media, gli effetti grafici sono estremamente semplici e per nulla di impatto, e il dettaglio dei tracciati è appena sufficiente. Il comparto sonoro è ulteriormente inferiore a quello grafico: effetti banalissimi e assenza di una colonna sonora durante le gare. Particolare e divertente è invece la possibilità di utilizzare durante la gara alcune frasi per prendere in giro l’avversario, come ad esempio “sei lento come una supposta!”. Tutto sommato la bassa qualità tecnica non incide eccessivamente su un gioco di questo tipo, Mashed FL non è stato concepito per impressionare i nostri sensi, ma esclusivamente per farci passare ore di puro spasso con i nostri amici, e in questo ci riesce alla grande.

In conclusione, se state cercando un titolo di corse automobilistiche fuori di testa da sfruttare con i vostri amici per partite all’insegna della risata, Mashed Fully Loaded fa al caso vostro. Se state cercando un racing game serio da giocare in single, e magari con una super grafica, è meglio che guardiate altrove.

    Pro
  • Giocabilità ad alti livelli
  • Tonnellate di divertimento in multi
    • Contro
  • Realizzazione tecnica scadente
  • Assenza del Multi Online
  • In single potrebbe annoiare facilmente
  • Circa un anno fa uscì per PS2 e Xbox un gioco molto particolare di nome Mashed. Esso prendeva spunto da un genere videoludico diffusosi moltissimo tempo fa, ovvero un gioco di corse automobilistiche arcade in cui la fisica e la grandezza delle autovetture ricordavano molto da vicino quelle delle macchinine telecomandate, e la visuale della pista era fissa dall’alto o isometrica. Uno dei più famosi titoli che fanno parte di questo genere è il mitico Micro Machines, sicuramente ricordato dai gamers di vecchia data per il divertimento estremo che riusciva a regalare anche senza vantare un grafica da urlo o effetti sonori da capogiro. Mashed utilizzava la stessa e identica formula di Micro Machines, con l’aggiunta di un pizzico di follia distruttiva: era possibile usufruire di uno svariato numero di armi per annientare l’avversario e vincere le gare…anzi è meglio chiamarle vere e proprie battaglie. Fully Loaded conserva la struttura del suo prequel, e ne apporta qualche piccola modifica per migliorarlo: sono stai aggiunti nuovi circuiti, nuove macchine, nuovi tornei e la giocabilità è stata sensibilmente perfezionata.