Pixel JunkPixel Junk Racers - Recensione 

Macchinine telecomandate? Ora con Pixel Junk si può...

Pixel Junk Racers - Recensione Pixel Junk Racers - Recensione Pixel Junk Racers - Recensione

Questa varietà che si trova nelle modalità non riesce però a compensare delle meccaniche di gioco troppo piatte, che dopo un primo momento di euforia fanno progressivamente smontare l’entusiasmo fino a trasformarlo la noia. Nei livelli più avanzati la difficoltà sale e la sfida si fa più impegnativa, ma neanche questo è sufficiente a spingere Pixel Junk Racers oltre il confine che separa un gioco poco profondo da uno con solide fondamenta, anche perché superato un certo livello le vetture diventano stranamente incontrollabili alle alte velocità.
I circuiti sono in totale 10, e possono essere affrontati sia da soli, gareggiando contro il computer, che in multiplayer locale fino a sette (!) partecipanti in contemporanea. Certo non sarà facile trovare altri sei Sixaxis e soprattutto altri sei amici disposti a venire a casa vostra per giocare a Pixel Junk Racers, ma sapere che è possibile farlo è comunque piacevole.

Pixel Junk Racers - Recensione Pixel Junk Racers - Recensione Pixel Junk Racers - Recensione

Grafica e sonoro

Nonostante lo sbandierato supporto alla risoluzione 1080p, Pixel Junk Racers non nasce certo per strabiliare con una veste grafica particolarmente curata. In definitiva il colpo d’occhio non può essere considerato troppo malvagio, ma i fondali, per esempio, sono piuttosto scarni e statici anche per un icona del minimalismo del genere. Anche l’audio è piuttosto semplice, e affianca a una manciata di tracce musicali effetti sonori piuttosto azzeccati e simpatici, ma anche un annunciatore che comincerete a odiare dopo 15 secondi di gioco.

Pixel Junk Racers - Recensione Pixel Junk Racers - Recensione Pixel Junk Racers - Recensione

Commento

Pixel Junk Racers è un gioco divertente, con alcune caratteristiche comuni a pochissimi altri titoli (come il multiplayer locale a 7 giocatori) e dotato di un’immediatezza semplicemente disarmante. Eppure tutto ciò non basta, perché la curva di interesse va in caduta libera dopo poco tempo, e niente riesce a tenere a galla la voglia di continuare a giocare. Diciamo che, per il prezzo al quale viene proposto, si tratta di un acquisto onesto. Nulla più.

Pro Immediato come pochi altri Sette giocatori in multiplayer locale Contro Stanca presto Poco profondo

Pixel Junk è disponibile sul PlayStation Network di PlayStation 3.

Pixel Junk Racers è l’ennesimo gioco di guida dove piccole vetture gareggiano in circuiti di fantasia, il tutto con una visuale dall’alto, proprio come lo storico Championship Sprint, anch’esso disponibile su PlayStation Store, o Micromachines, il titolo che meglio ha rappresentato questo particolare genere di giochi nei tempi più recenti.
Come questi suoi esimi colleghi, Pixel Junk Racers è molto facile da padroneggiare, e fa dell’immediatezza la sua arma principale. I controlli sono lo specchio di quanto appena detto: un tasto per accelerare, uno per girare a sinistra, uno per girare a destra. Le modalità di gioco disponibili, che vanno sbloccate giocando nel torneo per giocatore singolo, sono 16, che diventano 32 se consideriamo il cambio di difficoltà, rendendo di fatto Pixel Junk Racers una sorta di raccolta di mini giochi a carattere corsaiolo. Certo, molte di questi eventi sono molto simili, ma riescono comunque a offrirci una varietà più che buona, spaziando dalle gare più classiche a quelle più bizzarre e stravaganti.