La Soluzione di Terraria  10

Al vostro fianco, anche attraverso la crosta terrestre!

Attenzione

La soluzione è basata sulla versione americana del gioco, quindi potrebbero esserci divergenze dalla versione italiana.

Come iniziare?

Di seguito, alcune indicazioni potenzialmente utili per non rimanere sconvolti dal primo approccio con Terraria.

L'accumulo del legname

All'inizio del gioco, potrete vedere attorno a voi alcuni alberi, nonché un altro personaggio che cammina in zona. Provate a parlare con lui: è la vostra guida. Vi parlerà subito di come il legno sia un'assoluta necessità per ottenere il successo nel gioco. Camminate verso destra o sinistra, fino a trovare il primo gruppo di alberi. Dal vostro inventario, scegliete l'ascia di rame, poi cliccate sulla base di uno degli alberi in zona. Lasciate che il personaggio colpisca ripetutamente l'albero, fino ad ottenere il legno, che verrà inserito nell'inventario.
Nel caso in cui incontriate mostri - in questa zona, solo Slimes - colpiteli utilizzando sempre l'ascia, verranno eliminati da un solo colpo. Nel caso in cui incontriate un vecchio signore che staziona accanto ad una casupola di mattoni, evitate di parlare con lui in notturna - vi farà accedere ad un'area per la quale non siete ancora preparati.

La costruzione della casa

Anzitutto, dovrete recuperare il necessario materiale. Il legno potrà essere prelevato dagli alberi, tagliandoli con la vostra ascia. La terra dovrà essere recuperata da... terra, colpendola con il piccone. Stessa cosa per la pietra. Il Gel potrà essere prelevato dai cadaveri dei Gel, mentre le ragnatele si trovano usualmente nella parte più alta delle caverne; le ragnatele vi serviranno per creare la seta.
Localizzate dunque una zona pianeggiante, rimuovete qualsiasi impurità (alberi, rocce); nel caso in cui vi siano buche, riempitele di terra o di pietre. Potrete poi erigere la casa. Utilizzate la pietra per costruire i muri e il tetto; l'altezza consigliata è pari a 6 blocchi. Create poi il tetto, partendo dalle estremità dei muri di cui si è appena parlato. Rimuovete alcuni blocchi, in uno dei lati, per creare l'entrata. Premete Esc; nella parte destra dello schermo vi verrà fornita la possibilità di creare una panca da lavoro, spendendo dieci unità di legno. Fatelo, anche perché... prima o poi ne avrete bisogno. Vi permetterà di creare una porta, una tavola, una sedia, una torcia. Volendo sprecare una maggior quantità di legno, sarà anche possibile costruire una spada di legno, una balestra, delle frecce, un letto.
Collocate una porta in corrispondenza di ognuno dei vostri muri; potranno essere aperte con un click, i mostri non possono superarle. Posizionate più di una torcia in ogni area di gioco: la loro funzione è multipla, da un lato consentono la necessaria illuminazione, dall'altro causano l'allontanamento degli avversari. Per quanto riguarda le tavole e le sedie, dovrete metterne una in ogni stanza - sono necessarie per rispettare la definizione di "casa" insita nel gioco.

La prima notte e la fornace

Consigliamo di accumulare in via preventiva una buona scorta di sabbia, vi servirà per sopravvivere indenni alla nottata. Può essere estratta ricorrendo all'usuale piccone, interagendo con uno spiazzo di terreno desertico. All'arrivo della notte, diversi zombie e demoni volanti cominceranno a convergere verso la vostra abitazione. E' dunque bene rimanere al suo interno, magari scavando il terreno sottostante per passare il tempo. Un buon metodo per creare dei percorsi sotterranei che vi consentano poi di tornare in superficie, consiste nel posizionare delle piattaforme di legno che intervallino il percorso, da usare poi per risalire.
In questi momenti, consigliamo di cominciare a costruire almeno due oggetti che risulteranno indispensabili per un semplice proseguo dell'avventura: il primo è la fornace, il secondo un'incudine. Tutti e due gli oggetti vi consentiranno di aumentare la vostra capacità produttiva. Per la fornace, avrete bisogno di 3 unità di torcia, 20 di pietra, quattro di legno, da lavorare presso il vostro usuale tavolo da lavoro.
Creata la fornace, potrete cominciare a lavorare i metalli. Chiaramente, per farlo, dovrete prima estrarli. Supponendo che la prima notte sia passata, andate in cerca di una caverna naturale, procedendo alla sua esplorazione. Attenzione però a lasciare una chiara via d'uscita; un potenziale metodo consiste nel muoversi in diagonale, piuttosto che in verticale e/o orizzontale. Quando sarete scesi a sufficienza, potrete notare attorno a voi diversi depositi metallici - individuate il rame e il ferro, di colore arancione e marrone.
Una barra di ferro e/o di rame può essere prodotta a partire da tre unità di ferro e/o rame recuperate dalla miniera, poi riportate al vostro tavolo di lavoro. Da cinque barre di rame, potrete creare l'incudine, che fungerà da supporto per le vostre successive creazioni.

Potenziale percorso per la vittoria

Terraria è un gioco caratterizzato da una completa non-linearità del suo svolgimento, per costruzione. Non è dunque possibile fornire delle indicazioni univoche che vi possano condurre al finale, il quale comunque vi vedrà cominciare un nuovo mondo, rendendo la trama potenzialmente infinita. Di seguito, viene comunque descritta una traccia che può essere seguita per procedere più speditamente, e/o che può fungere da ispirazione nel caso in cui rimaniate bloccati in una specifica zona.
Dopo l'arrivo su Terraria, andate a recuperare del legname, servendovi della vostra ascia. Dunque, rimuovete le impurità da un terreno che avete scelto come sede per la vostra futura casa. Costruite la casa, utilizzando le pietre come mattoni. Al suo interno, costruite anche un tavolo da lavoro. Se possibile e/o se avete voglia, sarebbe anche indicato costruire delle case da assegnare ai personaggi non giocanti presenti in zona, per vivacizzare il vicinato.
Inserite una fornace all'interno dell'abitazione, poi cominciate a scavare nel terreno fino a localizzare alcune miniere di ferro e di rame, da dove prelevare il materiale per la costruzione di un'incudine, che vi permetterà di creare delle armi e/o armature a piacimento, di potenza nettamente superiore rispetto a quanto fattibile con il tavolo da lavoro. Risulterà dunque necessario costruire un tavolo da lavoro alchemico, poi localizzare degli altri depositi di rame; creando delle barre di rame, unite alle ritrovate capacità alchemiche, potrete dotarvi dell'armatura di rame. Scavate ancora, alla ricerca di depositi di ferro, per comporre l'armatura dello stesso materiale.
Dovreste, a questo punto, poter interagire con il mercante, che vi permetterà lo scambio di oggetti - liberandovi dalla stretta necessità di autoproduzione. Vagate per il mondo, cercando dei depositi di argento, così da produrre l'associata armatura. Ripetete questa procedura per l'armatura d'oro, al contempo cercando di migliorare il vostro livello massimo di punti vita: per farlo, dovrete trovare dieci stelle cadute. Anche l'infermiera dovrebbe essere ormai comparsa, situazione che segna l'inizio della seconda parte dell'avventura.
Localizzate il materiale demoniaco, con il quale produrre l'occhio malefico. Si ribellerà, e voi dovrete sconfiggerlo. Fatto ciò, Dryad si unirà al vostro gruppo, e potrete procedere all'esplorazione di Cthulu. Create un'esca, utilizzando un verme, così da attirare il mangia-mondi. Eliminandolo egli rilascerà dei frammenti di demonite, un minerale potenzialmente molto fruttuoso, assieme ad alcune squame oscure. Forgiando il metallo di demonite, potrete ottenere l'associata armatura e il piccone. Con quest'ultimo potrete riuscire a rompere la cosiddetta "Ebonstone", che bloccava il vostro procedere all'interno di Corruption. Sarà poi necessario distruggere le sfere d'ombra, utilizzando il "Breaker", l'apposito personaggio. Poco dopo, il mercante d'armi raggiungerà il vostro piccolo villaggio, assieme a Demoman.
Continuate ora la vostra interazione con l'ambiente circostante, in attesa di un evento che - purtroppo - viene governato unicamente dalle leggi del caso, ovvero la caduta di un meteorite. E' necessario per un facile proseguo del gioco, dunque sconsigliamo di esplorare in maniera dettagliata altre zone, prima che la caduta sia avvenuta. In ogni caso, dopo che verrà visualizzata la scena d'intermezzo associata alla meteora, andate ad esplorare la zona di caduta, poi usate il piccone per recuperare parte del minerale di cui la meteora è composta.
Potrete così creare l'armatura di meteorite, che vi permetterà di esplorare ulteriori zone di Corruption minimizzando le probabilità di essere colpiti a morte. Potrete ora localizzare la giungla sotterranea, dalla quale estrarre il minerale di cobalto, con cui forgiare una nuova armatura. Essa vi permetterà di procedere aldilà dello strato infernale della crosta di Terraria.
Spostate ora il flusso d'acqua sotterraneo verso la pozza di lava, diminuendo la sua temperatura. Potrete così estrarre dell'ossidiana, che nasconde la pietra dell'inferno. Recuperando del minerale associato a questa pietra, costruirete l'armatura di lava. Avrete ora a disposizione tutto il necessario per combattere contro Skeletron. Saltate lungo le isole fluttuanti, all'estremo del continente di Terraria, per localizzarlo. Supponendo disponiate dell'armatura di lava e di tutte le armi associate, verrà eliminato con pochissimi colpi. Esplorate poi il sotterraneo che Skeletron proteggeva, contiene una grande quantità di tesori.

Guida ai terreni

Di seguito, una lista dei terreni e delle loro caratteristiche, con alcune indicazioni riguardanti le migliori modalità di sfruttamento.

Le foreste

Sono sempre localizzate in superficie; fungono da fonte inesauribile di alberi, necessari specialmente durante le prime ore di gioco, quando non disporrete di minerali molto performanti. Le foreste tendono a nascondere una quantità maggiore di caverne - per metri di lunghezza - rispetto ai deserti e/o alle praterie, dunque sono anche una buona fonte di ragnatele e, conseguentemente, di seta. I mostri che le popolano tendono a cambiare a seconda del ciclo giorno-notte: di giorno, gli innocui Slime e Pinky; di notte, i potenti Zombie e Demon Eye.

Le praterie

Sono anch'esse localizzate in superficie. Il loro utilizzo è duplice: costruzione di edifici, coltivazione di funghi. La frequenza di caverne è leggermente minore rispetto alle foreste, ma maggiore a confronto di tutte le altre superfici. Anche la popolazione delle praterie è influenzata dal ciclo giorno-notte, la tipologia di mostri coincide con quanto elencato per le foreste.

Il deserto

L'unico vero "deserto" si trova in superficie, i simili spiazzi di sabbia localizzabili nel sottosuolo non possiedono le medesime caratteristiche ecologiche e ecosistemiche. Sono il bioma più monotono: non consentono l'estrazione di materiale, le caverne sono poco frequenti, così come i mostri. La popolazione è identica a quella delle foreste e delle praterie, segue anch'essa il ciclo giorno-notte.

Il primo strato - Fango

E' formato da una specie di fango. Contiene depositi di ferro, rame e argento (in ordine decrescente di frequenza). Contiene anche molte casse ed urne, ma spesso le ricompense saranno insufficienti. E' possibile che, durante una delle vostre esplorazioni di routine, incontriate il sotterraneo di Skeletron: se non vi siete adeguatamente preparati, non provate a scavare ulteriormente, la sconfitta è garantita. I mostri normalmente presenti in questo strato di crosta sono lo Slime, il Pinky e il Giant Worm; si estende fino a 350 metri sotto il livello del mare.

Video - Trailer del gameplay

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

Il secondo strato - roccia

Si tratta dello strato di crosta centrale; è popolato da mostri che iniziano ad essere piuttosto potenti, ma contiene anche dei depositi molto più grandi, nonché delle urne contenenti oggetti più preziosi. Contiene anche la giungla sotterranea; inoltre, le isole di funghi possono essere localizzate con massima probabilità all'interno di questo strato. I pozzi di lava cominciano a puntellare questo territorio nei pressi del suo estremo inferiore, che corrisponde a circa 1000 metri sotto il livello del mare. I nemici principali sono gli Slime, i Pinky, il Giant Worm, la Mother Slime e lo Skeleton.

Il terzo strato - inferno

E' l'ultimo degli strati. Prima di poterlo esplorare con successo, risulta indispensabile recuperare l'armatura di ossidiana, dato che sarete forzati ad incontrare dei blocchi di lava e/o di pietra infernale. E' l'unica zona da dove sarà possibile estrarre la pietra infernale, che consente di creare l'armatura di magma, la più potente. I mostri che la popolano sono il Bone Serpent e il Fire Imp.

Le isole-fungo

Non sono un bioma completamente separato, bensì una zona particolare che può essere localizzata all'interno di uno qualsiasi dei vari strati che compongono Terraria. E' descrivibile come una grande piattaforma fluttuante, sopra la quale si trova un pianoro pieno di funghi blu. Quelli più alti possono essere tagliati con l'ascia, i loro frammenti verranno inseriti nell'inventario. Inoltre, esiste la possibilità (completamente casuale) di trovare alcuni semi di fungo.

Corruption

L'arrivo in questa zona è riconoscibile dal cambiamento di colorazione dello schermo, che diventerà tra il rosso e il marrone. I mostri che la popolano sono molto potenti, risultano essere il principale problema di Terraria, dunque il vostro compito di "custode" impone che abbiate la loro eliminazione come fine ultimo. Per evocare un boss dovrete piantare e causare la crescita di uno dei funghi reperibili in questa zona.
Corruption è puntellata da profondi burroni; la loro porzione inferiore contiene le sfere dell'ombra, delle casse di origine extraterrestre che contengono artefatti preziosi e potenti. Purtroppo, sono rinchiuse in uno scudo di ebonite, materiale difficile da polverizzare. Esistono tre modi per frangerlo: farlo esplodere con la dinamite, metodo veloce, ma molto costoso; purificarlo con l'apposita polvere, in vendita da Dryad; scavare con un una piccozza di demonite, il metodo più economico, ma che necessita di maggior pazienza, dato che la demonite potrà essere recuperata solo dopo aver esplorato la maggior parte del mondo di Terraria.
Attenzione: rompendo tre sfere causerete sempre la comparsa di un Eater of World. Attenzione - due: non usate l'ebonstone come materiale da costruzione, tende a creare autonomamente degli Eater of Souls, che ogni notte andranno a comparire nella casa costruita con l'ebonstone.

Zona d'impatto del meteorite

Sono dei biomi di piccole dimensioni; il processo che attua la loro creazione prevede prima la distruzione di una sfera dell'ombra, che causa il rilascio di una meteora, la quale colpendo la terra va a creare una superficie d'impatto. Le teste di meteorite, dei fastidiosi avversari, verranno continuamente prodotti dal terreno della superficie d'impatto; possono essere schivate scavando in continuazione, poiché un singolo colpo di piccone è in grado di eliminare una testa di meteorite. Consigliamo vivamente di non visitare la zona d'impatto durante un giorno di luna piena, dato che la numerosità di teste di meteora andrà a raddoppiare.

Il sotterraneo

E' l'ultima tipologia di scena che i giocatori andranno ad incontrare, poiché Skeletron è posto a sua guardia - dovrete distruggerlo prima di poter entrare (dettagli sulle modalità più idonee alla riuscita vengono forniti nella parte finale di questa guida).
Il sotterraneo è costituito da filari di mattoni colorati; contiene molte casse con ricompense di alto livello, libri, oggetti particolari. I nemici che tipicamente incontrerete al suo interno sono le Skeleton Head, Angry Bones, Burning Skull e Dark Caster.

Isole fluttuanti

Contrariamente alle tipologie di zone finora descritte, questo genere di bioma si trova sopra il livello del mare, a circa 200 metri. Contengono sia depositi di minerali, che casse con buone ricompense. E' possibile capire il livello della ricompensa e la quantità di minerali presenti in una di queste isole osservando la composizione della casa al suo centro: tanto più i suoi mattoni saranno di materiali preziosi, tanto più anche i depositi conterranno materiali di alto livello. I nemici presenti cambieranno a seconda del momento della giornata: durante il giorno Slime e Pinky, durante la notte Zombie e Demon Eye.

Gli eventi speciali

Si tratta di eventi che spezzano l'usuale giornaliera (o notturna) routine di Terraria; la loro prossimità verrà chiaramente annunciata da un commentatore esterno; le sezioni successive della soluzione dettaglieranno alcune procedure atte a prepararvi al meglio a questi eventi.

Impatto di un meteorite

La caduta può avvenire in una zona qualsiasi della superficie di Terraria; esiste una minima probabilità che cadano in un momento qualsiasi dello svolgersi della vostra avventura; questa probabilità viene aumentata notevolmente in seguito alla distruzione delle sfere d'ombra - dunque, volendo causare di proposito questo evento, sarà sufficiente frangere una grande quantità di sfere.
I blocchi di terreno immediatamente adiacenti alla zona d'impatto verranno trasformati in pietra di meteorite, la quale crea automaticamente le teste di meteorite, dei fastidiosi mostriciattoli. Il metodo migliore per scavare questa tipologia di materiale è l'utilizzo di dinamite, consente di recuperare grandi quantità di metallo con un piccolissimo sforzo. Un ultimo consiglio: evitate di creare molti ponti stretti, se l'impatto non è ancora avvenuto: se la meteora andasse a colpire uno di questi punti, avrebbe pochissimo materiale da convertire, dunque voi potreste ricavare una quantità estremamente esigua di metallo di meteora.

Invasione Goblin

L'invasione dei Goblin va a modificare in maniera notevole la tipologia di nemici che andrete ad incontrare, così come lo svolgersi della vostra giornata tipica. Abbiamo identificato in precedenza gli eventi speciali come situazioni che spezzano l'usuale routine, l'invasione dei Goblin verifica appieno questa definizione. Esistono alcuni pre-requisiti che rendono possibile l'invasione: almeno uno dei giocatori dovrà avere più di 200 punti-vita; almeno una sfera dell'ombra dovrà essere stata distrutta; dovranno essere passati almeno sette giorni di gioco dall'ultima invasione. Supposto che queste condizioni siano soddisfatte, ogni mattina vi sarà una probabilità di 1/15 che l'invasione accada. Riceverete un messaggio del tipo "A goblin army is approaching from - direzione di provenienza -". I Goblin mireranno immediatamente alla zona circostante la vostra casa, cominciando a rubare gli oggetti ed attaccando i personaggi non giocanti. Ogni invasione contiene 100 goblin, più altri 50 per ogni personaggio dotato di più di 200 punti vita all'interno del vostro gruppetto di cittadini di Terraria.
Infine, i Goblin si dividono in quattro classi: contadini, ladri, guerrieri e stregoni. I ladri sono in grado di aprire le vostre porte, solitamente usate come barriere impenetrabili, dunque attenzione - cercate di eliminarli con la massima priorità. Gli stregoni possono usare il teletrasporto e sparare delle sfere di energia, ma la loro numerosità sarà usualmente bassa, dunque non dovrete preoccuparvi eccessivamente della loro presenza.

Luna di sangue

Ogni notte vi sarà una possibilità su 7 di visualizzare la luna di sangue. Il cielo diventerà rosso, la luna anche, e la quantità di nemici generati da ogni segmento di terreno raddoppierà. Ancora peggio: gli zombie diventeranno capaci di aprire le porte, dunque rimanere all'interno delle case non sarà più sufficiente a proteggervi. Vi sono due opzioni per rimanere al sicuro: accumulare della terra davanti alle porte, sicché gli zombie debbano scavare prima di poterle aprire; oppure semplicemente combatterli. La seconda richiede il possesso di un buon equipaggiamento, dunque, nel caso in cui la luna di sangue capiti durante uno dei primi istanti di gioco, sarà meglio prediligere la prima alternativa.

I nemici

Di seguito, verranno elencati tutti i nemici che andrete ad affrontare durante il vostro peregrinare; saranno anche dettagliate alcune strategie per la loro pronta eliminazione.

Serpente di ossa

Farete la sua conoscenza all'interno della parte infernale della crosta di Terraria. E' un nemico piuttosto scocciante, soprattutto perché sarà molto complicato schivare i suoi colpi, data la mancanza di spazio caratteristica dell'area inferno. Per ucciderlo dovrete polverizzare almeno uno dei frammenti ossei che lo compongono: sono dunque preferibili degli attacchi capaci di colpire ripetutamente una singola zona. Altro consiglio: non appena lo incontrerete, scavatevi un po' di alcove nei dintorni, così da recuperare più spazio ed evitare più facilmente i suoi colpi.

Teschio ardente

Risiede nel sotterraneo, dunque per affrontarlo dovrete forzatamente aver già eliminato lo Skeletron. Proprio per questo motivo, essendo il Burning Skull molto meno potente dello Skeletron, la sfida non sarà problematica; certo, potrà scocciarvi durante l'esplorazione, ma difficilmente vi causerà serie difficoltà. Lo scudo di cobalto, che dovreste ora avere, azzererà quasi completamente i danni subiti; l'utilizzo di una spada abbastanza potente ucciderà il nemico in 1-2 colpi.

Stregone oscuro

Anche costui popola il sotterraneo, in maniera per voi piuttosto scocciante. E' in grado di teletrasportarsi e lanciare delle sfere d'acqua verso di voi. Inoltre, viaggia usualmente in gruppi. Consigliamo di utilizzare lo scudo di cobalto per evitare che i suoi colpi vi spostino; le sue difese sono scarse, dunque colpendolo con forza otterrete velocemente la vittoria.

Devourer

E' parte del popolo di Corruption. I giocatori più novizi dovranno assolutamente evitarli, dato che - rispetto ai vermi giganti a cui sono abituati - questi soggetti risultano infliggere notevoli danni al minimo tocco. L'utilizzo di una granata può fortunatamente ucciderli.

Mangiatore d'anime

Due sono i luoghi d'elezione per la residenza di questo mostro: l'interno di Corruption e le zone ricche di ebonstone. Volano in linea retta e, nel caso in cui vi tocchino, sarete messi KO. In linea generale, schivarli e colpirli è semplice; dovrete solo prestare forte attenzione alla possibilità che vi rinchiudano in un angolo, senza via di fuga.

Folletto del fuoco

Questo genere di nemici popola lo strato di gioco infernale, ed è piuttosto scocciante. La loro principale capacità consiste nel lanciare delle sfere infuocate verso di voi. Il metodo migliore per liberarvene è rimandare al mittente la sfera con un colpo di piccone. Sconsigliamo tuttavia di cercare di uccidere tutti gli imp che troverete lungo il percorso: sono troppi, è meglio - quando possibile - ignorarli.

Verme gigante

Risiede in tre diverse tipologie di terreni: nel sotterraneo, oppure in uno dei primi due livelli di crosta terrestre. Sono in grado di scavare nel terreno; per anticipare il loro arrivo, ascoltate il suono prodotto dal loro processo di escavazione, che tenderà ad aumentare di volume al loro avvicinarsi. Quando saranno nei vostri immediati paraggi, colpiteli con la piccozza o con la spada per terminarli.

Video - Trailer del gameplay 2

Goblin contadini

Compongono sempre una parte dell'esercito di goblin durante una delle loro invasioni. Sono specializzati nel corpo-a-corpo, ma comunque facilmente eliminabili, non essendo dotati di abilità speciali. Li dovrete però uccidere, poiché fungono da protezione per gli stregoni.

Goblin stregoni

Compongono anch'essi l'invasione dei goblin. Il loro principale problema è la possibilità di teletrasportarsi e lanciare magie verso i vostri uomini; sono sì truppe di supporto, ma riescono a danneggiarvi in maniera estremamente rilevante. Dovrete dare priorità alla loro eliminazione, il più possibile, magari riuscendo ad azzerarli prima che effettuino il primo teletrasporto.

Goblin ladri

Sempre parte dell'invasione goblin, sono in grado di aprire liberamente le porte, e si muovono molto velocemente. Nonostante queste abilità li possano far apparire minacciosi, consigliamo di riservarli come ultimo gruppo di nemici da eliminare: non possono infliggere molti danni ai vostri personaggi.

Goblin guerrieri

Sono dei combattenti corpo-a-corpo, abbastanza potenti, notevolmente più potenti dei goblin-contadini. Fortunatamente, si muovono con lentezza, dunque potrete evitarli con facilità mentre vi liberate dei goblin stregoni.

Hornet

Popolano la giungla sotterranea, e sono analoghi agli occhi demoniaci. Tendono ad accumularsi nei vostri immediati dintorni mentre esplorate la giungla, infastidendovi; per fortuna, rilasciano degli oggetti molto utili, dunque ucciderli risulta parzialmente piacevole. Le spadate sono il metodo più efficace per azzerarli.

Mangia uomini

Anche questo avversario è principalmente presente nella giungla sotterranea. Si tratta di una pianta, dunque non può muoversi. Colpite anzitutto la testa, posizionandovi ad una certa distanza, sicché lui non riesca a colpire anche voi.

Meteor Head

Si trovano nei pressi del cratere d'impatto del meteorite, e sono una versione fisicamente diversa ma fattualmente uguale dei demon eyes. Si avvicineranno in massa a voi mentre cercate di recuperare il minerale di meteorite; potrete respingerli colpendoli con la piccozza, oppure eliminarli da lontano facendo ricorso alla spada.

Servo di Cthulu

Sono una versione 2.0 dell'occhio del demone, e vengono prodotti dall'occhio di Chtulu. Consigliamo di eliminarli subito dopo la loro materializzazione, per evitare che la piattaforma di gioco sia letteralmente invasa da questi soggettini. La maggior parte delle armi li può eliminare in un solo colpo.

Scheletri

Popolano fittamente il secondo strato della crosta di Terraria, roccioso. Sono mostri piuttosto potenti date le potenzialità di un giocatore alle prime armi, soprattutto a causa della loro capacità di distruggere le porte e rincorrere il giocatore. Fortunatamente, utilizzando delle armi a medio-lungo raggio, potrete eliminarli prima ancora che riescano a toccarvi.

Slime

Sono i nemici più comuni, possono essere incontrati su qualsiasi superficie. Ogni colore è associato ad un diverso livello di HP e di danni potenziali; entrambi questi parametri sono proporzionali al loro posizionamento nella crosta di Terraria - tanto più in profondità incontrerete lo Slime, tanti più HP avrà e tanti più danni potrà infliggere con ogni colpo. Sono anche la fonte primaria di gel, lo rilasciano dopo essere stati eliminati.

Zombie

Popolano le pianure di Terraria durante la notte. Sono il nemico più pericoloso nelle prime fasi di gioco, coloro che vi obbligano a passare tutte le notti in casa. Durante una nottata di luna di sangue possono anche aprire le porte, dunque assicuratevi di bloccarle con dei massi o della terra. Sono ottime fonti di oro e oggetti di scarsa utilità.

I Boss

I seguenti mostri vengono classificati come "boss" per due motivi: il primo, più ovvio, è la maggior difficoltà rispetto ai combattimenti standard; inoltre, vanno a segnare dei punti di rottura molto forti nella storia - la vostra interazione con il mondo circostante cambierà notevolmente in seguito all'eliminazione di uno di questi mostri. Una particolarità di Terraria è che potrete liberamente scegliere quando combatterli: proprio per questo motivo, consigliamo di modificare gli scenari ove la sfida avverrà, ancora prima di cominciare. Un'aggiunta indispensabile è una rete di piattaforme di legno, che potrà essere utilizzata per schivare i colpi nemici. Inoltre, ricordatevi di accumulare munizioni e pozioni per aumentare gli HP.

Occhio di Cthulu

Il combattimento si svolgerà in notturna, subito dopo che avrete utilizzato l'occhio malefico. Un metodo che viene tipicamente usato per combattere questo boss, consiste nel comprare una grande quantità di shoriuken, poi - durante il combattimento - correre da destra a sinistra in continuazione, sparando gli shoriuken verso l'occhio. Dopo che sarete riusciti a diminuire il suo livello di HP, dall'occhio spunteranno i denti, dunque i suoi colpi saranno più dannosi. Aumentate ancora la velocità della vostra corsa, senza lesinare l'utilizzo di pozioni, nel malaugurato caso in cui veniate effettivamente colpiti. Infine, dopo averlo eliminato, ricordatevi di recuperare la demonite dal terreno sottostante.

Mangia-mondi

La sua residenza preferenziale è Corruption. Potrete trovarlo dopo aver distrutto tre sfere dell'ombra, oppure dopo aver utilizzato l'esca per i vermi. La "struttura" di questo mostro è simile a quella del Devourer, ma è dotato di una maggior quantità di punti vita. Dovreste ora disporre di una buona quantità di punti vita, dunque i suoi colpi non dovrebbero minacciare seriamente la vostra sopravvivenza. Un problema rilevante può essere causato dalla sua capacità di generare copie di sé stesso dai segmenti in cui si decompone dopo essere stato sconfitto.
Il metodo migliore per ovviare a questo problema è colpirlo partendo dalle estremità, sicché la divisione crei dei segmenti troppo piccoli per potersi animare autonomamente. Un ultimo avvertimento: questo boss vi seguirà anche dopo la vostra eventuale morte durante il combattimento, vi verrà a cercare a casa vostra, continuando ad attaccarvi fino a che riuscirete a distruggerlo. Può anche muoversi durante il giorno.

Skeletron

Per affrontarlo dovrete parlare con l'anziano signore solitamente collocato all'esterno del sotterraneo, durante la notte. E' il vero boss finale, dunque prima di prendere questa decisione cercate di recuperare quante più armi ed armature di alto livello possibile. Ogni parte del corpo di Skeletron è composta da due segmenti. I suoi attacchi verranno eseguiti dalla testa o dalle mani: la prima rotolerà verso di voi periodicamente, le seconde cercheranno di spazzarvi via.
Evitate ad ogni costo la testa rotolante: può mettervi KO in un solo colpo; è possibile saltare sulle varie piattaforme sparse per l'area d'interazione, sono perfette per evitare ogni colpo da parte del nemico.
Un possibile approccio all'attacco consiste nell'equipaggiare un'arma relativamente a lungo raggio, come la spada di lava, per mirare anzitutto alle sue mani. Dopo averle distrutte, continuando sempre a schivare la testa, dovrete equipaggiare le frecce. Sempre saltando di piattaforma in piattaforma, sparerete le frecce verso la testa fino ad azzerargli gli HP.

Soluzione Video - Playlist

Clicca qui per la playlist!

Soluzione Video - Inizio dell'avventura

Soluzione Video - La caduta delle stelle