Donald Duck, alias Paperino,uno dei personaggi più famosi della Walt Disney Company, fa il suo esordio in questo gioco targato UbiSoft, comparendo per la prima volta in assoluto in 3D. Sicuramente non alla ricerca di una qualche forma di originalità i programmatori di "Paperino: Operazione Papero", sfruttando l'accordo con la multinazionale più amata nel mondo, hanno deciso di realizzare un platform abbastanza convenzionale e classico, ma che può vantare alcune caratteristiche che lo rendono interessante.

Paperino: Operazione papero Paperino: Operazione papero
Paperino: Operazione papero Paperino: Operazione papero

Ma non somiglia a...?

Non appena però si prende in mano il joypad per poter giocare e ci si inizia a districare fra i suoi 24 livelli (divisi in 5 mondi), si è subito assaliti da una forte sensazione di dejà vù. Sarà proprio per la struttura dei livelli (che si alternano dalla classica visione laterale orizzontale, a quella verticale con inquadratura di spalle o di fronte), il sistema warp usato per muoverci in essi, il dover raccogliere 100 stelline per avere una vita bonus, o forse più semplicemente per la grafica in 2D con alcuni elementi in 3D, ma...questo gioco assomiglia dannatamente alla trilogia di Crash Bandicoot dei Naughty Dog! Più si va avanti nel gioco e più ci si rende conto delle varie somiglianze disseminate qua e là. Nonostante ciò però, sinceramente, credo che oltre alle inquadrature a volte inadeguate della telecamera che ci segue, questo sia l'unico difetto presente in un titolo che comunque è di ottima fattura. Gli elementi per goderci a pieno questo platform infatti ci sono tutti, seppur tenendo presente che il target a cui si rivolge sono prettamente i ragazzi al di sotto della ventina. Non è certo da sottovalutare in ogni caso il fatto che per ora non vi sono altri giochi di questo tipo per la nuova Playstation, e che quindi gli appassionati di questo genere non ne disdegneranno l'acquisto, pur di potersi mantenere in allenamento durante la lunga attesa che li aspetta prima dell'arrivo in Italia di Klonoa 2.

Paperino: Operazione papero Paperino: Operazione papero
Paperino: Operazione papero Paperino: Operazione papero

Il divertimento in primo piano

Dicevamo, dunque, che in Paperino c'è tutto ciò che ci si aspetta da un gioco il cui scopo principale è quello di divertire. Nostro compito sarà quello di dover abbattere i numerosi nemici che ci si presenteranno davanti (utilizzando i pugni o saltandogli in testa) stando attenti a non cadere in uno dei burroni o in una delle trappole che attenteranno in continuazione alla nostra vita. Non mancano naturalmente gli odiosi boss di fine livello, alcuni dei quali davvero difficili da superare, e passaggi segreti da scoprire. Come detto i mondi esplorabili sono 5, ed in ognuno troveremo naturalmente un'ambientazione diversa, che va dalla foresta, alla casa stregata, al castello del malvagio Merlock. Per non stancarsi troppo presto, inoltre, sono presenti varie modalità da completare per poter finire al 100% il gioco, altrimenti portabile a termine da un giocatore mediamente esperto nel giro di una settimana (visto che è possibile salvare ogni fine livello). Le più interessanti tra queste sono sicuramente quella in cui bisogna battere i tempi record di Gastone, e quella in cui si deve saltare in testa a 3 nemici consecutivamente ed eseguire una combinazione di tasti immediatamente dopo, per poter avere accesso a nuove mosse d'attacco.

Paperino: Operazione papero Paperino: Operazione papero

Grafica e sonoro

La grafica è spettacolare. Le animazioni dei personaggi sono perfette, per non parlare in particolare di quella dello sfigatissimo papero da noi guidato. Sembra infatti che sia stato catapultato qui direttamente da qualche suo cartoon. Provate a lasciarlo inattivo per un paio di secondi e lo vedrete immediatamente esibirsi in uno dei suoi tipici atteggiamenti. La fluidità del gioco è solo una piccola dimostrazione di ciò che la nostra amata PS2 potrà fare in futuro. Non vi è infatti l'ombra di un pop-up, di un rallentamento o di una seppur minima perdita di dettaglio sullo sfondo. Tutto gira alla perfezione, e, contando che gli elementi presenti sullo schermo sono davvero tanti e la velocità di gioco è abbastanza elevata, non è certo cosa da poco. Essendo un prodotto Disney, poi, il sonoro non poteva che essere all'altezza della situazione, sia per quanto riguarda le musiche (forse a tratti ripetitive, ma decisamente sempre a tema), sia per quanto riguarda gli effetti sonori (numerosissimi e ben curati) e le voci dei vari personaggi (tradotte ottimamente in italiano, come tutti i menù del gioco).

Paperino: Operazione papero Paperino: Operazione papero

Conclusioni

Che impressione si ha quindi una volta giocato a fondo questo POP? Prima di tutto direi che si passa velocemente da un iniziale dispiacere per la quasi totale assenza di originalità, alla soddisfazione di aver comunque trascorso delle ore su un prodotto che scorre quantomeno fluido e gradevole come pochi (per ora) sulla Playstation2. Il consiglio in definitiva è quello di acquistarlo se si è patiti dei giochi di piattaforme o fun nostalgici di Paperino. Agli altri,specialmente quelli che hanno già passato da un po' la maggiore età, direi di dargli almeno un'occhiata, e se possibile,di farci una partitina,in modo da ritornare bambini per un attimo. Il che non fa mai male.

Paperino: Operazione papero Paperino: Operazione papero

Conclusioni

PRO: grafica e sonoro ottime ambientazioni e boss di fine livello;
CONTRO: scarsa longevità ed originalità target d'età abbastanza bassa.

[foto tratte dal sito ufficiale del distributore: Ubisoft]

Iniziamo

Una volta inserito il Dvd (supporto utilizzato dalla UbiSoft anche per l'altro titolo della Disney, "Dinosauri"), il gioco parte subito con una splendida introduzione in Computer Grafica in perfetto stile cartone animato, che va ad illustrarci la trama. Spunto chiave della vicenda è la nuova professione di Paperina, eterna fidanzata di Paperino, nonchè nota per la sua capacità di mettersi nei guai anche in situazioni di tranquillità assoluta. Questa volta, infatti, nei panni di reporter di fama mondiale, ha ricevuto un incarico delicato: filmare il Misterioso Mondo di Merlock. Questo luogo, sperduto chissà dove, è retto da un malvagio mago, che cattura la povera paperetta non appena scoperta. Così Paperino decide di mettersi in viaggio verso il maniero del cattivone per liberare la sua bella. Ad aggiungere un po' di pepe a questa scontata trama ci si mette però il fatto che anche l'odiato cugino Gastone si impegna nella stessa missione, rendendoci così il compito più arduo. A rendere più vario il gioco ci penserà poi la comparsa di personaggi come i nipotini Qui, Quo e Qua, Amelia, ed i Bassotti.