Battlefield 1Dieci consigli per non temere il multiplayer 

In concomitanza con l'uscita di Battlefield 1 arriva anche la nostra guida al multiplayer, per iniziare con il piede giusto l'avventura nella Prima Guerra Mondiale

Ci siamo! Dopo il succoso antipasto offerto dalla beta e dalla versione EA Access, Battlefield 1 è finalmente arrivato. Il nuovo sparatutto DICE è probabilmente il miglior gioco dello sviluppatore svedese negli ultimi anni e, pur non stravolgendo le meccaniche base del gameplay, offre tutta una serie di novità per adattarsi al clima della Grande Guerra. Per questo abbiamo deciso di proporvi un agile vademecum al multiplayer, con dieci consigli per non farsi travolgere dalla polvere delle trincee della Prima Guerra Mondiale.

Battlefield 1 è finalmente arrivato: ecco 10 consigli per dominare il multiplayer del nuovo titolo DICE!

Come diventare una macchina da guerra

Consiglio n. 1: coordinarsi con il team
Lo abbiamo ripetuto più volte nel corso delle nostre prove e lo ribadiamo anche adesso: in Battlefield 1 non c'è spazio per i lupi solitari. Le classi e le armi sono studiate per adempiere a un preciso ruolo e gettarsi a testa bassa in territorio nemico conduce inevitabilmente a un'inutile e rapido decesso. Coordinarsi con la propria squadra, anche attraverso la chat, è importante, e lo è altrettanto scegliere la propria classe con criterio. Torneremo sulle classi con un pezzo di approfondimento nei prossimi giorni, ma per ora è sufficiente ricordare che supporto e medico sono classi fondamentali e devono trovarsi in condizione di rifornire i compagni di squadra con munizioni e medi-kit ogni volta che questi ne hanno bisogno. Scegliete poi un leader, che dia ordini e diriga le operazioni sul campo di battaglia. Battlefield 1 ha un menù apposito per scegliere gli obiettivi e portare a termine gli ordini di attacco garantisce dei punti aggiuntivi, che sono sempre molto utili per aumentare di livello più facilmente. Consiglio n. 2: pianificare le proprie mosse
Ci sono diversi modi per avere sotto controllo la situazione in ogni circostanza e il più scontato è avere una profonda conoscenze delle varie mappe. Sapere i punti dove potrebbe nascondersi un cecchino, le corsie preferite dei carri armati o le aree di apparizione delle classi Elite può dare un vantaggio sostanziale in battaglia e permette di sviluppare anche delle strategie d'attacco insieme al proprio team. Ma può essere utile anche sfruttare la proprio morte per pianificare le azioni successive: abilitate quindi il log delle uccisioni dal menù gameplay nelle opzioni e, mentre aspettate l'arrivo di un medico o di ritornare in azione, controllate se la vostra morte è stata vendicata e preparate le vostre mosse successive di conseguenza. Dieci consigli per non temere il multiplayer Consiglio n. 3: concentrarsi sulla mira
Altro consiglio base, ma a volte sottovalutato: mirate bene prima di colpire. A tutti piace piazzare un colpo alla testa al primo tentativo, tuttavia riuscire a mandare a segno i propri colpi è spesso più importante di un'uccisione immediata. Allenatevi a puntare verso il torso dei vostri bersagli e cercate di non fallire nemmeno sotto pressione. La pratica è fondamentale, soprattutto per chi preferisce la classe Scout. Inoltre, avere buona mira può tornare molto utile contro le truppe a cavallo: i cavalieri sono infatti molto mobili e pericolosi, anche in virtù della grande quantità di punti salute dell'animale. Riuscire a colpire il fantino in movimento è senza dubbio il modo più rapido per neutralizzare la minaccia, ma fate sempre attenzione, perché anche un cavallo senza guida può far male: se ne vedete uno toglietevi dalla strada il prima possibile e cercate di non venire travolti dalla sua corsa. Dieci consigli per non temere il multiplayer Consiglio n. 4: l'importanza del risparmio
Ve lo diciamo spesso quando si parla di progressione online e anche per Battlefield 1 non faremo eccezioni: non sprecate i punti faticosamente guadagnati! È infatti vero che se ne possono ottenere continuando a migliorare il proprio personaggio, ma il gioco non è molto generoso. Per questo vi consigliamo di partire dai potenziamenti per le classi che utilizzate di più, andando a verificare sempre con attenzione i benefici specifici di ogni nuovo oggetto. In particolare all'inizio non è molto conveniente investire nelle armi corpo a corpo, né nelle bocche da fuoco delle classi legate ai veicoli. Almeno finché non avrete tutto il necessario per supportare al meglio il vostro stile di gioco. Dieci consigli per non temere il multiplayer Consiglio n. 5: prendersi cura dei cecchini
Eliminare i cecchini prima di avanzare è sempre una buona abitudine e le granate a gas possono fornire un valido supporto. Certo, dalla lunga distanza non sono utilissime, ma una volta che vi siete avvicinati a sufficienza, un lancio ben piazzato può costringere il cecchino a uscire allo scoperto, o a indossare una maschera antigas, che di fatto gli rende impossibile utilizzare il fucile di precisione mentre vi avvicinate. Consiglio n. 6: avere pazienza
Chi ha dimestichezza con la serie lo sa già: mai allontanarsi troppo in fretta da un punto di cattura. Infatti è proprio dopo una cattura che spesso compaiono nuovi veicoli nella base, i quali possono rivelarsi molto utili alla vostra causa. Anche solo una jeep può fare la differenza e rendere molto più agevole raggiungere l'obiettivo successivo. Dieci consigli per non temere il multiplayer Consiglio n. 7: sfruttare l'ambiente
I cambiamenti all'interno degli scenari sono senza dubbio uno dei principali punti di forza di Battlefield 1. Perché quindi non sfruttare questa caratteristica a proprio vantaggio? Una tempesta di sabbia in modalità Conquista, per esempio, può essere davvero un valido alleato e permette di sfruttare la scarsa visibilità per raggiungere i punti di cattura senza preoccuparsi troppo delle minacce dall'alto. Inoltre rende più complicato l'utilizzo di artiglieria e veicoli pesanti, che possono così essere facilmente distrutti. Consiglio n. 8: direzionare il rinculo
Controbilanciare il rinculo è fondamentale in ogni sparatutto in prima persona ed è sempre buona regola sapere come fare. Per questo vi sarà utile sapere che, per la prima volta nella serie, in Battlefield 1 potete cambiare la direzione del rinculo, con le armi che spingeranno di conseguenza più verso sinistra, verso destra o verso il centro. Scegliere la direzione dipende molto dalle armi e dalle preferenze personali, anche se su PC si tende spesso a lasciarlo al centro. Dieci consigli per non temere il multiplayer Consiglio n. 9: imparare a guidare
Un'altra novità di questo capitolo è l'introduzione di due classi extra per i veicoli, ovvero Pilota per gli aerei e Carrista per i carri armati. I loro loadout base sono molto simili, con la possibilità di scegliere tra sei armi principali. Il carrista può però equipaggiare la granata anti-carro, mentre il pilota ha accesso a una pistola lancia-razzi. Inoltre entrambi possono utilizzare degli strumenti di riparazione, con cui sistemare il veicolo sia dall'interno, che dall'esterno. In quest'ultimo caso la procedura non verrà interrotta nemmeno dal fuoco nemico! Dieci consigli per non temere il multiplayer Consiglio n. 10: padroneggiare il corpo a corpo
Infine, in Battlefield 1 anche il sistema di scontri corpo a corpo è stato rivisitato, sia per adattarsi a un conflitto più brutale, sia per venire incontro alle esigenze della community. La prima novità riguarda così l'impossibilità di contrattaccare: per evitare i colpi occorre quindi allontanarsi dal nemico o eliminarlo prima che si avvicini troppo. Ci sono poi diverse armi tra cui scegliere, con differenze che interessano velocità e danni, ma anche la possibilità di rompere elementi dello scenario e veicoli. Un altro elemento da tenere in considerazione è la posizione da cui si approccia un nemico prima di colpirlo: gli attacchi frontali impiegano infatti più tempo a uccidere l'avversario, mentre un solo colpo alle spalle può essere letale se ben assestato. Per avere più chance l'ideale sarebbe quindi provare a colpire quando il vostro personaggio si appresta a caricare il colpo, ma in un titolo frenetico come questo raramente si ha abbastanza tempo per prendere la mira: perciò avvicinatevi furtivamente e colpite l'ignaro soldato il più velocemente possibile. Questi erano i nostri dieci consigli per arrivare preparati al multiplayer di Battlefield 1. Ci sono però molte altri trucchi e suggerimenti che potrebbero essere utili sul campo di battaglia, che speriamo di poter approfondire nei prossimi giorni. Non siete invece d'accordo con alcuni punti? Conoscete delle strategie migliori? Fatecelo sapere nei commenti!