The King of Fighters Heat of Battle  0

Sebbene questo titolo sia uscito da qualche tempo, rappresenta tuttora il vertice nella categoria di Fighting 2D per il GameBoy.

L'Esperienza

La trama prende spunto dal classico torneo indetto per selezionare il combattente più forte del globo. Ogni partecipante si presenta al torneo con scopi particolari e motivazioni interiori che si riallacciano ai titoli precedenti della SNK e soprattutto al precedente titolo per GameBoy: The King of Fighter V.'95; il tutto offre continuità e spessore al gioco deliziando coloro che seguono l'evoluzione della serie. Come nell'arcade, delle schermate fisse con testo e disegno vi narreranno lo sviluppo della vicenda che vi vede protagonisti. La trasposizione per il GameBoy è estremamente immediata e veloce: le varie combinazioni si eseguono con facilità donando piacere e soddisfazione durante la sessione di gioco. Ogni combattente non ha il proprio "stage" caratteristico, gli scenari, infatti, sono in minor quantità rispetto ai personaggi selezionabili, ma tutte le locazioni sono gradevoli e ben fatte. Gli aspiranti campioni hanno a disposizione calci (tasto A) pugni (tasto B) che differiscono in potenza e velocità (Potente&Lento con una sonora pigiata del tasto, Debole&Veloce con una rapida premuta), salti (Super, Mid-Level, Low) e gli immancabili SpecialAttack (che si ottengono con "lune" e "mezzelune" o affini); inoltre in particolari situazioni potrete effettuare i SuperSpecialAttack. I controlli sono funzionali e ben disposti, il ControlPad reagisce molto bene e questo nei picchiaduro è quello che conta: la giocabilità. I personaggi da subito selezionabili sono 15, ma nel completare il gioco vi sarà detto come scegliere gli altri 4 nascosti. Gli eroi marziali sono ottimamente caratterizzati, hanno fascino e spessore in breve sono belli e appaiono sempre "freschi", pur nello stereotipo che li racchiude, anche dopo numerose partite. La grafica è nitida, gli sprite dei personaggi, sebbene piccoli, sono animati bene e riadattati con la classica struttura super-deformed. L'immagine di gioco è stabile, gli sfarfallii sono voluti ed appaiono soltanto nei momenti giusti, solo di rado si nota qualche imperfezione. Anche l'audio è riuscito: gli effetti sonori sono azzeccati così come le musiche che non sono mai fastidiose anche dopo molte sessioni di gioco. La cartuccia purtroppo non presenta possibilità di salvataggio, quindi ogni torneo va portato fino in fondo ed i campioni "sbloccati", che rappresentano i vostri progressi, vanno quindi attivati con combinazioni di tasti ogni volta. La situazione non è eccessivamente sconveniente, l'unico tedio è che non si possono salvare le impostazioni, così dovrete ogni volta che accendete la console entrare nel menù opzioni per settare le vostre preferenze. L'Options Menu prevede l'impostazione del tempo dei Round, il livello di difficoltà (Easy, Medium, Hard) e la possibilità di ascoltare le varie musiche e gli effetti sonori. I modi di gioco previsti sono 2: il SinglePlay (ossia lo Story Mode in cui dovrete affrontare il torneo con il lottatore scelto) ed il TeamPlay (scegliete tre eroi decidete l'ordine di combattimento e scagliateli contro i tre campioni della CPU fino al termine del torneo). Se possedete un LinkCable ed un conoscente GameBoy + TKOFhob dotato, potrete intraprendere degli scontri, sia in SinglePlayer sia in TeamPlayer contro il vostro avversario umano. Il sistema di gioco prevede l'energia vitale sotto forma di barra nella regione alta delle schermo, che si consuma ma mano che siate malmenati, decretando la sconfitta quando si esaurisce completamente. Nella parte bassa dello schermo si trova il PowerGauge, che incrementa fino ad arrivare ad un limite, dopodiché si entra nell'area MAXIMUM grazie alla quale è possibile effettuare gli SpecialAttack con più velocità e maggiore danneggiamento all'impatto, inoltre potrete effettuare i vari SuperSpecialAttack relativi al vostro personaggio. Per caricare il PowerGauge avete due possibilità premere A+B+il ControlPad verso il basso o farvi picchiare ripetutamente dall'avversario. Io consiglio la prima metodologia anche se l'altro stratagemma offre dei ribaltamenti di campo interessantissimi: pensate di essere in fin di vita ma con il MAXIMUM attivo perché siete stati sonoramente tartassati, vi riesce il SuperSpecialAttack e portate via uno sproposito d'energia dell'avversario che cadrà a terra esanime. Con il tasto Select potete "provocare" l'avversario facendo ridurre il suo PowerGauge. E' anche presente un ComboMeter che si attiva quando iniziate a portare le vostre sequenze d'attacchi, l'idea è gradita, soprattutto per chi vuole migliorarsi costantemente elaborando combinazioni sempre più letali.

Conclusioni

Come avrete, ormai capito il gioco mi è piaciuto: lo considero un acquisto stimolante per gli amanti del genere e per chi cerca un titolo di questo tipo sul GameBoyColor o liscio. Inoltre i 3 livelli di difficoltà sono ben dosati, quindi per padroneggiare il livello Hard dovrete allenarvi duramente. Come ultima chicca vi informo che il gioco è compatibile con il SuperGameBoy (versione del GameBoy con due controller) e con il GameBoyGamePack per il collegamento con il SuperNes.

Intro

Il gioco in questione è la versione europea di The King of Fighters '96. Vi informo immediatamente che il titolo è un ottimo picchiaduro bidimensionale e, sebbene sia uscito per GameBoy e non per GameBoyColor, è un prodotto estremamente valido tanto che per alcuni siti è il migliore in assoluto sulla console portatile Nintendo; per questo motivo una recensione per descrivere ed indirizzare i lettori verso questa cartuccia mi è sembrata necessaria, soprattutto per coloro che cercano un gioco di questo genere. Il concept di gioco originale appartiene alla SNK, ogni sala giochi che ho visitato possedeva almeno una postazione dei vari The King of Fighters o Fatal Fury che sembrano avere ovunque un ottimo seguito d'appassionati (SNK docet). 1