Shrek 2  0

L'orco più simpatico e tenerone della storia torna su console più in forma che mai! Shrek 2!

RECENSIONE di Andrea Franzone —  17 Marzo 2004

Rispetto al primo episodio su console, parecchie cose sono cambiate: innanzitutto il team di sviluppo e publisher. Abbiamo i validi Luxoflux, autori dell’ottimo True Crime, e Activision al posto di Digital Illusion con Tdk Mediactive. E’ cambiata la struttura di gioco (di cui parleremo in seguito) ed è cambiata, pare, la cura e l’ambizione del titolo. Il genere rimane sempre il più che abusato platform. Esplorazione, qualche ricerca, enigmi ovviamente molto semplici ed adatti ad un pubblico anche giovane. La meccanica sembrà però decisamente aperta con obiettivi variabili e multipli, un po’ come nei titoli di Zelda, con alcune sottomissioni da portare a termine e lunghi obiettivi di collezionismo. La novità è però da ricercarsi in un’idea che se certo non è originalissima sicuramente non è usuale o ridondante in troppi titoli. Il gioco ci mette al comando di un gruppo di quattro personaggi dotato ognuno di una serie di abilità peculiari. La possibilità di passare in ogni istante al controllo dell’uno o dell’altro permette di portare a termine una serie di passaggi in cui la cooperazione è fondamentale. Il protagonista principale sarà ovviamente Il Mostrone verde e tenerone Shrek a cui si aggiungeranno poi: la sua orrenda ma dolce compagna Fiona, il peloso e sovrappeso asino Ciuchino, L’uomo di Marzapane, il Gatto con gli stivali, il Lupo Cattivo e lo specchio magico. A questi si uniranno nel corso dell’avventura altri personaggi per un totale di dieci ognuno con la sua bella ed indispensabile caratteristica o abilità. L’idea in se è intrigante e se ben sfruttata potrebbe portare a delle situazioni molto piacevoli. Nelle immagini si vedono chiaramente Shrek intento a sollevare Ciuchino per lanciarlo su una specie di leva che farà raggiungere all’orco altezze irraggiungibili altrimenti.

Le abilità dei protagonisti sono ovviamente studiate in base alla loro caratterizzazione. L’enorme orco verde sarà in grado di sollevare e lanciare oggetti di notevole peso e dimensioni, il simpatico e cocciuto asino sarò in grado di sferrare potentissimi calcioni, la grassoccia Fiona di sfruttare un effetto di bullet time (???), l’uomo di Marzapane potrà offrire invitanti dolcetti ai nemici golosi, il Gatto con gli stivali sarà in grado di lanciare letali mele, il Lupo Cattivo potrà spaventare i nemici e così via. Il gioco sarà molto interessante anche in modalità multiplayer. Come avrete facilmente intuito con quattro personaggi a schermo ci potranno essere anche quattro giocatori contemporaneamente. Basterà prendere un pad e schiacciare start per entrare immediatamente nell’azione assieme agli altri. Se questa possibilità implementata a dovere potrebbe rivelarsi una piacevole sorpresa. Come una piacevole sorpresa potrebbe essere la modalità “Eroe”. Se la normalità è rappresentata dal muoversi ed agire in quattro, la modalità speciale non potrebbe essere altro che il dover compiere degli obiettivi da soli. Ovviamente ogni obiettivo sarà differente per ogni personaggio. Fiona per esempio dovrà cercare di far saltare in aria alcuni uccellini con la sola forza della sua potente voce! Tecnicamente il titolo sebra cavarsela più che bene, i personaggi sono realizzati con gusto, i modelli poligonali sono vari e modellati con cura. Dovrebbero esserci circa dodici ore di gioco effettivo pieno di dialoghi tratti dal film, citazioni e cose divertenti… Speriamo bene!

Grosso, verde, brutto. Hulk? No, c’è di mezzo la Dreamworks. Shrek? Ecco così va meglio, ma ammetterete che era facile. Finiti i tempi di Biancaneve, finita l’epoca dei film di animazione per i soli bimbi, finita anche l’epopea dei cartoni animati vecchia maniera… Benvenuti Nemo, Shrek e Lilo, salve film godibili da persone di tutte le età, ecco a voi texture e poligoni. La già citata Dreamworks e Disney assieme a Pixar hanno saputo rinnovare un genere che sembrava ormai avaro di novità offrendo prodotti di ottima qualità. In campo videoludico non si può di certo dire le stesse cose. Quante volte un tie in si è rivelato un ottimo videogioco oltre che un ottimo modo per far soldi? Dobbiamo forse tornare indietro a Goldeneye su N64? Certo è che nessuno si ricorderà del mediocre Shrek Extra Large. Ma forse sarebbe meglio considerare un po’ di più il seguito, o meglio il nuovo Tie In basato su Shrek 2.