Singles 2: Triple TroubleSingles 2: Triple Trouble 

Singles entra nella cerchia dei giochi maturi e si ripresenta sotto una nuova veste più solida e giocabile. Largo dunque al nuovo capitolo della saga più bollente che ci sia.

Singles 2: Triple Trouble Singles 2: Triple Trouble

Allargare il giro

Le situazioni presentate delle varie modalità di gioco riprendono il filo logico, ed in buona parte i personaggi, conosciuti nel primo titolo. Lo “story mode” ci proietta in una situazione già avviata con una serie di relazioni fra i personaggi preesistenti, che obbligano il giocatore a seguire una serie di obiettivi per raggiungere la metà finale. Colpisce molto il livello di complessità relazionale presentato. Ad esempio possiamo trovarci nella situazione di controllare un ragazzo appena trasferitosi in un appartamento abitato da due ragazze. Una di queste è una piacente “amica” sexy e disinibita, mentre la seconda, nostro malgrado e la ex furibonda per come si è concluso il rapporto fra i due. Ovviamente per conquistare il cuore della prima sarà necessario riconciliarsi con la seconda, esercitando tutto il potere ed il fascino a nostra disposizione. Personaggi comprimari, come amici e confidenti, hanno un ruolo fondamentale nello svolgimento del gioco, in quanto è necessario mantenere rapporti estranei alla coppia per aumentare il proprio carisma e le proprie doti. Come avveniva già in The Sims anche in Singles 2 viene dato peso alla gestione fisiologica dei personaggi, che risultano molto più influenzabili da necessità basilari come sonno, fatica, fame. La gestione dei rapporti di coppia è estremamente variabile e complessa. Non si tratta più di avere a che fare con un singolo partner da conoscere, ma è data la possibilità di intraprendere relazioni più complesse, profonde o brevi, far sbocciare il vero amore o formare un perverso triangolo (o quadrato?) amoroso a base di tradimenti.

Singles 2: Triple Trouble Singles 2: Triple Trouble

Una spolverata di RPG

Come già detto il gameplay ha subito leggere ma sostanziali variazioni, soprattutto a livello di gestione dei personaggi e delle loro abilità. Aggiungendo un pizzico di RPG il giocatore è chiamato a gestire e sviluppare le caratteristiche dei personaggi controllati, mediante il raggiungimento di particolari obiettivi. Alla fine della giornata vengono distribuiti i punti guadagnati portando a termine determinate azioni. Questi punti possono essere poi spesi nelle varie abilità utili a stupire i partner e sbaragliare la concorrenza. Investendo in determinati ambiti della propria formazione il personaggio sarà maggiormente abile nel gioco della seduzione e diverrà in breve irresistibile nei confronti dell’altro sesso. O meglio… Nei confronti dell’altro partner, perché in Singles non esistono limiti alla fantasia sessuale e tutto è possibile. L’omosessualità è accettata come l’eterosessualità e non ci sono barriere che impediscano la formazione di coppie di ogni genere. Per questo il flirt va a buon fine in base alle caratteristiche e al livello di rapporto “sociale” fra i due partner, il genere sessuale non viene considerato e potenzialmente ogni personaggio è da considerarsi bi-sex.

Singles 2: Triple Trouble Singles 2: Triple Trouble

La classe non è acqua

Parliamo ancora un po’ della profondità di gioco. Come già detto Singles 2 è ispirato a The Sims 2. Lo si nota in ogni particolare, come al gestione della casa, dell’igiene e delle attività di svago dei personaggi. La gestione dell’abitazione, le fasi della costruzione e dell’allestimento dell’arredamento, influiscono sull’umore dei personaggi e sulla seduzione dei partner. Un loft ben arredato, con stile e cura dei particolari, con mobili raffinati e pavimenti costosi, può influire sulla facilità di raggiungimento dell’obiettivo finale. Il lavoro è un’altra delle caratteristiche fondamentali del gioco. Il personaggio non può astenersi dallo svolgere il suo lavoro quotidiano, pena la pratica impossibilità di proseguire con una vita normale per mancanza di denaro. Se Singles si concentrava solo sull’aspetto privato della vita domestica di coppia, Singles 2 porta l’introduzione della vita sociale, degli incontri fuori casa, del flirt occasionale. E’ possibile infatti visitare locali notturni, o chiamare amici al telefono per mantenere vivi i rapporti.

Singles 2: Triple Trouble Singles 2: Triple Trouble

La tecnica

Il reparto tecnico ha subito un notevole sviluppo, producendo un titolo solido e snello nella realizzazione degli ambienti 3D e dei particolari. Singles 2 può considerarsi il vero primo titolo della saga, preceduto da una buona prova realizzata forse con troppa fretta. Ora il risultato degli sforzi di DeepSilver si è tradotto in un prodotto maturo in grado di competere con i maggiori titoli del genere. La potenza legata al tema “piccante” del gioco è totale, in quanto non esistono al momento titoli di simulazioni capaci di offrire una visione totalmente disinibita della sfere sessuale, amabilmente accantonata in favore della correttezza persino in The Sims. L’attrazione per tutto ciò che è tabù poi farà il resto.

Singles 2: Triple Trouble Singles 2: Triple Trouble

Ci troviamo di fronte ad un titolo sicuro del successo del precedente. Le modifiche apportate e l'introduzione di una serie di accorgimenti volti a migliorare la giocabilità e la versalità garantiranno un successo non trascurabile a questo gioco. Rivolto decisamente ad un pubblico maturo, in un mix di sesso e triangoli amorosi Singles 2 Triple Trouble vi farà sicuramente passare parecchie ore di sano e piccante divertimento. Pro: Motore grafico rivoluzionato, più snello e flessibile Giocabilità finalmente apprezzabile Piccante e divertente Contro: Qualche sbirciatina di troppo al compito del vicino di banco The Sims Alcuni intrecci sono particolarmente complicati da gestire

Dopo il successo fantasmagorico e inaspettato del primo Singles ecco riaffacciarsi sul mercato delle simulazioni un nuovo piccante titolo targato DeepSilver. Singles, gioco fortemente ispirato al gameplay del best seller The Sims, imposta la sua fortuna sul tema del rapporto di coppia. Potenza di questo titolo è l’assoluta mancanza di inibizioni di fronte al tema scottante del sesso, vero cardine e fulcro dell’azione. Attraversando le fasi tipiche del corteggiamento il giocatore è chiamato a raggiungere la metà finale e a catapultarsi in un torbido turbine di passioni. Se il primo titolo mancava di profondità e sembrava esser proiettato unicamente al raggiungimento della fase finale, senza troppe complicazioni, Singles 2 raggiunge la maturità dando al gioco un aspetto più impegnativo e al contempo più divertente.

TI POTREBBE INTERESSARE