Resident Evil 7 biohazardUna famiglia di pazzi 

In occasione del Tokyo Game Show abbiamo provato una demo aggiornata di Resident Evil 7

Il nuovo Resident Evil continua a far discutere di se: a molti non è andata giù la nuova visuale in prima persona, altrettanti però reclamano a gran voce cambiamenti importanti rispetto alle ultime iterazioni del gioco, compreso chi vi scrive. Se la direzione intrapresa da parte di Capcom sarà quella giusta lo sapremo solamente a prodotto ultimato; durante il Tokyo Game Show speravamo di carpire più informazioni possibili, ma purtroppo ci siamo dovuti "accontentare" di una demo aggiornata (disponibile da ieri per tutti) rispetto a quella vista durante la GamesCom di Colonia, e di un trailer che perlomeno ha mostrato, seppur brevemente, il tanto agognato utilizzo delle armi. È chiaro che gli sviluppatori giapponesi si siano ispirati alle ultime "mode" dei videogiochi horror - vedi Amnesia e Outlast - ma il fardello che viene in dono dal nome Resident Evil sarà molto pesante da sostenere; siamo sicuri quindi che nulla verrà lasciato al caso in termini di trama o riferimenti a situazioni iconiche della serie.

Il Tokyo Game Show 2016 è stato teatro per una nuova prova di Resident Evil 7

Questi pazzi, pazzi zombie

Rispetto alla versione di Colonia la demo ci è parsa più pulita dal punto di vista grafico, stabile da quello del frame rate; la mole poligonale, complessità dell'ambientazione ed effetti grafici sono quelli, non lasciano gridare al miracolo rispetto ad altre produzioni di alto livello e sono figlie, forse, del voler puntare tanto anche su PlayStation VR. Al di là di questo l'importante sarà verificare il coinvolgimento e la qualità dell'avventura a prodotto completo. La demo comincia con l'inserimento di una VHS, che questa volta illustra le vicende di Mia, in fuga da una donna chiaramente con qualche rotella fuori posto, la quale vaneggiando la incolpa di essere arrivata in una casa che non avrebbe dovuto visitare. Una famiglia di pazzi Questa sezione segue molti dei canoni proposti dai due titoli citati poc'anzi, con la protagonista che deve scappare, nascondersi dalla vista altrui, aggirare il pericolo. Passando da una stanza all'altra, e morendo un paio di volte perché raggiunti, abbiamo raccolto un oggetto a forma di ragno, che abbiamo utilizzato per risolvere un semplice puzzle ambientale basato sulle ombre proiettate sul muro. Grazie a questo abbiamo attivato un passaggio che ci ha permesso di aggirare la nostra carnefice, per raggiungere una cavità sotto la casa e leggere una lettera dal messaggio estremamente criptico; nemmeno il tempo di girarci, però, che siamo stati assaliti tra urla di terrore. La parte inedita della demo è cominciata in questo momento, in seguito all'esserci risvegliati a tavola con la donna di cui sopra e la famiglia Baker al completo: sul lato sinistro una signora anziana apparentemente morta o dormiente, il figlio della carnefice che continuava a lanciarci roba addosso, il padre visibilmente su di giri, con la tavola imbandita di tanti succulenti resti umani. Quest'ultimo, stufato dai continui lanci del figlio, gli ha piantato un coltello sul braccio ad altezza del polso, poi si è alzato farfugliando qualcosa, e ci ha piantato un coltello in gola. Una famiglia di pazzi Tutto molto bello e inquietante, anche per una serie di interrogativi legati ai componenti della famiglia Baker: matti oltre ogni misura, capaci però di intendere e volere, dotati inoltre di doti atletiche fuori dal comune. Forse un nuovo tipo di virus, forse un qualcosa che potremo scoprire solo giocando il prodotto completo. Nel trailer si può notare l'uomo che sfonda una parete con una vanga, poi che in fiamme attacca il protagonista; in tale frangente si vedono finalmente le armi annunciate qualche settimana fa da parte di Capcom, ma solo per pochi istanti. Vuoi per la visuale, vuoi per quanto mostrato fino ad adesso, sembra che il ritmo delle sparatorie possa essere più compassato e vicino ai primi capitoli della serie, ma davvero si è visto poco per fare valutazioni sicure al 100%. Ad oggi Resident Evil 7 presenta sia elementi che potrebbero decretarne il successo qualitativo, sia altri che invece possono destare più di qualche preoccupazione: la data d'uscita, fissata per il 24 gennaio 2017, non è poi così lontana, e siamo sicuri quindi che vedremo il gioco in forma molto più estesa nelle prossime settimane!

Certezze

  • L'atmosfera c'è, la curiosità di vedere cosa succede anche
  • Malato al punto giusto

Dubbi

  • La visuale in prima persona e gli elementi alla Outlast sono ancora un'incognita
  • Potrebbe snaturare troppo la formula della serie?

TI POTREBBE INTERESSARE